Crea sito

Pasta al pistacchio di Bronte

 

La pasta al pistacchio è un modo nuovo ed originale per preparare la pasta fatta in casa. Utilizzando ingredienti di prima qualità ti permetterà di creare dei primi piatti da grande chef.

Io sono un’amante della pasta fatta in casa.

Ti permette di personalizzare, creare abbinamenti e piatti originali e sfiziosi. Appena ho un po’ di tempo mi dedico volentieri alla pasta e quale occasione migliore delle festività natalizie per sbizzarrirmi totalmente?

Ho avuto il piacere di iniziare la collaborazione con la Marullo SPA, un’azienda che avevo visto su Internet e mi aveva dato un’ottima impressione, devo dire che i loro prodotti sono davvero di prima qualità e se, come spero, inizierai anche tu a conoscerli sono certa che mi darai ragione.

Detto questo avendo a disposizione della farina di pistacchio, ah non ti ho detto che io adoro il pistacchio, ho voluto provare ad “inventare” il primo piatto per la sera della Vigilia.

pasta_pistacchio3

Partiamo da qui.

Pasta al pistacchio di Bronte

Ingredienti per 6/8 persone

775 gr di farina 00

30 gr di farina di pistacchio di Bronte Marullo

6 uova intere

50 gr di burro

acqua qb.

sale

Io per fare la pasta, così come la maggior parte di impasti e lievitati, uso la planetaria. Santo sia il mio papà che me la regalò.

Ovviamente qualora tu non ne disponessi puoi procedere creando la fontana di farina e mettendo al centro il resto degli ingredienti.

Torniamo a noi.

Nella planetaria mettiamola farina 00 e la farina di pistacchio di Bronte, mescoliamole con un cucchiaio in modo tale da mescolarle un po’.

pasta_pistacchio

Creiamo una sorta di buco centrale spostando la farina verso i bordi e all’interno versiamo le uova intere, il burro fuso e un pizzico di sale.

pasta_pistacchio2

Azioniamo la planetaria e facciamola lavorare.

Aggiungiamo pian piano acqua fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Lo stesso procedimento possiamo farlo a mano, iniziamo a lavorare con una forchetta le uova e il burro, pian piano prendiamo la farina dai bordi esterni fino ad ottenere un panetto, qualora ce ne fosse bisogno aggiungiamo tanta acqua quanta ne richiede l’impasto.

Facciamo riposare la pasta avvolta in pellicola trasparente in frigo per almeno mezzora prima di lavorarla.

Questo passaggio è importante per far “stendere il glutine” altrimenti la pasta sarà troppo elastica.

A questo punto possiamo sbizzarrirci nelle preparazioni, ravioli, tortellini, pappardelle, tagliatelle e quanto più la tua fantasia ti suggerisce.

Spero che la ricetta ti sia piaciuta e che possa essere una buona alternativa ai classici pranzi e cene di queste feste.

Ti aspetto al prossimo aggiornamento e … buone feste!

Federica.

Ti potrebbero anche interessare

Ravioli di patate con salsiccia, funghi e nocciole

Riccioli alla liquirizia con gamberetti e salmone al profumo d’arancia

Delicatezza in tavola – Fusilli con gamberi, peperoncini verdi e salsa al limone

marullo pasta_pistacchio3

Translate »