Crea sito

Polpette di pane raffermo al forno

Queste polpette di pane raffermo al forno, ispirate da del buon pane avanzato qualche giorno prima e ormai secco son sparite in pochi minuti. Semplici, senza grassi morbide dentro e con una crosticina croccante fuori si preparano in poco tempo e sono un’ottima ricetta anti spreco. Questa è la versione più semplice ma proprio per questo hanno un sapore unico e inconfondibile.

polpette di pane raffermo al forno

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 grammi di pane raffermo privato della crosta (il mio era molto secco)
  • mezzo litro circa di latte
  • 80 grammi di parmigiano grattugiato
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • un ciuffetto di prezzemolo
  • un uovo grande
  • sale

Preparazione delle polpette di pane raffermo al forno:

  • mettere in una ciotola il pane tagliato a pezzetti piccoli
  • versare sopra il latte e lasciare ammollare per 30 minuti rigirando ogni tanto;
  • quando il pane è ben ammollato strizzare un pochino se necessario per togliere il latte in eccesso;

preparazione delle polpette di pane raffermo al forno

  • unire al pane il parmigiano, l’uovo leggermente sbattuto, l’aglio tagliato piccolissimo, il prezzemolo lavato e tritato fino e un filo di sale;
  • mescolare bene e fare delle polpette poco più grandi di una noce;
  • cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180 gradi per circa 30 minuti.
  • gustare le polpette di pane raffermo calde.

polpette di pane raffermo al forno

Nota: Nell’agosto del 2016 è stata approvata in Italia la legge antispreco alimentare che si pone l’obiettivo di ridurre gli sprechi attraverso una semplificazione ed un incoraggiamento a donare ciò che “avanza” nella distribuzione, nella ristorazione ecc. e di ridurre del 50% in 10 anni lo spreco attuale. Mentre potremo studiarci con calma i cambiamenti che questa legge ha apportato e apporterà nel tempo le dichiarazioni sulle date di scadenza o sul periodo di conservazione, noi possiamo provare, con le nostre idee e con la nostra passione culinaria, ad aumentare la prevenzione dello spreco sperimentando nuove ricette, nuovi sapori ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.