Crea sito

Crispelle di riso catanesi

Le crispelle di riso catanesi sono delle golosissime frittelle di riso dolci, aromatizzate con scorza d’arancia e vengono servite cosparse da una golosissima salsa al miele e succo d’arancia, a sua volta aromatizzata con della cannella.

Tradizionalmente sono preparate a Catania, in occasione della festa di San Giuseppe in modo da festeggiare la festa del papà. Proprio come le ravazzate e le arancine, anche le crispelle di riso catanesi possono essere gustate in tutte le friggitorie.

La loro caratteristica è quella di essere ruvide al tatto e molto golose nella loro semplicità. Da calabrese non avevo mai provato a prepararle, ma devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita dal risultato. Posso dirvi che sono così golose che farete fatica a smettere di mangiarle.

Curiosi di scoprire come preparare la mia nuova bontà? Seguitemi!

  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 5 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: Per circa 20 crispelle
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 600 ml Latte
  • 300 g Riso
  • 300 g Farina 00
  • 200 g Miele
  • 60 g Zucchero
  • 10 g Lievito di birra fresco
  • 1 Scorza d'arancia (grattugiata)
  • 1 pizzico Sale

Per la salsa

  • 200 g Miele
  • 1 Arancia (succo spremuto e filtrato)
  • 1 pizzico Cannella in polvere

Per friggere

  • q.b. Olio di semi di girasole

Preparazione

  1. Versate il latte in una casseruola e portatelo a bollore, quindi unite un pizzico di sale e versatevi il riso all’interno. Cuocete a fiamma bassa fino a che il riso non sarà ben cotto e il latte non si sarà completamente assorbito. Vi occorreranno circa 20 minuti. Trascorso questo tempo, assaggiate il riso e, se ancora risulta indietro di cottura, unite dell’acqua calda e proseguite la cottura fino a che il riso non sarà ben cotto.

  2. A questo punto spegnete il fuoco e fate intiepidire il riso, quindi versatelo in una ciotola e unitevi la farina setacciata, lo zucchero, la scorza d’arancia grattugiata e il lievito di birra sciolto in poca acqua tiepida. Impastate bene il tutto fino a ottenere un panetto liscio e omogeneo, quindi ponetelo in una ciotola che coprirete con della pellicola per alimenti e mettetelo a lievitare in luogo caldo per un paio d’ore.

  3. Trascorso il tempo di lievitazione. Riprendete l’impasto e da esso ricavate tanti filoncini. Da ogni filoncino ricavate dei cilindretti lunghi circa 5 centimetri. Versate l’olio di semi di girasole in un pentolino e, non appena sarà arrivato a temperatura, friggetevi le crispelle fino a doratura, avendo cura di rigirarle di tanto in tanto.

  4. Non appena le crispelle saranno ben dorate, toglietele dall’olio e ponetele su un vassoio con carta assorbente in modo da eliminare l’olio in eccesso. Nel frattempo preparate la salsa, quindi spremete l’arancia e ricavatene il succo, quindi filtratelo e versatelo in un pentolino. Unite il miele, la cannella e mescolate il tutto a fuoco basso fino a che non otterrete una salsa liscia e omogenea.

  5. Spegnete il fuoco e versate la salsa in una ciotolina. Servite le crispelle di riso catanesi in tavola, intingendole nella salsa ben fredda.

  6. crispelle di riso catanesi

I consigli di Franci

  • Le crispelle di riso catanesi si conservano fino a una settimana in dispensa.
  • La salsa all’arancia si conserva in frigorifero fino a una settimana.
  • Si sconsiglia la congelazione.
  • Possono essere aromatizzate anche con del limone.
  • Non perdetevi la ricetta degli SFINCI DI SAN GIUSEPPE.

Se vuoi mantenerti sempre aggiornato sulle nuove ricette clicca mi piace alla mia pagina FACEBOOK

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.