Crea sito

Gelo di melone (anguria), ricetta siciliana

Il gelo di melone (gelo di mellone) è un antico dolce al cucchiaio tipico di tutta la Sicilia ed in particolare di quella occidentale, tradizionalmente preparato a Palermo per la festa di Santa Rosalia e per Ferragosto. Per chi non lo sapesse, chiarisco che si tratta in realtà di un gelo di anguria, visto che in Sicilia il melone (u muluni) non è altro che l’anguria o cocomero: estremamente gradevole nelle calde giornate estive, questo delizioso dessert è un fresco budino ricavato dal succo del frutto, impreziosito dagli stuzzicanti sapori della cannella e del gelsomino, mentre piccoli pezzi di cioccolato lo rendono ancora più goloso, simulando nello stesso tempo i semini dell’anguria.

Un aneddoto letterario –  Il poeta siciliano Lucio Piccolo racconta che suo cugino Giuseppe Tomasi di Lampedusa, il celebre autore del Gattopardo, conoscendo la sua passione per il gelo di melone ed avendo letto nella sua poesia Scirocco i versi “ghermisce le foglie deserte e i gelsomini puerili“, era pronto a giurare che i “gelsomini puerili” da lui cantati fossero quelli usati dai pasticcieri per preparare il gelo. In effetti il Piccolo descrive così le sue sensazioni nel mangiarlo: “A me il gelo di mellone piaceva moltissimo. Inghiottivo a cucchiaiate la tremolante gelatina di velluto e facevo indugiare la lingua, felice, su quella polpa soffice che sapeva di cielo e d’aria.” (Tratto dal libro “I Siciliani a Tavola” di Alberto Denti di Pirajno, 1970, Longanesi Editore).

Gelo di melone

Gelo di melone

Ingredienti

  • anguria, da cui ricavare 1 litro e 200 ml di succo 
  • amido di grano (frumina), 90 grammi
  • zucchero, 180-200 grammi (dipende dalla dolcezza dell’anguria)
  • cannella a piacere: io uso un pezzetto di bacca, che faccio bollire un attimo in 50 ml di succo d’anguria, ma si può usare anche un cucchiaino di cannella macinata 
  • pezzetti o gocce di cioccolato a piacere
  • gelsomino (facoltativo), una manciata di fiori da mettere in infusione in mezzo bicchiere di succo d’anguria caldo
  • pistacchio tritato (per decorare) q.b.

Preparazione

Eliminare la buccia e i semi dell’anguria, passarne i pezzi di polpa al setaccio e filtrare con un colino: si otterrà così un bellissimo succo rosso.

Versare il succo in una pentola di misura adeguata e aggiungere a fiamma spenta lo zucchero e l’amido setacciato, mescolando bene in modo da farlo dissolvere completamente senza lasciare grumi. È importante fare questa operazione a freddo.

Aggiungere la cannella ed eventualmente il succo di gelsomino (eliminando i fiori di gelsomino utilizzati per l’infusione).

Accendere il fuoco e portare lentamente ad ebollizione, mescolando come per una normale crema fino a quando il composto non inizierà ad addensarsi (intorno all’inizio dell’ebollizione, dopo una decina di minuti circa).

Versare una parte di gelo di melone in uno stampo leggermente bagnato, mettere qualche pezzetto di cioccolato e ricoprire con il resto della crema.

Lasciare raffreddare in frigorifero per una mezza giornata o tutta la notte.

Sformare sul piatto da portata e decorare il gelo secondo la propria fantasia con gelsomino, cannella, altri pezzetti di cioccolato, granella di pistacchio, zuccata…

gelo di melone singolo

Nella foto qui sopra il gelo di melone preparato in porzioni individuali, meno scenografico ma altrettanto buono.  🙂 

Se la ricetta del gelo di melone ti è piaciuta, seguimi anche sulle mie pagine Facebook,Twitter e Pinterest!

4 Risposte a “Gelo di melone (anguria), ricetta siciliana”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.