In giro per Dozza (Bologna)

Ciao a tutti !
Finalmente torniamo a scrivere un nuovo post per la sezione “in giro per..” 

Oggi vi portiamo a Dozza, un paesino davvero carino e molto originale. 
Avevamo in programma un weekend a Bologna per assistere ad un concerto ed abbiamo pensato di approfittarne. Ci siamo fermati qui prima di arrivare a Bologna dove avevamo prenotato l’hotel. 

Il piccolo comune di Dozza si trova a 6 chilometri da Imola e a circa 35 a sud di Bologna. 
Dozza fa parte dei borghi più belli d’Italia, è un paesino medievale, con tanto di rocca e la sua particolarità è quella che la maggior parte dei muri delle case sono coperti da murales coloratissimi. Vere e proprie opere d’arte. 
Tutto questo è nato grazie alla biennale del muro dipinto, che si svolge dal 1960 negli anni dispari. La prossima edizione si terrà quest’anno nel mese di settembre.
Nel tempo diversi dipinti sono stati coperti per dare spazio a quelli nuovi, quindi ne troverete di tutte le epoche.

Anche senza murales. Dozza sarebbe comunque molto carina, piccola, e pulitissima, davvero un piacere passeggiare per le sue viuzze acciottolate. Peccato che qualche casa sia un po’ scalcinata. 

Non ci vuole molto a visitarla, un paio di ore bastano sicuramente, passeggiate tranquillamente per le stradine ammirando e fotografando i murales.

DOVE MANGIARE 
Il mio consiglio è quello di mangiare in una delle tante osterie del posto. 

Noi siamo stati all’Osteria del Borgo. Tutto ottimo, antipasto con tagliere di salumi, crescentine e piadina calde, tagliatelle al ragù e con crema di parmigiano e prosciutto crudo. Sulla pagina di Tripadvisor potete trovare anche il menù.

INFORMAZIONI PRATICHE

Noi abbiamo lasciato l’auto al parcheggio con area sosta camper, gratuito. Im pochi minuti a piedi raggiungerete la Rocca di Dozza e il resto del paese.

Se non volete perdervi niente, potete scaricare l’app “muro dipinto” dove troverete l’elenco di tutti i murales, con tanto di foto, autore, descrizione e anno di creazione. Oltre a il programma degli eventi e indicazioni su dove mangiare e dormire nei dintorni.

Ringrazio Selly, del blog “In viaggio con me“, per averci fatto scoprire Dozza.

Restate sempre aggiornati sui nuovi post iscrivendovi alla nostra newsletter e seguiteci sulle nostre pagine social: Facebook  Twitter Instagram – PinterestBloglovin

 

Precedente Rotolo con crema pasticciera e chantilly - Gattò Aretino Successivo Spaghetti integrali con zucchine, acciughe e mandorle

Lascia un commento