Pizza di scarola, ricetta napoletana

La  pizza di scarola fa parte dei piatti presenti da sempre nei miei ricordi: credo di non aver mai passato una vigilia di Natale senza la nonna che preparava questo gustoso piatto tradizionale.

Oggi ho preparato la mia pizza di scarola in porzioni individuali  e ho utilizzato  la pasta matta anziché la più comune pasta di pane. L’ho servita come antipasto: ogni occasione è buona per gustarla, grande o piccola è sempre talmente gradita che ormai è presente tutto l’anno sulla mia tavola   😀 

pizza di scarola

Pizza di scarola

Ingredienti

  • pasta matta  (o pasta di pane  già lievitata, 800 grammi)
  • scarola (indivia), 1 kg e mezzo circa
  • aglio, 2 spicchi
  • olive nere, 200 grammi
  • acciughe sott’olio,  due o tre
  • capperi salati, 50 grammi
  • uvetta e pinoli, una manciata
  • olio extravergine di oliva, 3 cucchiai
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Preparare la pasta matta e lasciarla riposare il tempo necessario a preparare il ripieno.

Pulire e lavare la scarola e farla cuocere, stufandola in  un tegame coperto con un filino d’olio e uno spicchio d’aglio; in questo modo la verdura sarà molto più gustosa, ma se lo si preferisse si può semplicemente cuocere in acqua bollente per pochi minuti.

Appena la scarola si sarà ammorbidita togliere il coperchio e fare asciugare bene tutta l’acqua che avrà emesso: questo particolare è importante perché se restasse acqua, quest’ultima rischierebbe poi di bagnare la pasta della sfoglia.

In una padella far rosolare l’altro spicchio d’aglio, aggiungere le acciughe e farle sciogliere a fuoco basso.

Togliere lo spicchio d’aglio, unire  le olive  tagliate  a metà, i capperi sciacquati dal loro sale, l’uvetta ammorbidita in acqua, i pinoli, il pepe e la scarola ben strizzata.

Mescolare e far insaporire per qualche minuto. Controllare se ci fosse bisogno di aggiungere un po’ di sale: acciughe, capperi e olive sono molto saporiti e potrebbe anche non essere necessario.

In attesa che si raffreddi accendere il forno a 180°.

Stendere la pasta matta in una sfoglia sottile e ritagliare due tondi (uno leggermente più  grande dell’altro) della misura della teglia scelta.

Foderare la teglia con il disco di pasta più grande. Riempirla con il composto di scarola e chiudere con il secondo disco di sfoglia, saldando i due dischi tra di loro.

Infornare per circa 40 minuti: alla fine la pizza di scarola avrà assunto un invitante colore dorato.

Servire la pizza di scarola appena tiepida o a temperatura ambiente.

Nota:

La ricetta tradizionale più diffusa della pizza di scarola è preparata con un impasto lievitato: in questo caso serve una minor quantità di verdura. Nell’impasto tradizionalmente si usa lo strutto: 500 grammi di farina, 150 grammi di sugna (strutto), acqua, sale e pepe.

Io preparo la pizza di scarola con l’olio al posto della sugna e il risultato è ugualmente molto buono.

Se questa ricetta ti è piaciuta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook, su Twitter, Google+ e Pinterest!

 

Precedente Frittata di recupero, ricetta riciclo albumi Successivo Filetto di maiale in crosta di frutta secca e miele

6 commenti su “Pizza di scarola, ricetta napoletana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.