Crea sito

Fantasia di antipasti *Pesce spada*Branzino*Gamberi*

Oggi la Sardegna in tavola diventa protagonista. Cosa ne dite di un tris di antipasti fresco e leggero?

Regna il profumo di mare, il colore del sole e soprattutto il sapore dell’estate. Ci farà compagnia un sofisticato legame tra tradizione e innovazione.

Ve lo propongo, provatelo se vi va e raccontatemi com’è andata.

Buon appetito!

  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 60 Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 2 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

Spada in salsa dorata

  • 6 fette Pesce spada affumicato
  • 2 cucchiai Succo di limone
  • 1 spicchio Aglio
  • 2 cucchiaini Miele di arancio
  • 1 cucchiaino Senape dolce
  • 100 ml Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale fino
  • q.b. Pepe nero

Polpettine di Branzino

  • Qualche foglie Prezzemolo
  • 300 g Branzino (spigola) (Sfilettato)
  • 1 Uovo
  • 50 g Pane grattugiato
  • 1 spicchio Aglio
  • q.b. Pepe nero
  • q.b. Olio di semi di girasole

Insalata di gamberi e coriandoli

  • 1000 g Gamberi
  • 1 ciuffo Rucola
  • 1 cespo Radicchio
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • 6 Pomodorini datterini
  • 1 costa Sedano
  • 1 Carote
  • q.b. Sale fino
  • q.b. Pepe nero
  • q.b. Semi di coriandolo

Preparazione

Spada in salsa dorata

  1. Per la preparazione di questo piatto vi sarà sufficiente il tempo di marinatura del pesce e qualche minuto di preparazione.
    Cominciate preparando una semplice Vinagrette al limone. Vi consiglio di prepararla in anticipo, conservata in frigo ben chiusa vi durerà qualche giorno, inoltre questo vi premetterà di averla pronta anche per dare risalto a una semplice insalata preparata all’ultimo momento.
    Procedete lavando molto bene il limone, preferitene uno da agricoltura biologica e non perché va di moda ma semplicemente perché il vostro organismo apprezzerà la mancanza di sostanze chimiche e soprattutto il gusto sarà sicuramente migliore! A questo punto grattugiate tutta la buccia avendo cura di non asportare anche la parte bianca.
    Infine versate il tutto nel bicchiere del mixer a immersione a cui andrete ad aggiungere due cucchiai da cucina di succo di limone, un cucchiaino da caffè di senape dolce (potete usare anche la classica, sebbene vi consiglio di dimezzare ancora la quantità di succo di limone altrimenti il gusto diventerebbe troppo acidulo e conseguentemente il sapore del pesce verrebbe completamente annullato), e due cucchiaini di miele d’arancio. Tritate finemente uno spicchio piccolo di aglio e unite al resto degli ingredienti. A questo punto accendete il mixer e a filo fate scendere l’olio extravergine d’oliva, emulsionate tutto per un minuto e la vostra vinagrette è pronta!

    Ora potete dedicarvi alla marinatura: immergete bene le fette di pesce spada nell’emulsione ottenuta in modo che ne sia avvolto completamente. Un’ ora circa di marinatura sarà sufficiente per dare un gusto più fresco e soprattutto esaltare la delicatezza del pesce spada.

    Impiattatesu un letto di radicchio e servite .

Insalata di gamberi e coriandoli

  1. Eccoci arrivati all’ultimo protagonista del nostro tris di antipasti.

    Volontariamente ho lasciato questa preparazione per ultima perché è la meno laboriosa e allo stesso tempo quella che a mio avviso necessita di essere servita appena pronta.

    Prima di tutto portate a bollore mezzo litro d’acqua all’interno del quale farete cuocere per circa tre minuti i gamberi interi. Ultimata la cottura lasciateli raffreddare. Successivamente lavate le vostre verdure, tagliate e striscioline da circa mezzo cm il radicchio,procedete poi pelando le carote e tritandole a julienne, nello stesso modo tagliate il sedano,  poi sminuzzate la rucola e tagliate in quattro parti i pomodori datterini. Ora sistemate tutto in una ciotola. Quindi recuperate i gamberi che avevate messo da parte, liberateli del carapace e unite le code alle verdure. Infine mischiate il tutto con un filo d’olio, un pizzico di sale, una spruzzata di pepe nero, degno di nota sarà il tocco finale dato da qualche pizzico di semi di coriandolo perché esalterà al meglio la freschezza di questo piatto.

    Buon appetito!

Polpettine di branziono

  1. Iniziate questa preparazione squamando il branzino e lavandolo in tal modo ci faciliteremo il lavoro e non incorreremo in fastidiosi residui.

    Successivamente sflilettate il pesce crudo, ricavatene il filetto e tralasciate la parte che ricopre la pancia. Affinché che non siano rimaste spine abbiate cura di controllare bene e procedete col preparare una tartàre che andrete a sistemare in una ciotola, dopo di chè aggiungete mezzo spicchio d’aglio e qualche foglia di prezzemolo tritai finemente, un uovo piccolo, un pizzico di sale, un pizzico di pepe nero e pane grattugiato quanto basta ad ottenere un impasto morbido ma non colloso.

    Procedete creando delle polpettine di circa tre cm di diametro che fare rotolare su una panatura di pangrattato.

    Intanto in una padella portate a temperatura l’olio di semi e friggete le polpettine fino a doratura completata. Tenete la fiamma media, così ché il pesce abbia il tempo di cuocere e come risultato otterrete una doratura non troppo marcata. Se non scolate bene potrebbero risultare poco digeribili, pe questo motivo prima di impiattarle abbiate cura di mettere le polpettine su un foglio di carta assorbente.

    A questo punto non vi resta che scegliere il vostro piatto da portata e poggiarvi le polpettine accompagnandole con qualche anello di cipolla rossa in agrodolce.

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Fantasia di antipasti *Pesce spada*Branzino*Gamberi*”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.