Crea sito

Marmellata di arance, ricetta facile e veloce

La marmellata di arance è tra le mie preferite in assoluto: la presenza della buccia nella ricetta la distingue rispetto ad altre marmellate, regalandole un profumo e una consistenza unici e contribuendo a renderla un’autentica delizia. Ogni anno la preparo a più riprese e con differenti varietà di arance, ma ciononostante non basta mai 😀 : oltre ad essere squisita da spalmare sul pane per indimenticabili colazioni e merende, è infatti anche un ingrediente prezioso per la preparazioni di crostate, torte e dolcetti di ogni tipo. 

La ricetta che vi presento oggi, avuta da un’amica e collaudata da tempo con grande successo, prevede che le arance rimangano a macerare nell’acqua per una giornata, ma da quel momento in poi scorre via veloce e senza nessuna difficoltà e, a conti fatti, si è rivelata di gran lunga la più semplice ed efficace tra tutte quelle che ho provato e usato nel corso degli anni: perciò ormai è diventata a tutti gli effetti la “mia ricetta” 🙂  . Naturalmente la cosa più importante per la buona riuscita della ricetta è la qualità delle arance, che devono essere fresche e assolutamente biologiche o non trattate.Marmellata di arance

Marmellata di arance, ricetta facile e veloce

Ingredienti (per 6 vasetti medi)

  • arance non trattate o biologiche, 2 kg
  • il succo di un limone
  • zucchero, pari quantità rispetto al peso delle arance (dopo averle tagliate) 
  • acqua, un bicchiere

Preparazione

Lavare bene le arance, se necessario anche con l’aiuto di uno spazzolino per pulire al meglio la buccia esterna. 

Punzecchiare le arance con i rebbi di una forchetta, metterle in una grande pentola, coprirle con acqua, chiudere con il coperchio e lasciarle riposare per 22-24 ore. Trascorso questo tempo buttare via l’acqua.

Eliminare le estremità delle arance, togliere gli eventuali semi e filamenti bianchi più evidenti, quindi tagliarle a metà, farle a fette più o meno sottili (naturalmente senza sbucciarle) e pesarle: il peso servirà per determinare quanto zucchero aggiungere.

Riempire nuovamente la pentola d’acqua, portare ad ebollizione e fare cuocere le arance per 10 minuti. Buttare via tutta l’acqua scolando bene le arance, poi aggiungere il succo di limone, lo zucchero, un bicchiere d’acqua e cuocere ancora a fiamma bassa per circa 45 minuti.

Non appena la marmellata sarà quasi pronta, con l’aiuto di un mixer a immersione tritare più o meno grossolanamente, a seconda delle preferenze, i pezzi di frutta.

Per capire se la consistenza è quella giusta e la marmellata è pronta ricorrere al metodo tradizionale, versandone un cucchiaino su un piattino inclinato: se la marmellata scende via velocemente bisognerà proseguire la cottura, tenendo comunque conto che quando si sarà raffreddata si indurirà ulteriormente.  

Quando la marmellata è pronta versarla subito nei vasetti precedentemente sterilizzati, poi chiuderli bene, avvitando con cura il tappo, e capovolgerli su un piano non troppo freddo per farli raffreddare e creare il sottovuoto. Coprire con un panno fino a quando si saranno raffreddati completamente. 

Una volta che i vasetti si saranno raffreddati, capovolgerli nuovamente e riporli in dispensa, senza dimenticare di etichettarli aggiungendo la data di confezionamento.

Note

  1. Sterilizzare sempre i vasetti (anche se nuovi) per trenta minuti in acqua bollente e farli asciugare perfettamente sopra uno strofinaccio immacolato prima di usarli.
  2. Una volta aperto il vasetto, la marmellata va conservata in frigorifero e consumata nel giro di una settimana.

Se la ricetta della marmellata di arance ti è piaciuta, condividila e seguimi anche sulla mie pagina FacebookTwitterGoogle+ e Pinterest!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.