Crostata Viaggio in Sicilia, ricetta di Maurizio Santin

Questa crostata, “Viaggio in Sicilia”, porta la firma di Maurizio Santin, e racchiude in un boccone tutti i sapori della Sicilia. Si parte dalla ricotta, ingrediente principale della ricetta, al pistacchio e alla mandorla del crumble, alle arance della base. Semplice da preparare, richiede solo di rispettare i tempi di preparazione e riposo degli ingredienti per un risultato perfetto.

Crostata viaggio in sicilia
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per la pasta frolla

  • 250 gFarina 00
  • 105 gBurro morbido
  • 95 gZucchero
  • 85 gTuorli
  • Mezza baccaVaniglia

Per la crema da forno

  • 250 gLatte intero
  • 400 gPanna fresca liquida
  • 300 mlZucchero
  • 140 mlUova
  • 40 gAmido di mais (maizena)
  • 1 baccaVaniglia

Per la crema di ricotta

  • Tutta la crema da forno
  • 375 gRicotta di pecora
  • 50 gGocce di cioccolato

Per il crumble

  • 100 gBurro
  • 100 gZucchero
  • 50 gFarina di mandorle
  • 50 gFarina di pistacchi
  • 100 gfarina

Per completare

  • 100 gMarmellata di arance

Strumenti

  • Tortiera di 20 cm di diametro, 4 cm di altezza
  • Sac a poche

Preparazione

Per la frolla

  1. Disponete la farina sulla spianatoia e aggiungete il burro a piccoli pezzi. Lavorate il burro e la farina sfregandoli insieme per ottenere delle piccole briciole. Quando il composto avrà assunto un aspetto “sabbioso”, aggiungete lo zucchero, la vaniglia e quindi i tuorli. Lavorate giusto il tempo necessario per ottenere un impasto liscio. Riponete in frigo.

Per la crema da forno

  1. Scaldate panna e latte al microonde. Intanto mescolate le uova con lo zucchero e l’amido di mais. Aggiungete anche i semi della bacca di vaniglia.

  2. Quando i liquidi sono caldi, aggiungeteli alla miscela di uova e zucchero mescolando molto bene. Ponete tutto al microonde alla massima potenza.

  3. Ogni 30 secondi fermate il microonde e mescolate. Quando la crema avrà raggiunto la giusta densità, mescolate ancora una volta e poi coprite con pellicola a contatto e riponete in frigo per 12 ore.

Per la crema di ricotta

  1. Alla crema da forno ben fredda andrà aggiuntata la ricotta precedentemente setacciata e le gocce di cioccolato. Mescolate bene e mettete la crema in una sac a poche. Tenete da parte. N.B. Questa operazione va fatta a crema ben fredda per non sciogliere ricotta e cioccolato.

Per il crumble

  1. Mescolate tutti gli ingredienti insieme fino a formare delle briciole grossolane. Cuocete i pezzi di crumble in forno su una teglia rivestita di carta da forno per circa 15-20 minuti fino a colorazione.

Per il montaggio e la cottura

  1. Stendete la frolla fino a 3-4 mm di spessore e rivestite l’anello. Bucherellate con i rebbi di una forchetta e spalmate sul fondo un leggero strato di marmellata di arance. Mettete a raffreddare per alcuni minuti in freezer.

  2. Riprendete la crostata e riempite fino a 3/4 con la crema di ricotta. Alla fine ricoprite con il crumble (che deve essere già cotto).

  3. Cuocete la crostata a 160° per circa 45 minuti. Aspettate che sia completamente fredda prima di sformare.

  4. Crostata viaggio in sicilia

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

2 Risposte a “Crostata Viaggio in Sicilia, ricetta di Maurizio Santin”

  1. Salve,vorrei capire meglio l ultimo step prima della cottura della torta.si deve mettere il crumble già cotto e poi infornare Ok?ma non è che poi il crumble diventa troppo cotto? Forse s intende mezza cottura?Grazie e complimenti ottimo lavoro la seguirò molto volentieri G Carlo

    1. Innanzitutto mi scuso per non aver risposto prima alla tua domanda, ma il mio programma aveva inserito il tuo commento nella cartella dello spam. Ti devo confermare che il crumble va cotto in anticipo e poi messo nuovamente in forno sulla superficie della crostata. L’umidità della crema eviterà che il crumble si cuocia eccessivamente. Al contrario, se non fosse cotto prima, non si cuocerebbe insieme alla crema sottostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.