Crea sito

Tartufini al cioccolato mandorle e zucca – ricetta vegan

Tartufini al cioccolato mandorle e zucca, piccole deliziose palline avvolte in un guscio croccante di cioccolato fondente e con il cuore morbido e goloso… una vera bontà! Semplici da preparare e fatti con pochissimi ingredienti, non contengono uova, ne glutine, ne latticini, questi tartufini faranno felici proprio tutti, il successo è garantito! Sono la mia rivisitazione vegana e gluten free delle classiche palline che solitamente si fanno con biscotti tritati, burro e cioccolato. Dolcetti sfiziosi da servire dopo i pasti con il caffè oppure da tenere in frigorifero per concedersi in qualsiasi momento un piccolo peccatuccio di gola! Troppo buoni, gustosissimi e talmente golosi che se ne mangi uno non ti fermi più… uno tira l’altro! Beh! li dovete provare! Allora seguitemi e vediamo insieme come preparare i Tartufini al cioccolato mandorle e zucca

tartufini al cioccolato2b

Tartufini al cioccolato mandorle e zucca

INGREDIENTI: (per circa 15 tartufini)

  • 120 gr farina di mandorle (o mandorle pelate tritate finemente)
  • 130 gr zucca gialla (già pulita)
  • 20 gr cacao amaro in polvere
  • 80 gr zucchero
  • 100 gr cioccolato fondente (vegan) di buona qualità
  • 1 cucchiaio di rum (o qualche goccia d’aroma)(facoltativo)

PROCEDIMENTO:

  1. Tagliare la zucca a pezzetti, metterla in una teglia rivestita di carta forno, quindi cuocerla in forno caldo a 200° per circa 15 minuti. Una volta cotta ridurla in purea schiacciandola con una forchetta e lasciarla raffreddare.
  2. Appena si sarà raffreddata, in una ciotola mettere la farina di mandorle (o mandorle tritate finemente con il mixer), lo zucchero, la purea di zucca e mescolare.
  3. Aggiungere anche il cacao amaro e amalgamare bene il tutto fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. Quindi mettere l’impasto a riposare in freezer per circa 20-30 minuti, giusto il tempo di rapprendersi un po’ così sarà più facile lavorarlo.
  4. Trascorso il tempo di riposo, con un cucchiaino da caffè prelevare circa 15 gr d’impasto e, con le mani leggermente umide, formare delle palline; quindi poggiare le palline su una teglia rivestita di carta forno e metterle in freezer per 2-3 ore (oppure se preparati il giorno prima una notte in frigorifero).
  5. Quando sarà arrivato il momento di ricoprire i tartufini: sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria (o nel microonde), aromatizzarlo con un cucchiaio di rum (facoltativo) e tuffarci le palline, una alla volta, rigirandole velocemente con due cucchiaini in modo da ricoprirle bene. Poggiare man mano i tartufini su un vassoio rivestito di carta forno e metterli a raffreddare in frigorifero per una quindicina di minuti.
  6. Appena si sarà formato il guscio croccante, i Tartufini al cioccolato mandorle e zucca saranno pronti per essere serviti e gustati!

IMPORTANTE: per mantenere la croccantezza del guscio, se preparati in anticipo, vanno lasciti in frigorifero e tirati fuori prima di servirli.

tartufini al cioccolato0

CONSIGLI:

  • il riposo in freezer è fondamentale per poter ricoprire le palline con il cioccolato fondente fuso, per accorciare i tempi l’alternativa è mettere il rum nell’impasto, tenerle solo 1 ora in freezer e poi rotolarle nel cacao in polvere o ricoprirle con codette di cioccolato…  a voi la scelta!!
  • se dovessero avanzare (cosa poco probabile 😉 ), non contenendo uova e latticini, si conserveranno benissimo per alcuni giorni sempre in frigorifero.

Volete fare un dolce pensierino per Natale? confezionate i vostri Tartufini al cioccolato mandorle e zucca in una bella scatolina e regalateli agli amici… farete un figurone!!

Alla prossima ricetta! CIAO ❤︎

Se ti è piaciuta la mia ricetta SEGUIMI ANCHE SU FACEBOOK

Vuoi ricevere gratuitamente le mie ricette nella tua email? clicca QUI

tartufini

tartufini al cioccolato interno

Print Friendly, PDF & Email

4 Risposte a “Tartufini al cioccolato mandorle e zucca – ricetta vegan”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »