Carciofi ripieni, cacocciuli ca tappa i l’ovu

I carciofi ripieni con il tappo d’uovo (cacocciuli ammuttunati ca tappa i l’ovu) sono una incredibile delizia della cucina siciliana: i carciofi, dopo essere stati farciti, vengono chiusi con un composto di uovo, prezzemolo e formaggio, che cuocendo sigillerà perfettamente il ripieno. Una ricetta antica ma molto diffusa e apprezzata in tutta la Sicilia, un ricco secondo ma anche un gustoso piatto unico: mai lesinare nel numero di carciofi… sono gustosissimi e difficilmente ci si tira indietro nel prenderne qualcuno in più  😀

carciofi ripieni

Carciofi ripieni

Ingredienti

  • carciofi, 6
  • pane grattugiato o pangrattato, 120 grammi circa
  • pecorino o altro formaggio grattugiato, 100 grammi
  • prezzemolo, un mazzetto
  • caciocavallo tagliato a cubetti, 
  • uova, due medie
  • sale e pepe q.b.
  • aglio due spicchi
  • passata di pomodoro, una bottiglia grande
  • un limone (oppure mezzo cucchiaio di farina)
  • olio extravergine d’oliva q.b.

Le dosi sono approssimative, nel senso che le quantità dipendono dalla grandezza dei carciofi. Il ripieno può variare secondo gusti e abitudini: chi aggiunge mortadella o salsiccia, chi acciuga, qualcuno uva passa e pinoli. Questa è la ricetta che faccio io, tradizionalmente preparata da… sempre, in casa della nonna di mio marito.

Preparazione

Pulire i carciofi, accorciando i gambi (dovranno poi cuocere ritti nel tegame), privandoli dei primi strati di foglie più coriacee e tagliando la parte superiore spinosa.

Allargare le foglie e scavare un po’ all’interno dei carciofi con un cucchiaino (eliminando così l’eventuale “fieno” interno), in modo da creare una cavità.

Tuffare via via i carciofi così preparati in una pentola con acqua, acidulata con il succo di un limone (o se si preferisce con mezzo cucchiaio di farina), che servirà a non farli annerire.

Preparare il ripieno: mescolare in una ciotola il pane grattugiato con buona parte del prezzemolo tritato finemente insieme ad uno spicchio d’aglio, il pecorino e il caciocavallo tagliato a dadini, aggiungere un paio di cucchiai d’olio, pepe nero ed eventualmente un pizzico di sale.

Impastare in modo da avere un composto morbido ed omogeneo.

Scolare e asciugare i carciofi.

Riempirli con il composto, pressandolo in modo che si compatti e si distribuisca bene internamente. 

In una piccola ciotola sbattere le uova con il rimanente prezzemolo tritato e un cucchiaio di formaggio grattugiato. Aiutandosi con un cucchiaio versarne un po’ su ogni carciofo, in modo che la parte superiore con il ripieno venga ben coperta dal composto di uova.

Versare un po’ d’olio in una padella e, quando sarà ben caldo, mettere i carciofi a friggere, brevemente e a testa in giù, in modo che l’uovo possa rapprendersi e formare il “tappo”.

In un tegame, di grandezza adeguata al numero dei carciofi, far rosolare lo spicchio d’aglio con un paio di cucchiai d’olio.

Unire la passata di pomodoro e qualche mestolino d’acqua, più sale e pepe.

Aggiungere i carciofi ripieni, posizionati uno vicino all’altro, ben stretti e con il tappo verso l’alto. Se ci fossero spazi vuoti, unire i gambi dei carciofi (ben sbucciati, pelati e tagliati a pezzetti) o qualche patata a tocchetti.

carciofi ripieni cottura

Coprire e far cuocere a fiamma molto bassa per circa 30 minuti; per essere certi della cottura basta infilzare una forchetta lateralmente nel centro di un carciofo, se entra facilmente i nostri carciofi sono pronti per essere portati in tavola. 

Nota

Il sugo di cottura è molto gustoso, ottimo ad esempio per condire la pasta.

Se questa ricetta ti è piaciuta, seguimi anche sulla mia pagina Facebook, su Twitter, Google+ e Pinterest!

Precedente Sciusceddu pasquale, ricetta messinese Successivo Risotto asparagi e salmone, semplice e leggero

Un commento su “Carciofi ripieni, cacocciuli ca tappa i l’ovu

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.