Crea sito

Pappardelle al ragù di nonna Pina

“Pappardelle al ragù” Beh direi proprio che non c’è altro da aggiungere! La felicità delle buone forchette sta tutta in queste 3 parole. Oggi vi propongo una versione leggermente personalizzata di questo pilastro della cucina italiana. La particolarità di questo piatto sta nell’aggiunta di 2 elementi nel ragù: la noce moscata e il vino rosso, che sarà utilizzato non solo per sfumare la carne, ma anche durante la cottura.

Ho proprio definito le mie pappardelle “di nonna Pina” sia per rievocare il classico primo piatto preparato dalle nostre nonne, ma anche perchè questa è la versione che un giorno, anche io, spero di preparare ai miei nipotini.

Quindi, in modalità nonnina, vi dico corriamo (piano piano) verso la dispensa e mettiamo su un bel grembiule! 😉

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 90 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 3 persone
  • Costo: Economico

Ingredienti

  • 250 g Pappardelle all'uovo
  • q.b. Grana padano (grattugiato)

Per il ragù di carne

  • 400 g carne macinata mista
  • q.b. Olio di oliva
  • 1 Carote
  • 2 Cipolle
  • 1 Sedano (Gambo)
  • 2 foglie Alloro
  • 1 cucchiaino Salvia (in polvere)
  • 2 cucchiaini dado granulare (Knorr alle verdure)
  • 1 l Passata di pomodoro
  • q.b. Vino rosso
  • q.b. Pepe nero
  • 1 pizzico Noce moscata
  • 1 dado (per la carne)

Preparazione

  1. Procediamo con la preparazione del ragù partendo da un buon soffritto. Tritiamo finemente la cipolla, il sedano e la carota, facciamo soffriggere a fuoco medio, in un tegame dai bordi alti,con un fondo di olio EVO. Aggiungiamo 2 foglie di alloro e un cucchiaino di salvia in polvere per insaporire.

  2. Versiamo il macinato misto di carne, possibilmente bovino e suino, e facciamo rosolare a fiamma viva per qualche minuto.

  3. Insaporiamo con 2 misurini di dado granulare alle verdure Knorr (in alternativa si può sempre usare il dado vegetale) e sfumiamo con il vino rosso. Lasciamo evaporare per bene l’alcool del vino e continuiamo a mescolare.

  4. A questo punto possiamo incorporare la passata di pomodoro. Lasciamo cuocere, a fuoco alto, sino ad ebollizione, aggiungendo un pizzico di noce moscata, un dado gusto carne,del pepe nero e un abbondante sorso di vino rosso. A questo punto possiamo lasciare cuocere a fuoco basso per circa 1 ora e mezza il nostro ragù, avendo cura di mescolare di tanto in tanto.

  5. Una volta che abbiamo spento il ragù è buona abitudine lasciarlo riposare per circa mezz’ora. Nel frattempo mettiamo su la pentola per le nostre pappardelle, avendo cura di aggiungere in fare di bollitura dell’acqua, non solo il sale, ma anche un filo di olio, per evitare che la pasta si attacchi.

    Coliamo la pasta al dente e maneggiamola con cura a fuoco basso con 2 mestolate di ragù. Successivamente procediamo a mettere sui piatti, aggiungendo un altra mestolata di ragù. Spolverizziamo con del formaggio grattugiato e serviamo ben caldo.

Note

Vi è avanzato del ragù e non sapete cosa fare??? Niente paura, potete congelarlo in un contenitore di plastica e riutilizzarlo quando vi servirà! 😉

4,8 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.