Rotolo con crema pasticciera e chantilly – Gattò Aretino

Bentornati sul nostro blog ! Al momento siamo passate a pubblicare una sola ricetta a settimana, speriamo di riprendere presto con due post.

Oggi vi propongo la ricetta del rotolo di pasta biscotto farcito con crema pasticciera e panna montata. Qui ad Arezzo lo chiamano “gattò” che ovviamente non ha niente a che fare con il polpettone salato di origine napoletana, fatto con patate, mozzarella e salumi vari.

Il nome gattò sembra derivi dalla parola francese gateau (torta). Questo rotolo si può farcire in mille modi diversi, ad esempio con la marmellata, Nutella, crema al limone e con tutto quello che preferite.

  • Difficoltà:
    Media
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    15 minuti
  • Porzioni:
    6/8
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per la pasta biscotto

  • Uova (a temperatura ambiente) 4
  • Farina 80 g
  • Fecola di patate 20 g
  • Zucchero 100 g
  • Lievito in polvere per dolci 1 pizzico
  • tazze di caffè zuccherato 2

Per la farcitura

  • Panna fresca liquida (da montare) 250 ml
  • Zucchero a velo vanigliato 40 g
  • Estratto di vaniglia 2 cucchiaini
  • Latte 500 ml
  • Tuorli 2
  • Uovo (intero) 1
  • Zucchero 120 g
  • Amido di mais (maizena) 40 g

Procediamo

Per prima cosa prepariamo la crema pasticciera, cosi avrà modo di raffreddarsi.
In un pentolino facciamo scaldare il latte. In un’altro pentolino sbattiamo i tuorli e l’uovo intero con lo zucchero e poi aggiungiamo l’amido di mais setacciato e amalgamiamo il tutto. Ora versiamo il latte caldo, un po’ per volta nel composto con l’uovo, giriamo con una frusta, per non far formare i grumi. Rimettiamo tutto sul fuoco continuando a mescolare fino ad ottenere una consistenza cremosa. Facciamo raffreddare con pellicola a contatto.
Prepariamo anche il caffè lo mettiamo in una ciotolina e lo zuccheriamo.

Ora possiamo fare la pasta biscotto. Cosa importante le uova devono essere a temperatura ambiente.
Separiamo i tuorli dagli albumi, montiamo i primi con le fruste elettriche con lo zucchero, per diversi minuti, fino a che diventeranno chiari e spumosi.
Poi montiamo gli albumi a neve, sempre con fruste elettriche pulite. Saranno pronti quando inclinando la ciotola, rimarranno fermi. Io addirittura la giro sottosopra 😉
A questo punto aggiungiamo gli albumi al composto di tuorli e zucchero, con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare il tutto. Aggiungiamo poi la farina e la fecola setacciate, amalgamando sempre delicatamente, per ultimo uniamo anche un pizzico di lievito.

Prendiamo la teglia del forno, copriamola con carta forno e versiamo il composto, livellandolo bene.
Facciamo cuocere a 180 gradi per 10-15 minuti, non deve essere troppo colorito.
Togliamo dal forno, lasciamo raffreddare per qualche istante e poi capovolgiamolo su un altro foglio di carta forno, staccando delicatamente quella dove ha cotto. Prendiamo poi uno strofinaccio umido e arrotoliamo su se stessa la nostra pasta biscotto, lasciamo raffreddare completamente. Cosi prenderà già la forma e non si romperà in seguito.

Riprendiamo il rotolo, lo stendiamo nuovamente e lo bagniamo con il caffè.
Montiamo la panna aggiungendo lo zucchero a velo e l’estratto di vaniglia, quando sarà semi montata. Sia la panna che il contenitore devono essere ben freddi.
Riprendiamo anche la crema pasticciera, la rimescoliamo per un instante e poi aggiungiamo la panna montata cercando di non smontarla troppo (come faccio sempre io).
Quando la farcitura sarà pronta, la stendiamo sulla pasta biscotto, lasciando liberi i bordi. Arrotoliamo nuovamente su se stessa, avvolgendola con la pellicola e mettiamo in frigo a raffreddare per al meno 2 ore.

Copriamo l’intero rotolo con la crema e panna avanzate e guarniamo con delle fragole fresche.
Tagliamo a fette e serviamo, se avete ancora della farcitura potete servirla insieme al gattò.

Spero che questa ricetta vi sia piaciuta. A presto !

Restate sempre aggiornati sui nuovi post iscrivendovi alla nostra newsletter e seguiteci sulle nostre pagine social: Facebook  Twitter Instagram – PinterestBloglovin

Precedente Focaccine soffici, classiche e con erbe aromatiche Successivo In giro per Dozza (Bologna)

Lascia un commento