In giro per… Terceira – Isole Azzorre

Ciao a tutti ! Pronti a partire ?

Prima tappa del nostro giro delle Azzorre è l’isola di Terceira. 

Arriviamo con il volo la sera tardi, giusto il tempo di prendere l’auto a noleggio e andare al nostro albergo ad Angra do heroismo, la città principale dell’isola.  
A dire la verità, durante le ore di scalo a Lisbona siamo anche riusciti a vedere un po’ la città, scriverò più avanti un post proprio su questo. 

Il primo dei due giorni trascorsi sull’isola è dedicato alla sua scoperta, abbiamo fatto il giro di tutta Terceira passando per la strada costiera (cosi come faremo poi su ogni isola visitata). In realtà sono meno di 100 chilometri ma fatti con la dovuta calma, fermandosi nei vari miradouros e paesini. 

Come già spiegato da Paola nel suo post su Lisbona, i miradouros sono dei punti panoramici, che offrono spesso una gran bella vista sul paesaggio circostante. 

      

Miiradouro Cruz do Canario

 

 

 

               

 

   

      Vila de Porto Judeu

 

 

 

 

Uno dei punti panoramici più noti di Terceira è il Miradouro da Serra do cume. Da qui si gode di una strepitosa vista dall’alto sui campi coltivati sottostanti, separati da muretti a secco (un po’ come in Irlanda) in pietra lavica. 

Un’altra imperdibile tappa sono le piscine naturali di Biscoitos, che si trovano a nord dell’isola. È possibile fare il bagno nell’oceano, ma riparati dalle onde grazie alle rocce di lava che hanno creato questa piscina. 

Noi avevamo intenzione di provare a fare il bagno, ma era domenica pomeriggio, bel tempo ed ovviamente un sacco di gente ! Ci abbiamo rinunciato, ma vale la pena comunque andarci per vedere lo spettacolo naturale. 

Come tutte le spiagge e piscine naturali, anche a Biscoitos ci sono spogliatoi, docce e bagni, tutto gratuito non si paga neanche l’ingresso. 

La cittadina di Angra do heroismo la più bella di tutte le Azzorre, è patrimonio dell’Unesco ed è stata ricostruita dopo il terremoto del 1980. Sicuramente tutti i paesini dell’isola di Terceira sono i più carini e ben tenuti delle isole che abbiamo visitato. 
Quindi passeggiate per le sue viuzze e la sera vi consiglio di andare al porto per vederla da un’altra prospettiva. 

 

Se vi piacciono le escursioni immersi nella natura, al centro dell’isola potete fare il trekking Misterios negros. Il sentiero è di media difficoltà, lungo circa 6 chilometri, tempo di percorrenza 2 ore e mezza. Ma se come me non siete per niente allenati e decisamente impediti a camminare su tutto ciò che non è asfaltato (e in piano), ci metterete decisamente più tempo, direi anche il doppio di quello indicato 😉

Tanto nominato su tutte le guide e blog è l’Algar do Carvao. Potrete entrare e camminare dentro il cono del vulcano che generò l’isola, guardando verso l’alto c’è il camino da dove fuoriusciva la lava, da cui ora si vede il cielo.  Decisamente bello ed affascinante ma onestamente mi aspettavo qualcosa di più. 

Ingresso 8 euro (2019) per poco meno di mezz’ora. O meglio la visita è libera ma dopo aver scattato un po’ di foto ed essere scesi fino al laghetto che si è formato sul fondo, non c’è molto altro da fare. 

È tempo di prendere un volo interno per la prossima isola, continuate a seguirci !

 

Restate sempre aggiornati sui nuovi post seguendo i nostri profili social: Facebook Twitter Instagram – PinterestBloglovin

Precedente Polpettone di fagiolini, ceci e pesto Successivo Biscotti alla Nutella