Frittura di totani croccante e gustosa

Frittura di totati croccante e gustosa senza glutine, con panatura a prova di frittura. La frittura di totani è perfetta da gustare in un menù a base di pesce e sono preparati con farine naturalmente senza glutine come farina di mais e di riso.

Ricetta da non perdere=> Besciamella perfetta senza glutine, Crema di peperoniFocaccia in padella,  Patate ripiene di salsiccia e mozzarellaCrema di caffè pronta in pochi minuti,

Per preparare la frittura di totani ho usato dei totani surgelati che avevo nel congelatore, ma se volete potete tranquillamente usare dei calamari freschi e impanare con questo mix delle triglie e gamberetti ideali per la frittura .

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    5 minuti
  • Porzioni:
    2 persone
  • Costo:
    Medio

Ingredienti

  • Totani 300 g
  • Farina di mais (Nutrifree) 3 cucchiai
  • Farina di riso (Nutrifree) 2 cucchiai
  • Olio di semi di girasole 1 l
  • Sale q.b.
  • limone 1
  • Prezzemolo (tritato)

Preparazione

  1. Fate scongelare i totani e lasciateli asciugare tra due panni di cotone.

    In un sacchetto di plastica versate entrambi le farine e un po per volta i totani.

    Chiudete il sacchetto e scuotetelo bene in modo da far aderire le farine ai totani da tutte le parti.

    Riscaldate abbondante olio in una padella e friggete i totani da entrambi i lati rigirandoli continuamente .

    Quando i totani risulteranno ben dorati , scolate con un mestolo forato e lasciateli asciugare su carta assorbente per fritti; continuate così fino ad esaurire i totani.

    Prima di servire i totani salate e condite con il prezzemolo tritato e una spremuta di limone

  2. Presto la video ricetta sul mio canale youtube => QUI 

    A domani con una nuova ricetta

    un bacio Mary

    Tante altre ricette le trovate sulla pagina facebook ” Zero glutine…100% Bontà

Commenti

commenti

Precedente Patate ripiene di salsiccia e mozzarella Successivo Crema di peperoni

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.