Crea sito

Cubotti di salmone al profumo di pistacchio

Ciao a tutti! Oggi prepareremo insieme dei profumatissimi cubotti di salmone al profumo di pistacchio!
Ho preso ispirazione dal mio bagaglio dei ricordi. Ebbene si, mi sono ispirata alla ricetta della mitica Chiara Maci, che stimo ed ammiro, che preparò dei cubotti di salmone in crosta di sesamo con creme fraiche all’aneto, in occasione dello show cooking al quale partecipai qualche anno fa, in veste di vincitrice del concorso Cameo. Lo sapete però, amo sempre metterci del mio nelle preparazioni ed è per questo che il pistacchio prende il posto del sesamo e invece che accompagnare il salmone con della creme fraiche, ho preferito delle quenelle morbide e saporite. Vi sto facendo venire l’acquolina in bocca? E allora allacciate i grembiuli e via in cucina!

  • Ecco la video ricetta passo passo ->

Cubotti di salmone al profumo di pistacchio

INGREDIENTI (per 2 persone)

 

PREPARAZIONE

Prima di scottare il salmone, mi piace aromatizzarlo.
In una ciotola verso il succo di un lime, dei cubetti di zenzero fresco e dei grani di pepe schiacciati. All’interno di questa mistura aggiungo il salmone tagliato in cubotti, do una mescolata e lascio marinare per un’oretta in frigorifero.

Preparo quindi la crema per le quenelle di accompagnamento.
Verso all’interno della ciotola i fiocchi di latte; insaporisco con sale e pepe ed aggiungo l’olio, in modo tale da creare una mousse con l’aiuto di un minipimer.
Fatto ciò, lascio riposare in frigorifero fino ad utilizzo.

Quando il salmone ha marinato, senza scolarlo eccessivamente, lo passo nella granella di pistacchio, così si formerò una bella e profumatissima panatura.
Cuocio poi in una padella antiaderente, senza aggiunta di nessun grasso, per circa 2 minuti per lato.
Ovviamente i tempi di cottura dipendono molto da quanto grossi saranno i vostri cubotti di salmone.

E ora non resta che impiattare!
Ho voluto giocare con i contrasti di colore e far risaltare gli ingredienti: per questo motivo ho utilizzato un piatto nero, che mi funge da tela su cui comporre il mio piatto.

Creo una decorazione a petalo con del pesto di pistacchio; con l’aiuto di due cucchiaini realizzo delle quenelle di mousse ai fiocchi di latte e su ciascuna di esse sistemo un cubotto di salmone. Ultimo il piatto aggiungendo dei granelli di fior di sale alla liquirizia su ciascuna quenelle e ancora un po’ di granella di pistacchio.

Et voilà!

 

 

Ah e per chi volesse conoscere un po’ il racconto del meraviglioso show cooking di cui vi ho parlato poco fa, beh non vi resta che cliccare sulla foto che mi ritrae con Chiara!

 

 

 

 

 

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!

Riccioli alla liquirizia con speck e fiocchi di latte

I riccioli alla liquirizia, una qualità di pasta “inusuale”, ma posso garantirvi che ne rimarrete incantati dal sapore delicato. Ho avuto l’onore di provarli grazie all’antica azienda “Amarelli” sita a Rossano in Calabria. Vi consiglio di provarli! In questo piatto l’aroma della liquizia si sposa benissimo con la croccantezza dello speck e la cremosità dei fiocchi di latte! E ora allacciate i grembiuli e prepariamo insieme questi riccioli alla liquirizia!

  • Ecco qui la video ricetta passo passo ⬇️ ⬇️ ⬇️

 

Riccioli alla liquirizia con speck e fiocchi di latte

INGREDIENTI (per 4 persone)

  • 500 g di riccioli alla liquirizia “Amarelli”
  • 4 fette di speck (circa 200 g)
  • 1 cipolla di Tropea
  • 30 g di burro
  • 200 g di fiocchi di latte
  • 50 g di formaggio grattugiato
  • sale a gusto

PROCEDIMENTO

Inizio tagliando a listarelle lo speck. Successivamente trito finemente la cipolla.

In una padella antiaderente, metto le listarelle di speck e lascio andare a fiamma sostenuta, in modo che la parte “grassa” diventi croccante.

Una volta che lo speck ha rilasciato il suo grasso, aggiungo la cipolla tritata. Come potete notare non uso l’olio, proprio perchè sfrutto i liquidi lasciati dallo speck.

Appena la cipolla inizia ad ammorbidire, aggiungo i riccioli alla liquirizia e circa 200 ml di acqua calda e aggiusto di sale.

Lascio cuocere così per circa 15 minuti. Qualora la pasta non fosse ancora cotta e l’acqua iniziasse a mancare, allungate con pochissima acqua alla volta.

Quando mancano 2 o 3 minuti al termine della cottura, faccio una mantecatura veloce con burro, parmigiano e fiocchi di latte.

Lascio andare qualche minuto, in modo che i sapori si amalgamino e servo, decorando con qualche listarella di speck croccante, che ho precedentemente tenuto da parte.

E buon appetito!

❤ Ti è piaciuta questa ricetta? ❤
Bene! Continua a seguirmi sulla mia
pagina Facebook ANGELA PASSIONE CUCINA
per restare sempre aggiornato!!!

Qui dal mio blog puoi scaricare il testo di ogni ricetta
cliccando sul simbolo pdf presente in cima ad ogni articolo.
Se invece volete seguire la preparazione passo passo,
iscrivetevi al mio canale YOUTUBE e non ve ne pentirete!

Mi trovate anche su InstragramTwitter…. e Pinterest!
Seguimi e sarai sempre aggiornato!