Risotto all’arancia ricetta semplice

Risotto all’arancia ricetta semplice di casa mia. Il risotto all’arancia è un primo piatto dal gusto delicato e gradevole che mette d’accordo tutti: grandi, piccoli, intolleranti al glutine (perchè il riso è privo di glutine) e chi è a dieta. La stagione ideale per preparare questo primo piatto è l’inverno naturalmente e le arance adatte sono quelle dal succo giallo come quelle di Ribera. Se vogliamo guarnire il piatto con zeste di arance o della scorza grattata dovremo necessariamente procurarci delle arance non trattate in superficie. Quindi prima che arrivi la primavera gustiamoci ancora un risotto all’arancia ricetta semplice.

risotto all'arancia ricetta semplice

Ingredienti per preparare un risotto all’arancia ricetta semplice per  2 persone:

  • 180 grammi di riso carnaroli
  • due arance dal succo giallo
  • un quarto di cipolla
  • 4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
  • sale
  • brodo di carne di vitellone (o vegetale)
  • un cucchiaio di parmigiano grattato

Preparazione del risotto all’arancia ricetta semplice:

  • sbucciare e lavare la cipolla e tagliarla piccolissima;

preparazione del risotto all'arancia ricetta semplice

  • fare scaldare a fuoco dolce l’olio e cipolla con un pizzico di sale; poi aggiungere il riso e farlo insaporire solo per un attimo;
  • aggiungere un po’ di brodo (io di solito per questo risotto uso brodo di carne) e cuocere per 10 minuti aggiungendo sempre un po’ di brodo;
  • nel frattempo tagliare delle striscioline sottilissime di buccia di arancia (precedentemente lavata) senza il bianco e farne delle zeste e poi spremere l’arancia;
  • tagliare l’altra arancia a fette e poi a spicchi (serviranno per decorare);
  • continuare la cottura del riso aggiungendo il succo di arancia e portare a termine (circa 16 minuti in tutto);
  • mantecare con un cucchiaio di parmigiano e servire il risotto all’arancia ricetta semplice caldo.

risotto all'arancia ricetta semplice

Nota: Le arance fresche e non trattate sono le migliori ed è possibile riconoscerne la freschezza; se il picciolo è secco l’arancia non è fresca; se invece è verde e se ci sono anche delle foglie verdi e dei ramoscelli l’arancia è fresca. Una buona arancia ha sicuramente un buon profumo, molto intenso, ma se odorandola sentiamo uno strano aroma è sicuramente trattata. Le arance al naturale non sono lucide. E’ anche possibile scegliere quelle piu succose: a parita’ di grandezza prendendole in mano sentiremo che non hanno tutte lo stesso peso: quelle che pesano di più sono le più succose. Una buona arancia non è mai molle.

 

Precedente Gambi di carciofi cimaroli fritti Successivo Crepes con crema di cacao e nocciole

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.