Base per pizza

La base per pizza è uno dei cardini della cucina, anche perché forse sarò di parte ma la pizza è una delle cose più buone in assoluto.

La cosa più bella della pizza è che puoi cambiare gusto ogni volta che vorrai, non esiste un abbinamento sbagliato, la pizza puó essere un ottimo pretesto per svuotare il frigo o assaggiare gusti nuovi.

Oggi poi si danno svariate forme alle pizze proprio per non accontentarsi mai. Hai già visto la mia pizza stella? Pian piano ti mostrerò tante belle forme diverse per stupire i tuoi ospiti.

Per fare una buona pizza peró bisogna fare un buon impasto.

Io la mia base per la pizza la faccio così.

foto 3

Base per pizza

Ingredienti per 4 persone

800 gr farina per pizza Molini Pizzuti

3 cucchiai di strutto (sostituibili con olio extravergine di oliva)

Sale qb

Acqua qb

Lievito di birra 5 gr

Partiamo come al solito dal presupposto che io non amo il lievito di birra, ho provato per un periodo il lievito madre ma mi risulta indigesto e così ho ovviato al problema utilizzando una piccola quantità di lievito prolungando peró la lievitazione.

Resta inteso che qualora ti servisse una lievitazione più veloce potrai aumentare le dosi di lievito.

Per dar spinta ai miei impasti utilizzo un metodo che mi fa piacere condividere con te. Una volta ottenuto il panetto di impasto lo metto in una ciotola profonda, in modo tale che lievitando non esca, e lo corpo con uno strofinaccio da cucina pulito. Accendo il forno a 60 gradi e quando sarà arrivato a temperatura spengo il forno e metto all’interno il mio impasto. Nel frattempo metto in un bollilatte un paio di cm di acqua e la porto in ebollizione, quando sarà arrivata a bollore metto il bollilatte nel forno e lascio lievitare il mio impasto.

Il calore del forno e l’umidità dell’acqua aiuteranno tantissimo la lievitazione facendo lievitare prima l’impasto e facendoti risparmiare la corrente che implica tenere accesa ore intere la lucina del forno.

Questo trucco lo puoi utilizzare per tutti i tipi di lievitati.

Adesso veniamo a noi.

Io procedo così. Come sai io utilizzo la planetaria, tu qualora non l’avessi potrai utilizzare un frullino con le fruste a gancio oppure lavorare a mano.

La quantità d’acqua è indicativa perché dipende da quanta ne assorbe la farina.

Per prima cosa sciogliamo il lievito in mezzo bicchiere d’acqua.

Mettiamo il lievito con la sua acqua nella planetaria e aggiungiamo la farina. Facciamo lavorare la macchina un minuto in modo tale che la farina assorba il lievito.

Aggiungiamo lo strutto o olio in base ai nostri gusti, il sale e un altro mezzo bicchiere di acqua. Facciamo lavorare la macchina fino a che gli ingredienti non si saranno incorporati nella farina.

A questo punto aggiungiamo altra acqua fino ad ottenere un impasto morbido ma non liquido.

Sul nostro piano di lavoro infarinato mettiamo l’impasto e lavoriamolo con le mani dandogli una forma rotonda e roteandolo più volte su se stesso.

Dopo questo passaggio il nostro impasto avrà più struttura, ecco perché nonostante la planetaria l’ultima lavorazione la faccio sempre a mano.

A questo punto con un coltello creiamo una croce abbastanza profonda e mettiamolo nella nostra terrina coperto.

Adesso sta a te mettere in campo la fantasia. In base alla preparazione e alla digeribilità potrai anche farla lievitare due volte cioè una volta raddoppiata,potrai sgonfiare l’impasto,metterlo nella teglia e farlo lievitare nuovamente. A te la scelta.

Spero che questo articolo ti sia stato utile e ti sia piaciuto.

Ti aspetto al prossimo aggiornamento.

Federica.

Ti potrebbero anche interessare

Pizza cocktail

Mini muffin salati in 10 minuti

Pizza di scarole

 foto 5 foto 4 foto 2 foto 1

Precedente Pizza stella ripieno fantasia Successivo Zeppole della nonna