Frittata di maccheroni… rivisitata!

Print Friendly

La frittata di maccheroni è un MUST a Napoli. Nasce dall’esigenza di riutilizzare la pasta avanzata (a casa nostra soprattutto quella della domenica, giorno in cui si cucina sempre troppo). Ognuno la fa a modo suo, può essere al sugo (vedi pasta al ragù avanzata) o bianca (in questo caso molti aggiungono la besciamella per evitare che sia troppo asciutta). La frittata di maccheroni a Napoli però è fritta ed io le fritture le evito… sempre e comunque quindi anche la mia frittata di maccheroni viene cotta al forno 🙂 Questa volta non avevo il sugo avanzato nè mi andava di farlo per l’occasione e ho optato per la versione bianca ovviamente con le mie modifiche.

Ingredienti per 2 persone:

250 gr di linguine

una noce di burro

100 gr di panna di soia

un po’ di latte (opzionale)

2 uova

formaggio filante (io galbanino)

parmigiano grattugiato

speck

Ho cotto la pasta, scolata al dente. Aggiunto subito la noce di burro e un po’ di latte per lasciarle umide. Intanto ho sbattuto le uova, salato, aggiunto parmigiano, formaggio tagliato a dadini, lo speck e ho versato sulla pasta una volta raffreddata. Ho poi versato la panna e mescolato bene, versato il tutto nella mio plumcake di silicone ed informato per 20 minuti circa a 180-200° (forno caldo).

Semplice e buonissima… l’ho mangiata oggi a pranzo ed era veramente saporita e soprattutto non asciutta/secca come si potrebbe immaginare dato la cottura al forno, provare per credere!

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

Ps. se non volete usare la panna di soia, potete tranquillamente usare una panna da cucina qualsiasi (quella di soia è più leggera) o volendo strafare allora sostituite con la besciamella come fanno le rosticcerie napoletane!

 

Cupcakes di spinaci

Print Friendly

Le mie ricette si sa ( generalmente) sono semplici e veloci. Questa ricetta è davvero semplicissima ma un modo gustoso e carino per assaporare e servire gli spinaci… perché no anche ad una cena di amici 🙂

Ingredienti

200 gr spinaci lessati

1 vaschetta da 100 gr  di ricotta

1 uovo

 formaggio filante qb

parmigiano qb

sale

In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti e poi versare negli stampini per i muffin. Infornare a forno caldo (200°) per circa 15/20 minuti. Servire caldi.

Più semplice di così… 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Strudel di carne

Print Friendly

Ecco a voi una ricetta molto sfiziosa da fare per la cena, il pranzo in ufficio, come antipasto, per riutilizzare il ragù di carne avanzato… insomma adatto ad ogni occasione.

Per questa versione ho usato per la prima volta la pasta fillo (quella che si usa di solito per gli involtini primavera). L’ho scoperta da poco, non ci avevo mai fatto caso (non l’avevo mai cercata) ma ora la trovo quasi in ogni banco frigo dei supermercati accanto alle sfoglie, briseè, base per pizza etc. Di solito la facevo con la pasta sfoglia (ottima alternativa in questo caso) ma la pasta fillo è più leggera, chi non preferisce il sapore burroso della sfoglia può provare la pasta fillo… e non la lascerà più. Non è difficile utilizzarla ma a differenza della pasta sfoglia è molto (ma molto!) più sottile quindi vi conviene piegarla su stessa facendo vari strati e poi porre la carne per creare gli involtini altrimenti si romperà!

Passiamo alla ricetta…

Se non avete il ragù di carne avanzato (quello della bolognese per intenderci, oppure il ragù bianco) bisogna prepararlo.

Questa la mia ricetta del ragù bianco (per la versione rossa, basterà aggiungere la passata di pomodoro, ma lo strudel di carne io lo preferisco in bianco):

* AGGIORNAMENTO*

Carne macinata (300 gr)

Formaggio filante (tipo scamorza) (200 gr)

mezzo bicchiere di vino

speck (o pancetta) a cubetti (50 gr)

Sedano (mezzo)

carote (mezza)

parmigiano grattugiato

cipolla q.b.

sale

olio

brodo granulare (o 1 dado) – opzionale

In una pentola con doppio fondo, mettere l’olio, la cipolla, il sedano e la carota. Accendete a fuoco vivace, io preferisco aggiungere subito la carne e lo speck/la pancetta per evitare il soffritto (ma nessuno vi vieta di farlo). Mescolare spesso in modo che tutta la carne sia ben rosolata nell’olio. Aggiungere il vino e lasciare evaporare. Dopo 5 minuti circa aggiungere qualche mestolo di acqua e se volete aggiungere il dado di brodo vegetale. Se volete fare il ragù rosso, aggiungete direttamente la passata, senza acqua ne dado.

Far cuocere a fiamma bassa con coperchio per circa 15 minuti. Togliere il coperchio e far asciugare un po’. Aggiungere il formaggio grattuggiato (si scioglierà subito dando sapore alla carne) ed il parmigiano.

Se usate la pasta sfoglia, potete fare un unico rotolo mettendo tutto il ragù tiepido al centro della pasta e poi arrotolare come un cannellone/strudel (girare su stessa la sfoglia e chiudere l’estremità per evitare che fuoriesca la carne abbassando le estremità sotto il rotolo).

Se usate la pasta fillo conviene creare piccoli strudel, quindi ripiegare la pasta sfoglia su stessa per creare più strati e poi tagliare dei rettangoli. Procedere come sopra.

Infornare a fondo caldo (180° – 200°) per circa 20 minuti. Anche qui dipende da che pasta usate, la pasta sfoglia avrà bisogno di più tempo (30 – 40 min), i piccoli strudel di pasta fillo si cuoceranno più velocemente. Vi conviene sempre controllare perché dipende molto dal vostro forno. Per capire quando è pronta: entrambe le sfoglie devono essere belle dorate e croccanti sia sul lato superiore che inferiore.

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Ps. Se volete prendere 2 piccioni con una fava, aumentate le dosi del ragù e mangiatelo con la pasta il giorno dopo 🙂

Il ragù può essere anche congelato in contenitori di plastica adatti. Scongelare lentamente in frigo per poi condire la vostra pasta.

Tacchino tricolore

Print Friendly

Hai del petto di tacchino (o pollo) in frigo e non sai come prepararlo? vorresti una ricetta semplice e veloce che lo renda gustoso? ecco al ricetta che fa per te…. il tacchino tricolore (dalla foto si intuisce perchè ho deciso di chiamarlo così, no?)

Ingredienti

Petto di tacchino (o pollo)

pesto di basilico

pomodori freschi

formaggio filante

parmigiano grattugiato

Cuocere il petto di tacchino in una padella antiaderente (o come di solito fate il petto di pollo in umido), coprendolo con qualche cucchiaio di pesto e del parmigiano grattugiato. Io ho messo il coperchio e fatto cuocere a fiamma dolce per cuocere l’interno.

Qualche minuto prima della cottura, ho  aggiunto i pomodori a crudo e il formaggio filante. Ho ricoperto fino allo scioglimento del formaggio. Servire caldo.

Cosa c’è di più semplice?:)

Buona cucina a tutti, Ilaria

Parmigiana al pesto

Print Friendly

Avrete notato la mia passione per la parmigiana e la mia continua ricerca di nuove versioni.

La parmigiana al pesto a me piace tantissimo, è un gusto particolare deve piacervi molto il pesto per apprezzarla.

Ingredienti 

Melanzane (a fette, già fritta)

Pesto (io senza aglio)

Besciamella (vedi ricetta)

Parmigiano grattugiato

Pecorino grattugiato

Sottilette

Procedimento 

Stendere sulla teglia la besciamella, porre le fettine di melanzane, i formaggi poi coprire con besciamella e qualche cucchiaio di pesto qui e là. Continuare così ad esaurimento delle melanzane. Concludere l’ultimo strato ricoprendolo di parmigiano.

Infornare a 200° per 5/10 minuti, giusto il tempo che inizia a bollire la besciamella.

Semplice no? Io le melanzane le avevo già fritte e congelate, ieri sera le ho scongelate mettendole in un recipiente con dell’acqua, tempo 10 minuti ed era pronte all’utilizzo.

Potete anche farla con le melanzane arrostite, dovrete però abbondare con la besciamella altrimenti sarà “asciutta” invece con quelle fritte c’è l’olio che la rende gustosa.

La besciamella ho provato a farla con burro e latte di soia ed effettivamente è molto più leggera.

Ps. scusate la foto, ma ieri sera mi è sfuggito di farla e oggi (in ufficio!) è stata fatta questa prima di riscaldarla.

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Parmigiana di patate e zucchine

Print Friendly

La parmigiana di patate e zucchine è una scoperta, per me, recente. Questa ricetta è una mia variante, devo dire che mi è piaciuta tantissimo quindi la consiglio a tutti 🙂

Ingredienti

Patate

Zucchine

Stracchino/crescenza

Parmigiano

Sottilette

Sale

 

Procedimento 

Affettare le patate e le zucchine il più sottile possibile (io come sempre ho usato il mio kenwood!), lessare qualche minuto le patate (i tempi di cottura delle patate sono più lunghi rispetto alle zucchine).

Ricoprire una teglia con carta da forno FRIO, lasciando che fuoriesca dai bordi. Porre sulla base le patate, le zucchine, stracchino, parmigiano e sottilette. Procedere con altri strati fino ad esaurimento. Abbassare la carta da forno (in più) coprendo la parmigiana. In alternativa potete coprirla con la carta alluminio.

Infornare a forno caldo (200°) per circa 40 minuti (assaggiare una patata per verificarne la cottura). Scoprire la parmigiana e continuare la cottura per altri 5 minuti per farla asciugare     e per fare la crosta dorata e croccante.

Servire calda o fredda, ottima per il pranzo in ufficio, come piatto unico, come secondo… come e quando volete  insomma 🙂

Buona cucina a tutti, Ilaria 

Petto di pollo con ricotta e spinaci

Print Friendly

Questa ricetta di petto di pollo con ricotta e spinaci è davvero buona, ovviamente è possibile farla anche in versione bianca senza il pomodoro.

Ingredienti:

petto di pollo

ricotta

spinaci

formaggio filante 

uovo

pan grattato

parmigiano

passata di pomodoro (opzionale)

Procedimento: 

Lessare gli spinaci, salarli e  scolarli. Appena raffreddati, aggiungere la ricotta, il parmigiano e del formaggio filante. Intanto battere le fettine di petto di pollo con il batticarne. Ricoprire con la ricotta e gli spinaci e chiudere come un involtino.

Passare nell’uovo sbattuto (non dimenticatevi di salare) e poi nel pangrattato. Come sempre io faccio tutto al forno…. quindi infornare a 200° per circa 15 minuti (verificate la cottura tagliando un involtino).

Per la versione “rossa”, aggiungere un cucchiaio di passata e il formaggio filante su ogni involtino e far cuocere altri 2/3 minuti.

questo il risultato… invitante no? 🙂

buona cucina a tutti,

Ilaria

Parmigiana ricotta e galbanino

Print Friendly

La parmagiana di ricotta e galbanino è per gli amanti della ricotta. Come dice Chiara Maci, chi non ha (sempre) della ricotta in frigo?! 🙂 Ovviamente è una ricetta semplice e leggera.

Ingredienti:

melanzane arrostite

passata di pomodoro

ricotta

galbanino

parmigiano

Si procede esattamente come per una parmigiana: spalmare della passata nella pirofila, stendere le melanzane arrostite, ricoprire con cucchiaini di ricotta qua e là, ricoprire di galbanino e poi un nuovo strato di passata. Proseguire così fino ad esaurimento dei prodotti. Terminare con la passata e il parmigiano (abbondante).

Infornare a 200° fino a quando il sugo inizia a bollire. Se la preferite più “asciutta”, lasciate cuocere altri 5 minuti dopo il bollore, così il sugo si asciugherà.

Ps. io la passata generalmente non la metto a crudo, ma preferisco sempre farla cuocere prima 10 minuti con olio, sale e basilico. La parmigiana così sarà più saporita 🙂

buona cucina a tutti,

Ilaria 

Polpettone con purè di patate

Print Friendly

Devo essere sincera a me il polpettone non è mai piaciuto perchè lo trovavo sempre troppo “asciutto” ma da quando ho scoperto il polpettone con il purè di patate è diventata una ricetta ricorrente 🙂

Ingredienti 

Carne macinata 500 gr

purè di patate ( 5 patate lesse, un cucchiaio di burro, sale, noce moscata, parmigiano, latte qb)

1 uovo

mollica di pane (messo in ammollo nel latte)

parmigiano

formaggio (qualsiasi avete in casa)

Procedimento:

Preparare il purè di patate (io lo faccio con il mio Kenwood. Utilizzo la grattugia per passare le patate, poi continuo con il tritatutto per mescolare bene le patate con il latte, formaggio, sale e noce moscata). Non lo faccio cuocere sul gas intanto si cuocerà in forno. Se non avete il kenwood potete farlo tranquillamente in una ciotola. Il procedimento sarà lo stesso, solo che dovrete usare la forza delle vostre braccia 🙂

Preparare il polpettone mescolando in una ciotola la carne con le uova, il pane, sale, formaggio. Stendere su carta da forno FRIO. Coprire con altra carta da forno e stendere ulteriormente con il mattarello. Porre il purè di patate sulla carne ed arrotolare.

Chiudere bene soprattutto le estremità altrimenti vi perderete tutto il purè. Porre il rotolo in una teglia da forno ed infornare a forno caldo (200°) per circa 15 minuti.

Senza scottarvi cercate di aprire  la carta da forno in modo da fare rosolare meglio il polpettone. Continuare la cottura per altri 5 minuti.

Servire caldo. E’ un piatto completo in quanto avrete il polpettone con già il contorno 🙂

Ps. Il mio si è rotto perchè volevo togliere la carta da forno per fotografarlo, ma vi assicuro che il sapore era ottimo comunque!

Buona cucina a tutti, Ilaria 

Peperoni ripieni (versione light)

Print Friendly

Lo so il peperone ripieno, di solito, è un po’ “pesante” ed è difficile immaginarne una versione light, invece sono riuscita ad inventare una ricetta semplice, light ed ovviamente buona 🙂

Ingredienti (per 2 persone):

  • 1 peperone a testa + metà peperone per il ripieno
  • Carne macinata (1 vaschetta)
  • Robiola 200 gr
  • Parmigiano reggiano
  • Pecorino
  • Zucchine
  • Sale

Procedimento:

versare la robiola nella carne e mescolare, aggiungere il parmigiano, il pecorino (opzionale), sale ed infine le zucchine (io le avevo congelate, erano state quindi già tagliate a cubetti e scottate in acqua bollente, ma sono sicura che vanno bene anche crude)e il peperone tagliato a cubetti.

Intanto lavare i peperoni, tagliare il cappello e lavare l’interno svuotando dei semini. Riempire il peperone con un cucchiaio fino all’orlo e richiudere appoggiando il cappello.

Appoggiare i peperoni in una teglia da forno, aggiungere 2 dita di acqua ed infornare a 200° (forno già caldo). Per circa 45 minuti (dipende dal vostro forno, sono cotti quando tutti i lati sono visibilmente arrostiti), girando a metà cottura.

…. Buona cucina a tutti, Ilaria

Ps. Mi spiace non avere foto migliori ma mi ero dimenticata di fotografare il peperone appena sfornato, la foto allegata è scattata con cellulare poco prima di essere mangiato 🙂

 

Con questa ricetta, partecipo al Contest Sua maestà il peperone 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...