Peperoni ammollicati, ricetta tradizionale

Qualche giorno fa mi sono accorta che tra le ricette del mio blog incredibilmente mancava ancora quella dei peperoni ammollicati, un piatto che amo moltissimo: un contorno classico che è presente, con qualche piccola variante, nella cucina di quasi tutte le regioni meridionali italiane…una ricetta davvero appetitosa e saporita, dai colori allegri e solari e dal profumo delizioso, che si prepara facilmente ed in poco tempo.

peperoni ammollicati

Peperoni ammollicati

Ingredienti per 4 persone 

  • peperoni rossi e gialli ben sodi, 800 grammi
  • pane raffermo grattugiato (in mancanza utilizzare il pangrattato), 150 grammi  
  • capperi, una cucchiaiata
  • aglio, tre spicchi 
  • olio extravergine d’oliva, 4-5 cucchiai 
  • pecorino grattugiato (io non lo aggiungo sempre), 30 grammi
  • origano q.b.
  • sale e pepe q.b.

Preparazione 

Lavare i peperoni, eliminare il picciolo, i semi e le nervature bianche, dividerli a metà nel senso della lunghezza e tagliarli a fettine della larghezza di circa due centimetri.

In una ciotola condire il pane grattugiato con origano, capperi, pepe appena macinato, uno spicchio d’aglio tritato finemente e il pecorino. 

In una padella riscaldare 4-5 cucchiai d’olio con due spicchi d’aglio e soffriggere i peperoni per un paio di minuti.

Aggiungere sale e pepe e continuare la cottura fino a quando i peperoni diventeranno morbidi, mescolando spesso. Un po’ prima della fine della cottura cospargere i peperoni con il composto di mollica preparato, mescolare bene e lasciare insaporire ancora per dieci minuti.  Eliminare gli spicchi d’aglio.

Spegnere il fuoco: i peperoni ammollicati sono pronti. Sono ottimi da gustare caldi o tiepidi, ma anche se conservati in frigorifero e mangiati freddi il giorno successivo.

Note

  1. I peperoni ammollicati si possono preparare anche al forno: dopo averli tagliati e sistemati in una teglia della giusta capacità, cospargerli con la mollica condita, irrorarli con l’olio e lasciarli cuocere in forno a 180° per 20 minuti circa, fino a quando saranno morbidi e il pangrattato sarà dorato. 
  2. I peperoni a volte possono essere difficili da digerire per la composizione della loro buccia: in questo caso consiglio di arrostirli preventivamente nel forno per una decina di minuti, sfornarli, metterli in un sacchetto di carta e lasciarli raffreddare, eliminando poi la pelle esterna che in tal modo verrà via facilmente. A questo punto, dopo averli liberati anche dai semi e dal picciolo, passarli in padella, completando la preparazione con l’aggiunta del pane grattugiato insaporito dagli aromi.

Se la ricetta dei peperoni ammollicati ti è piaciuta, condividila e seguimi anche sulle mie pagina Facebook  e Pinterest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.