Frittata di maccheroni… rivisitata!

Print Friendly

La frittata di maccheroni è un MUST a Napoli. Nasce dall’esigenza di riutilizzare la pasta avanzata (a casa nostra soprattutto quella della domenica, giorno in cui si cucina sempre troppo). Ognuno la fa a modo suo, può essere al sugo (vedi pasta al ragù avanzata) o bianca (in questo caso molti aggiungono la besciamella per evitare che sia troppo asciutta). La frittata di maccheroni a Napoli però è fritta ed io le fritture le evito… sempre e comunque quindi anche la mia frittata di maccheroni viene cotta al forno 🙂 Questa volta non avevo il sugo avanzato nè mi andava di farlo per l’occasione e ho optato per la versione bianca ovviamente con le mie modifiche.

Ingredienti per 2 persone:

250 gr di linguine

una noce di burro

100 gr di panna di soia

un po’ di latte (opzionale)

2 uova

formaggio filante (io galbanino)

parmigiano grattugiato

speck

Ho cotto la pasta, scolata al dente. Aggiunto subito la noce di burro e un po’ di latte per lasciarle umide. Intanto ho sbattuto le uova, salato, aggiunto parmigiano, formaggio tagliato a dadini, lo speck e ho versato sulla pasta una volta raffreddata. Ho poi versato la panna e mescolato bene, versato il tutto nella mio plumcake di silicone ed informato per 20 minuti circa a 180-200° (forno caldo).

Semplice e buonissima… l’ho mangiata oggi a pranzo ed era veramente saporita e soprattutto non asciutta/secca come si potrebbe immaginare dato la cottura al forno, provare per credere!

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

Ps. se non volete usare la panna di soia, potete tranquillamente usare una panna da cucina qualsiasi (quella di soia è più leggera) o volendo strafare allora sostituite con la besciamella come fanno le rosticcerie napoletane!

 

Cupcakes di spinaci

Print Friendly

Le mie ricette si sa ( generalmente) sono semplici e veloci. Questa ricetta è davvero semplicissima ma un modo gustoso e carino per assaporare e servire gli spinaci… perché no anche ad una cena di amici 🙂

Ingredienti

200 gr spinaci lessati

1 vaschetta da 100 gr  di ricotta

1 uovo

 formaggio filante qb

parmigiano qb

sale

In una ciotola mescolare tutti gli ingredienti e poi versare negli stampini per i muffin. Infornare a forno caldo (200°) per circa 15/20 minuti. Servire caldi.

Più semplice di così… 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Rustico (metodo tang zhong)

Print Friendly

Dopo aver provato il pancarrè con metodo tang zhong ho deciso subito che dovevo rifarlo arricchendo la ricetta con salumi e formaggio e trasformarlo in un rustico…. questo il risultato. Che dite è riuscito?!:)

Ingredienti:

500 g di farina forte (200 g manitoba + 300 g tipo “00”)
200 ml di latte
150 g di  water roux
50 g di burro (o strutto od olio)
1 cucchiaino di zucchero
mezzo cucchiaio di sale
4 g di lievito di birra
salumi (io: prosciutto, mortadella)
parmigiano grattugiato
formaggi filanti (quelli che preferite)
Per il water roux:
40 g di farina
200 g di acqua.
Prepariamo subito il water roux (vedi qui) .
Per l’impasto io ho messo le farina nella planetaria, ho sciolto il lievito nel latte tiepido e versato al centro della farina, aggiunto il burro e lo zucchero ed iniziato a mescolare lentamente. Poi ho aggiunto il sale, il parmigiano grattugiato ed infine il water roux tiepido. Lavorare bene l’impasto fino ad avere un impasto liscio. Lasciare lievitare circa 1 ora (fino al raddoppio).
Stendere l’impasto in un rettangolo, l’ho ricoperto con il formaggio ed i salumi tagliati a cubetti ed ho arrotolato molto stretto su se stesso. Questa volta anziché metterlo nello stampo da plumcake l’ho messo nello stampo di silicone a forma di rosa (ma potete usare qualsiasi stampo preferite: plumcake, ciambella…) e l’ho lasciato riposare fino al raggiungimento dei bordi.
Ho infornato in forno caldo (220°) per circa 30 minuti (dipende dal vostro forno, quindi fate sempre prima la prova stecchino). Appena sfornata ho spennellato con dell’olio.
L’ho servita calda ma anche fredda. Nei giorno successivi ha mantenuto la sua morbidezza quindi posso dirmi molto soddisfatta di questo esperimento 🙂
Buona cucina a tutti, Ilaria

Strudel di carne

Print Friendly

Ecco a voi una ricetta molto sfiziosa da fare per la cena, il pranzo in ufficio, come antipasto, per riutilizzare il ragù di carne avanzato… insomma adatto ad ogni occasione.

Per questa versione ho usato per la prima volta la pasta fillo (quella che si usa di solito per gli involtini primavera). L’ho scoperta da poco, non ci avevo mai fatto caso (non l’avevo mai cercata) ma ora la trovo quasi in ogni banco frigo dei supermercati accanto alle sfoglie, briseè, base per pizza etc. Di solito la facevo con la pasta sfoglia (ottima alternativa in questo caso) ma la pasta fillo è più leggera, chi non preferisce il sapore burroso della sfoglia può provare la pasta fillo… e non la lascerà più. Non è difficile utilizzarla ma a differenza della pasta sfoglia è molto (ma molto!) più sottile quindi vi conviene piegarla su stessa facendo vari strati e poi porre la carne per creare gli involtini altrimenti si romperà!

Passiamo alla ricetta…

Se non avete il ragù di carne avanzato (quello della bolognese per intenderci, oppure il ragù bianco) bisogna prepararlo.

Questa la mia ricetta del ragù bianco (per la versione rossa, basterà aggiungere la passata di pomodoro, ma lo strudel di carne io lo preferisco in bianco):

* AGGIORNAMENTO*

Carne macinata (300 gr)

Formaggio filante (tipo scamorza) (200 gr)

mezzo bicchiere di vino

speck (o pancetta) a cubetti (50 gr)

Sedano (mezzo)

carote (mezza)

parmigiano grattugiato

cipolla q.b.

sale

olio

brodo granulare (o 1 dado) – opzionale

In una pentola con doppio fondo, mettere l’olio, la cipolla, il sedano e la carota. Accendete a fuoco vivace, io preferisco aggiungere subito la carne e lo speck/la pancetta per evitare il soffritto (ma nessuno vi vieta di farlo). Mescolare spesso in modo che tutta la carne sia ben rosolata nell’olio. Aggiungere il vino e lasciare evaporare. Dopo 5 minuti circa aggiungere qualche mestolo di acqua e se volete aggiungere il dado di brodo vegetale. Se volete fare il ragù rosso, aggiungete direttamente la passata, senza acqua ne dado.

Far cuocere a fiamma bassa con coperchio per circa 15 minuti. Togliere il coperchio e far asciugare un po’. Aggiungere il formaggio grattuggiato (si scioglierà subito dando sapore alla carne) ed il parmigiano.

Se usate la pasta sfoglia, potete fare un unico rotolo mettendo tutto il ragù tiepido al centro della pasta e poi arrotolare come un cannellone/strudel (girare su stessa la sfoglia e chiudere l’estremità per evitare che fuoriesca la carne abbassando le estremità sotto il rotolo).

Se usate la pasta fillo conviene creare piccoli strudel, quindi ripiegare la pasta sfoglia su stessa per creare più strati e poi tagliare dei rettangoli. Procedere come sopra.

Infornare a fondo caldo (180° – 200°) per circa 20 minuti. Anche qui dipende da che pasta usate, la pasta sfoglia avrà bisogno di più tempo (30 – 40 min), i piccoli strudel di pasta fillo si cuoceranno più velocemente. Vi conviene sempre controllare perché dipende molto dal vostro forno. Per capire quando è pronta: entrambe le sfoglie devono essere belle dorate e croccanti sia sul lato superiore che inferiore.

Buona cucina a tutti,

Ilaria

Ps. Se volete prendere 2 piccioni con una fava, aumentate le dosi del ragù e mangiatelo con la pasta il giorno dopo 🙂

Il ragù può essere anche congelato in contenitori di plastica adatti. Scongelare lentamente in frigo per poi condire la vostra pasta.

Pane & Pancarrè (con metodo tang zhong)

Print Friendly

La settimana scorsa avevo del tempo libero, ho deciso di approfittarne per provare finalmente a fare il pane ed il pancarrè. Le ricette non sono difficili ma bisogna avere tempo a disposizione per la doppia lievitazione. Entrambe le ricette sono fantastiche, sono subito diventata fan del metodo tang zhong utilizzato per il pancarrè. A distanza di giorni è ancora morbido!

Ecco la mia pagnotta di pane (senza macchina del pane, cotto semplicemente nel mio fornetto elettrico!)

(picture #1) 

La ricetta l’ho trovata sul forum di cookaround… qui. 

Ingredienti per 2 pagnotte:
400 gr farina

4 cucchiai olio

10 g zucchero

1 cucchiaino raso di sale

225-250 ml acqua tiepida

circa mezzo cubetto di lievito di birra

Per il procedimento vi rimando al forum. Ho seguito alla lettera le istruzioni. Io metterei ancora meno lievito perchè, per mio gusto personale, preferisco che non si senta troppo. Se necessario basta prolungare i tempi di crescita. La ricetta originale prevede 1 bustina di lievito mastro fornaio liofilizzato, la prossima volta provo con quello forse non si sentirà l’odore di lievito!

Il giorno dopo l’ho tostata e mangiata con coppa, formaggio e insalata… ottima!!!

Per il pancarrè con metodo tang zhong mi sono affidata al blog di Paola, qui il link alla ricetta. 

Ingredienti:

500 g di farina forte (200 g manitoba + 300 g tipo “00”)
200 ml di latte
150 g di  water roux
50 g di burro (o strutto od olio)
2 cucchiai di zucchero
5g di sale
4 g di lievito di birra
Per il water roux:
40 g di farina
200 g di acqua.

Anche qui ho seguito il blog alla lettera quindi credo sia giusto rimandarvi da Paola.

Ps. io per dimenticanza, ho usato tutto il water roux 🙂

A me sono venuti due panetti, utilizzando le forme in cartaforno di FRIO.

(picture #2) 

E’ ottimo sia per ricette dolci (es.: burro e marmellata per la colazione) e per quelle salate (la sera stessa mi sono fatta un sandwich con il petto di pollo, giudicate voi dalla foto!)

(chicken sandwich) 

Adoro entrambe le ricette quindi non posso che consigliarle… credetemi il tempo di attesa vale il risultato 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

**** ENGLISH VERSION **** 

BREAD RECIPE (picture #1) 

Last week I had some free time so I decided to finally try some bread recipes. Those recipes are not difficult but you need some time for the double rising. For the toasting bread I tried the tang zhong method … I immediately fell in love with, the bread is so soft even after some days!

In picture 1 you can see my bread (I don’t have the bread machine neither a special owen!

The recipe I found it on the cookaround forum that I link to follow the process to have this wonderful bread but there is no English translation, so I’ll post my translation here below. 

Ingredients:

 

400 gr flour

4 tbs oil

10 gr sugar

1 tsp salt

225-250 ml warm water

12 gr fresh (or dry) yeast

 

Set the flour in a bowl, add the dry yeast to the flour (if you use fresh yeast, melt it in some water. Make a hole in the center of the flour and then add the melted yeast). Add the oil, sugar and salt and slowing add the remaining water while kneading. Knead for about 10 minutes, make a ball on which you should cut a cross with the knife on it to help the rising. Cover with plastic wrap and let it rise until is doubled (it depends on the weather but it will be at least 1 hour).  Divided the mixture in 2 balls, place on the baking pan previously covered with baking paper, brush it with some water, make some cuts on the ball and cover it with some salt. Let it rise again for 20 minutes, meanwhile preheat the oven at 420/430 F.

Bake it for about 20/25 minutes with a bowl of water on the bottom of the oven. 

TOAST BREAD RECIPE (picture #2) 

I read on internet about the Tang Zhong that keeps your bread soft for days so I decided to try this recipe for the toast bread and had brilliant results!

 Ingredients:

500 g flour  (200 g strong/bread flour  + 300 g common wheat flour)

200 ml milk

150 g water roux (see below for recipe)

50 g butter (or oil)

2 tbs sugar

5g salt

4 g fresh yeast

water roux:

40 g flour

200 water

 

With these ingredients I’ve made 2 medium breads.

Make your water roux first: in a small saucepan put the flour and add (whisking continually) the water. When all water is absorbed turn on the heat (soft) and whisk until it get shiny and clear (you can see the bottom of your saucepan). It will take just a couple of minutes. Remove from heat and let it cool down.

In a bowl, start kneading the milk with some flour and the yeast. Add the cool water roux, sugar, salt, butter and then slowing all the flour. Knead for about 10 minutes then let it rise until double (same as for the bread). When ready, roll out the dough in a rectangle and then roll it up really tight. Place it in a plumcake pan (previously greased with butter or oil), let it rise to the edge.

Preheat your oven at 430 °F, bake for about 20-25 minutes. When ready brush some oil on the top of your bread.

It’s great for your sweet breakfast but also for salty ones. I ate it with butter and jam and as a chicken sandwich! 

Happy baking, Ilaria 

Plumcake yogurt, prosciutto e formaggio

Print Friendly

Credetemi, questa ricetta è fantastica! Grazie allo yogurt, il plumcake rimarrà morbido anche il giorno dopo … anche freddo di frigo. Sono rimasta sconvolta io stessa per quanto è buono e semplice!

Ingredienti:

salumi tagliati a dadini (io mortadella e prosciutto cotto)

formaggi tagliati a dadini (io emmental, bel paese e parmigiano)

3 uova

1 vasetto di yogurt bianco (io muller)

1 vasetto (scarso) di olio di semi

3 vasetti (scarsi) di farina

1 bustina di lievito in polvere per torte salate

Procedimento: 

Lavorate le uova, l’ olio di semi, lo yogurt e la farina. Aggiungere il lievito ed infine salumi e formaggi. Versare il composto in uno stampo da plumcake.

Cuocere a 180° per 35/40 minuti. Non dimenticatevi della prova stecchino! 🙂

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

Ps: ringrazio il fotografo, il mio ragazzo, per le foto!

Calzone ripieno al forno

Print Friendly

Io adoro i calzoni ma non amo il fritto, quindi ancora volta uso una ricetta fritta al forno!

Ingredienti:

Per la pizza:

500 gr di farina

250 ml di acqua

mezzo cubetto di lievito di birra

mezzo cucchiaio di sale

Per il ripieno

variante 1:

ricotta

salame

variante 2:

mozzarella

ricotta

prosciutto cotto

pomodoro

Per il topping: pomodoro con filo d’olio e sale.

Preparare l’impasto per la pizza (è la stessa ricetta che uso per fare qualsiasi pizza). Io preferisco inizia da circa 400 gr di farina per poi aggiungerne il giusto. Non so perchè ma ogni volta viene diversa, sarà anche il clima… boh! Lasciare crescere per almeno 1 ora (comunque fino al raddoppio).

Stendere la base e tagliare dei rettangoli, porre al centro il vostro ripieno. Chiudere premendo con forza con una forchetta sul bordo in modo che non fuoriesca il ripieno durante la cottura. Ricoprire con un po’ di pomodoro ed infornare a forno caldo (225°) per circa 30 minuti. Vi consiglio di verificare sempre (!!) in quanto tutto dipende dal vostro forno.

Questo il risultato finale….

Buona cucina a tutti,

Ilaria 

 

Quiche con wurstel

Print Friendly

La quiche può essere fatta in mille modi, io la faccio spesso perchè semplice e veloce. Questa volta era la variante wurstel…. molto saporita!

Ingredienti

Pasta brisè

uova

latte o Philadelphia

wurstel

sottilette “le cremose”

formaggio grattugiato

sale

Srotolare la pasta brisè e porrla con la sua carta da forno in una teglia tonda (un po’ più piccola della pasta in modo che resti alzata sui bordi). Intanto sbattere le uova con tutti gli ingredienti. Questa volta ho usato il latte ma devo dire che preferisco la philadelphia in modo da avere quasi una crema. Regolatevi voi con il latte, non fatela troppo liquida.

Ovviamente al posto dei wurstel potete utilizzare anche del prosciutto ma vi consiglio di non sostituire le sottilette cremose con nient’altro, provate e vi convincerete anche voi, daranno alla vostra quiche un sapore unico!

Versare il composto sulla pasta ed abbassare i bordi (una parte rimarrà scoperta).

Infornare per circa 30 minuti a 180/200 °C.

Buona cucina a tutti, Ilaria

Treccia Salata

Print Friendly

Ed ecco la mia treccia salata, in realtà la stessa ricetta la uso anche per la versione dolce.

Si può fare sia in forma di treccia (per me più veloce) che a danubio (cioè tante piccole palline):

Questa la mia ricetta per la versione salata:

300 gr. di farina 00

200 gr. di manitoba

200 ml di latte

mezzo cucchiaio di sale

un cucchiaio di parmigiano

100 gr. di burro morbido

2 uova

mezzo cubetto di lievito di birra

per il ripieno:

formaggio (quello che preferiti, io ne uso almeno di 2 tipi diversi)

parmigiano

pecorino

salumi (quello che preferite, oggi ho usato mortadella e crudo… quello che c’era in frigo insomma)

Lavorare tutto insieme e lasciar crescere fino a quando raddoppia di volume.  Dividere l’impasto in 3 parti uguali. Stendere la prima pallina in forma ovale (lunga ma non larga) e mettere al centro il formaggio e i salumi tagliati. Chiudere formando un tronchetto. Procedere allo stesso modo con le altre 2 parti. Dare la forma della treccia (credetemi è più semplice a farsi che a dirsi).

Spero che quest’immagine vi sia di aiuto:

Lasciare crescere per circa 1 ora (se fa caldo come oggi anche solo 30 minuti) per farla aumentare di volume.

Infornare a 180° per circa 30 minuti. Vi consiglio sempre di verificare la reale cottura interna (soprattutto le prime volte). Ognuno conosce il proprio forno, al mio basta davvero poco.

Se preferite dargli la forma del danubio, procedete così:

Formate tante palline e stendetele con le mani (non usate il mattarello), mettete al centro il formaggio e i salumi e richiudete pizzicando verso il centro. Ponete tutte le palline in una teglia con carta di forno (la parte pizzicata va messa sotto), lasciate dello spazio tra una pallina e l’altra. Lasciate lievitare (come la treccia, circa 30 minuti o un’ora in inverno) ed infornare per 30 minuti a 180°.

Se volete provare la ricetta dolce, ecco qui la versione dolce …. potete farcire con nutella o marmellata, a voi la scelta.

300 gr. di farina 00

200 gr. di manitoba

200 ml di latte

100 gr di zucchero

100 gr. di burro morbido

2 uova

mezzo cubetto di lievito di birra

Procedere come sopra… dentro ovviamente ci andrà il vostro ripieno prescelto 🙂

Noi stasera ci mangiamo la treccia salata della foto, e voi?

buona cucina a tutti, Ilaria

Pizzette con Fiori di Zucca

Print Friendly

A grande richiesta ecco la famosa ricetta di mamma delle pizzette con fiori di zucca. Purtroppo non ho una ricetta precisa, perchè come tutte le ricette della mamma/nonna sono sempre molto approssimativa in quanto loro non misurano nulla… ma insistendo mi ha detto che più o meno le dosi dovrebbero essere queste:

200 grammi di farina

fiori di zucca (ben lavati, tagliati a pezzetti e lasciati scolare dall’acqua)

1 bicchiere di acqua

un pezzetino di lievito di birra (direi un circa 1/4)

pizzico di sale e pepe

 

Lavorare la farina, con acqua e lievito. Deve essere morbida (più morbida della classica pizza) ma nemmeno troppo molle anche perchè i fori di zucca hanno molto acqua. Aggiungere i fiori di zucca e lasciare lievitare.

L’impasto cresciuto dovrebbe avere questo aspetto:

Quando sono pronte, friggerle in abbondante olio (come dose usate un cucchiaio).

Il risultato finale è (più o meno) questo:

Credetimi sono ottime, e siamo riuscite a farle mangiare anche ad una persona che non mangia nulla che sia di colore verde 🙂

e come sempre, buona cucina a tutti!

Ilaria

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...