Smoothie pesca e menta

Print Friendly

 

Forse io arrivo in ritardo, ma ho da poco scoperto gli smoothie. Per chi non lo sapesse è una specie di frullato a base di frutta o verdura, ne esistono ovviamente mille varianti quella che io preferisco (soprattutto in estate) è quella con yougurt e ghiaccio. Molti usano il latte ma a mio parere quello è il milkshake 🙂

Il mio smoothie preferito è quello pesca e menta. Ho la fortuna di avere vasetto di menta fresca sul balcone quindi l’ho già fatto spesso e volentieri anche perché semplicissimo.

Se non avete mai provato l’accoppiata pesca e menta rimarrete piacevolmente sorpresi, io l’adoro!!!

Ingredienti per 2 smoothie:

2 pesce gialle

2-3 cucchiai di yogurt bianco naturale

1 cucchiaio di zucchero (o fruttosio)

5-6 foglie di menta

5-6 cubetti di ghiaccio

(Le quantità suddette sono puramente indicative, potete omettere lo zucchero, aumentare/ ridurre lo yogurt o ghiaccio a vostro piacimento).

Io uso il frullatore kenwood (quello con boccale e lame corte), metto prima le pesche con yogurt e zucchero poi aggiungo il ghiaccio. Potete frullare fino a completo rottura del ghiaccio o lasciarne qualche pezzetto più grosso se vi piace.

Servire subito, magari decorando con altre foglie di menta… e gustate la freschezza e la bontà di questo smoothie (è un’ottimo spuntino, aperitivo o post cena … in sostituzione del dessert :))

Liberate la fantasia ed usate qualsiasi frutta e qualsiasi spezia/aroma. Ieri ho provato anche con i frutti di bosco… fatemi sapere quale è il vostro smoothie preferito che lo provo subito anche io 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

Frittata di maccheroni… rivisitata!

Print Friendly

La frittata di maccheroni è un MUST a Napoli. Nasce dall’esigenza di riutilizzare la pasta avanzata (a casa nostra soprattutto quella della domenica, giorno in cui si cucina sempre troppo). Ognuno la fa a modo suo, può essere al sugo (vedi pasta al ragù avanzata) o bianca (in questo caso molti aggiungono la besciamella per evitare che sia troppo asciutta). La frittata di maccheroni a Napoli però è fritta ed io le fritture le evito… sempre e comunque quindi anche la mia frittata di maccheroni viene cotta al forno 🙂 Questa volta non avevo il sugo avanzato nè mi andava di farlo per l’occasione e ho optato per la versione bianca ovviamente con le mie modifiche.

Ingredienti per 2 persone:

250 gr di linguine

una noce di burro

100 gr di panna di soia

un po’ di latte (opzionale)

2 uova

formaggio filante (io galbanino)

parmigiano grattugiato

speck

Ho cotto la pasta, scolata al dente. Aggiunto subito la noce di burro e un po’ di latte per lasciarle umide. Intanto ho sbattuto le uova, salato, aggiunto parmigiano, formaggio tagliato a dadini, lo speck e ho versato sulla pasta una volta raffreddata. Ho poi versato la panna e mescolato bene, versato il tutto nella mio plumcake di silicone ed informato per 20 minuti circa a 180-200° (forno caldo).

Semplice e buonissima… l’ho mangiata oggi a pranzo ed era veramente saporita e soprattutto non asciutta/secca come si potrebbe immaginare dato la cottura al forno, provare per credere!

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

Ps. se non volete usare la panna di soia, potete tranquillamente usare una panna da cucina qualsiasi (quella di soia è più leggera) o volendo strafare allora sostituite con la besciamella come fanno le rosticcerie napoletane!

 

Pasta al pesto

Print Friendly

Da quando ho assaggiato il pesto senza aglio, mi sono innamorata del pesto soprattutto se fatto in casa… ed io ovviamente, basilico permettendo, lo faccio io. Per la serie: cotto e mangiato.

Queste le dosi per il pesto al basilico:

80 gr di basilico
50 gr di parmigiano
30 gr di pecorino
30 gr di pinoli
150 gr di olio extra vergine di oliva
1 spicchio di aglio (facoltativo)
sale q. b.

Lavare bene il basilico, lasciare su un canovaccio di cotone fino a completa asciugatura (potete aiutarvi tamponando con della carta da cucina).

Mettere il basilico, il parmigiano, il pecorino , ed i pinoli nel mixer, iniziare a frullare. Aggiungere l’olio a filo ed il sale e frullare fino a quando il tutto si trasforma in un bel composto verde (pochi secondi altrimenti il basilico si ossida e diventa scuro. Vi consiglio di  frullare ad intervalli).

Il pesto può essere congelato in vasetti di vetro (io uso spesso quelli piccoli degli omogeneizzati così da avere già la porzione per 2 persone una volta scongelato). E’ preferibile scongelare (lentamente) in frigo. In alternativa conservare in frigo e consumare in un paio di giorni. Per una corretta conservazione il pesto deve essere coperto di olio, quindi se vedete che è poco, aggiungetene un altro po’ direttamente nel vasetto.

Quando faccio la pasta con pesto, spesso aggiungo (come da foto) qualche pomodorino e    del formaggio filante oltre al parmigiano. Aggiungo il pesto a fine cottura della pasta (cottura al dente) e, contestualmente, il pomodoro e il formaggio. Lascio qualche secondo nella pentola e poi servo. Il pomodoro darà un tocco di freschezza ulteriore al vostro piatto… provare per credere 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Cupcakes di spinaci

Print Friendly

Le mie ricette si sa ( generalmente) sono semplici e veloci. Questa ricetta è davvero semplicissima ma un modo gustoso e carino per assaporare e servire gli spinaci… perché no anche ad una cena di amici 🙂

Ingredienti

200 gr spinaci lessati

1 vaschetta da 100 gr  di ricotta

1 uovo

 formaggio filante qb

parmigiano qb

sale

In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti e poi versare negli stampini per i muffin. Infornare a forno caldo (200°) per circa 15/20 minuti. Servire caldi.

Più semplice di così… 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Tacchino tricolore

Print Friendly

Hai del petto di tacchino (o pollo) in frigo e non sai come prepararlo? vorresti una ricetta semplice e veloce che lo renda gustoso? ecco al ricetta che fa per te…. il tacchino tricolore (dalla foto si intuisce perchè ho deciso di chiamarlo così, no?)

Ingredienti

Petto di tacchino (o pollo)

pesto di basilico

pomodori freschi

formaggio filante

parmigiano grattugiato

Cuocere il petto di tacchino in una padella antiaderente (o come di solito fate il petto di pollo in umido), coprendolo con qualche cucchiaio di pesto e del parmigiano grattugiato. Io ho messo il coperchio e fatto cuocere a fiamma dolce per cuocere l’interno.

Qualche minuto prima della cottura, ho  aggiunto i pomodori a crudo e il formaggio filante. Ho ricoperto fino allo scioglimento del formaggio. Servire caldo.

Cosa c’è di più semplice?:)

Buona cucina a tutti, Ilaria

Vegan cookies (avena & uvetta)

Print Friendly

Non sono una vegana nè conosco bene cosa significa esserlo ma sono capitata su questo blog un po’ di tempo fa e da qui è nata la mia sfida …trovare una ricetta vegana che potesse piacere anche a me! 🙂

La cosa più difficile è stato sostituire l’uovo, ma è bastato andare in giro per qualche sito e si è aperto un mondo!

Oggi ho provato questa ricetta, avevo tutti gli ingredienti in casa, e avevo acquistato i semi di lino in sostituzione dell’uovo quindi potevo farla.

Quello che mi ha sorpreso di più (oltre al sapore) è stato il profumo che usciva dal forno. Per magia i biscotti avevano anche la consistenza dei biscotti nonostante l’impasto non mi faceva sperare per il meglio.. invece come per magia, ho sfornato dei biscotti buonissimi (il mio ragazzo che non ama le cose dolci, ne ha mangiati almeno 3… dice che somigliano molto ai biscotti ai cereali di quella famosa marca in commercio!).

Ecco la ricetta:

  • 1/2 Cup farina
  • 1/4 Cup semi di lino
  • 3/4 Cup crusca d’avena
  • 1/4 Cup zucchero di canna
  • 1/2 teaspon bicarbonato di soda
  • 1 Teaspoon lievito in polvere
  • Pizzico di cannella
  • 1 bustina di Vaniglia
  • 2 Tablespoons olio di semi
  • 5 Tablespoons sciroppo d’acero
  • 1 Tablespoon Melassa
  • 1/4 Cup uvetta
Qui la conversione da cups in grammi.

Ho versato tutti gli ingredienti insieme in una ciotola, ho mescolate bene. Ho steso la carta da forno sulla teglia e messo un cucchiaio di impasto (a giusta distanza l’uno dall’altro) appiattendolo un po’ con il cucchiaio.

Infornato a forno caldo (180°) per circa 8/10 minuti. Sono pronti appena diventano dorati. Li ho sfornati e fatti raffreddati (acquistano consistenza e diventano croccanti una volta freddi).

* Con questi dosi sono usciti circa 15 biscotti.

Con questa ricetta partecipo al Contest Golosità Vegane d’Autore

*** ENGLISH VERSION ***

I’m not vegan and I don’t actually know exactly what it means to be vegan but I found this blog and I decided that I had to find a vegan recipe that I could love too.

The most difficult thing, I thought was to substitute the eggs but then reading around I found out that it was easy and that there were many ways.

Today I finally found a recipe for which I had found all ingredients so I could bake. The result was surprising good. My boyfriend, that actually doesn’t like sweet things just loved them and ate immediately 3 as soon as I got them out of the oven!

Here below the recipe for 15 cookies:

  • 1/2 Cup flour
  • 1/4 Cup flax seed
  • 3/4 Cup oats
  • 1/4 Cup brown sugar
  • 1/2 teaspon soda
  • 1 Teaspoon baking powder
  • Pinch of cinnamon
  • 1 tbs vanilla
  • 2 Tbs oil
  • 5 Tbs maple syrup
  • 1 tbs  molasses
  • 1/4 Cup raisin

 Preheat oven at 375°F.

Making this cookies is so easy: You whisk all ingredients together.

With a spoon help yourself to place the cookies on a  baking pan (I used some baking paper, alternatively you can spread some oil or butter on the pan).

It takes about 8-10 minutes to bake. As soon as they get gold you shall remove them, they will get crispy when cooler. 

Enjoy, Ilaria 

Parmigiana al pesto

Print Friendly

Avrete notato la mia passione per la parmigiana e la mia continua ricerca di nuove versioni.

La parmigiana al pesto a me piace tantissimo, è un gusto particolare deve piacervi molto il pesto per apprezzarla.

Ingredienti 

Melanzane (a fette, già fritta)

Pesto (io senza aglio)

Besciamella (vedi ricetta)

Parmigiano grattugiato

Pecorino grattugiato

Sottilette

Procedimento 

Stendere sulla teglia la besciamella, porre le fettine di melanzane, i formaggi poi coprire con besciamella e qualche cucchiaio di pesto qui e là. Continuare così ad esaurimento delle melanzane. Concludere l’ultimo strato ricoprendolo di parmigiano.

Infornare a 200° per 5/10 minuti, giusto il tempo che inizia a bollire la besciamella.

Semplice no? Io le melanzane le avevo già fritte e congelate, ieri sera le ho scongelate mettendole in un recipiente con dell’acqua, tempo 10 minuti ed era pronte all’utilizzo.

Potete anche farla con le melanzane arrostite, dovrete però abbondare con la besciamella altrimenti sarà “asciutta” invece con quelle fritte c’è l’olio che la rende gustosa.

La besciamella ho provato a farla con burro e latte di soia ed effettivamente è molto più leggera.

Ps. scusate la foto, ma ieri sera mi è sfuggito di farla e oggi (in ufficio!) è stata fatta questa prima di riscaldarla.

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Parmigiana di patate e zucchine

Print Friendly

La parmigiana di patate e zucchine è una scoperta, per me, recente. Questa ricetta è una mia variante, devo dire che mi è piaciuta tantissimo quindi la consiglio a tutti 🙂

Ingredienti

Patate

Zucchine

Stracchino/crescenza

Parmigiano

Sottilette

Sale

 

Procedimento 

Affettare le patate e le zucchine il più sottile possibile (io come sempre ho usato il mio kenwood!), lessare qualche minuto le patate (i tempi di cottura delle patate sono più lunghi rispetto alle zucchine).

Ricoprire una teglia con carta da forno FRIO, lasciando che fuoriesca dai bordi. Porre sulla base le patate, le zucchine, stracchino, parmigiano e sottilette. Procedere con altri strati fino ad esaurimento. Abbassare la carta da forno (in più) coprendo la parmigiana. In alternativa potete coprirla con la carta alluminio.

Infornare a forno caldo (200°) per circa 40 minuti (assaggiare una patata per verificarne la cottura). Scoprire la parmigiana e continuare la cottura per altri 5 minuti per farla asciugare     e per fare la crosta dorata e croccante.

Servire calda o fredda, ottima per il pranzo in ufficio, come piatto unico, come secondo… come e quando volete  insomma 🙂

Buona cucina a tutti, Ilaria 

Pancakes

Print Friendly

Oramai i pancakes sono famosi anche in Italia, io li adoro. Ricordo che alla mia prima colazione negli USA ho apprezzato solo quelli (la colazione salata io proprio non la digerisco) anzi non vedevo l’ora di tuffarmi nello sciroppo d’acero 🙂

Ecco la ricetta:

1 uovo

160ml latte

150g farina

60g zucchero

1 cucchiaino di lievito in polvere

Procedimento:

Sbattere l’uovo con il latte. Aggiungere la farina, lo zucchero ed il lievito. Lasciare riposare un’ora.

Se l’impasto risulta essere troppo denso aggiungere un po’ di latte. L’impasto non deve essere troppo liquido altrimenti non mantiene la forma del pancake ma nemmeno troppo denso altrimenti non verranno soffici.

Scaldare una padella antiaderente (molti spennellano un po’ di olio o burro, io sinceramente non lo faccio mai), versare un cucchiaio abbondante di impasto. Girare con una paletta solo quando si sarà fatta una crosticina dorata e l’impasto inizia a fare dei buchi (segno che il composto liquido si quasi del tutto cotto). Saranno pronte quando anche il secondo late è dorato.

Servire caldi con sciroppo d’acero, miele, yogurt, frutta fresca, marmellata, nutella… insomma qualsiasi cosa vogliate metterci 🙂

I pancakes possono essere preparati il giorno prima, tenuti in frigo e riscaldati al micronde al momento dell’utilizzo. Possono essere anche congelati, scongelarli lentamente in frigo (io li scongelo la sera per la mattina seguente).

Buona cucina … anzi buona colazione a tutti!

AGGIORNAMENTO 

Ho provato anche la ricetta del Boss delle Torte con il latticello, sono molto più soffici e spumosi. Non so dirvi quale versione preferisco, vi posto comunque la ricetta:

1 cup farina

1 cup latticello (200 ml di yogurt bianco + 2 cucchiai di latte, lasciato riposare 15 min)

1 uovo

1 tbsp di zucchero

pizzico di sale

½ tsp bicarbonato

½ tsp lievito in polvere

Procedimento:

Ho sbattuto l’uovo con sale, zucchero, bicarbonato e la farina. Ho poi aggiunto il latticello ed il lievito. Lasciato riposare 10 min in frigo e poi come di consueto ho versato un cucchiaio nella padella antiaderente e girato quando oramai tutto l’impasto era stato assorbito. I pancakes devono avere entrambi i lati dorati quindi bisogna cuocere a fuoco dolce dolce (se alzate la fiamma la crosta si brucerà e l’interno sarà pesante come uno gnocco crudo).

Questa volta li ho fatti a cuore (tagliati con stampino una volta pronti) e serviti con ganache al cioccolato e caramello.

Ilaria

Parmigiana ricotta e galbanino

Print Friendly

La parmagiana di ricotta e galbanino è per gli amanti della ricotta. Come dice Chiara Maci, chi non ha (sempre) della ricotta in frigo?! 🙂 Ovviamente è una ricetta semplice e leggera.

Ingredienti:

melanzane arrostite

passata di pomodoro

ricotta

galbanino

parmigiano

Si procede esattamente come per una parmigiana: spalmare della passata nella pirofila, stendere le melanzane arrostite, ricoprire con cucchiaini di ricotta qua e là, ricoprire di galbanino e poi un nuovo strato di passata. Proseguire così fino ad esaurimento dei prodotti. Terminare con la passata e il parmigiano (abbondante).

Infornare a 200° fino a quando il sugo inizia a bollire. Se la preferite più “asciutta”, lasciate cuocere altri 5 minuti dopo il bollore, così il sugo si asciugherà.

Ps. io la passata generalmente non la metto a crudo, ma preferisco sempre farla cuocere prima 10 minuti con olio, sale e basilico. La parmigiana così sarà più saporita 🙂

buona cucina a tutti,

Ilaria 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...