Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale

Taralli di Castellammare ricetta napoletana, dolci golosi da merenda, colazione, dopo cena, quando preferite, sono buonissimi.

Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale

Castellammare di Stabia è un comune del napoletano che conosco bene, situato sul mare, quando ero bambina, facevamo questi viaggi in macchina per prendere l’acqua della Madonna, c’è una fonte di acqua sorgiva che dicono miracolosa e gli immancabili taralli di Castellammare, con gli anni ho scoperto poi che la mia bisnonna era di Castellammare.

La ricetta dei taralli di Castellammare che si trova sul web non è quella originale, in effetti come indicato è la ricetta di taralli, ma il taralluccio tipico con il naspro, è diverso, ne ho mangiati tanti di nasprini, leggerissimi, croccanti, zuccheratissimi di bianco sopra.

Niente uova nell’impasto, assolutamente strutto e no burro o olio, magari se non vi piace, preferite l’olio, nessun aroma particolare, una semplice vanillina, io non ho avuto tempo di preparare il naspro, se lo fate ripassateli subito nello zucchero a velo, io li rifarò di sicuro.

Seguitemi in cucina oggi ci sono i taralli di Castellammare!

Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale vickyart arte in cucina Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale vickyart arte in cucina

Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale

QUI ALTRE RICETTE

Segui le ricette di Arte in Cucina anche su Telegram sul canale telegram.me/arteincucina

QUI SE VUOI SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK

Ingredienti:

  • 250 gr di farina
  • 40 gr di zucchero
  • 125 ml di acqua
  • 50 g di pasta madre o 7 g di lievito di birra
  • 20 g di strutto
  • 1/2 bustina di vanillina
  • Per il naspro
  • 300 gr di zucchero
  • 100 di acqua
  • 1 cucchiaino di bicarbonato
  • Oppure la glassa come me:
  • 1 albume
  • 250 g di zucchero a velo
  • 2-3 gocce di limone

procedimento

  1. QUI VIDEO RICETTA
  2. Se utilizzate la pasta madre dovete aggiungere altra acqua, l’impasto non deve appiccicare, deve restare elastico.
  3. Sciogliete il lievito nell’acqua, aggiungete la farina un po’ alla volta, la vanillina o buccia di limone grattugiata, lo zucchero e lo strutto.
  4. Lavorate l’impasto, formate una palla mettetela in una ciotola coperta con pellicola e lasciate lievitare fino al raddoppio, dalle 3 alle 4 ore a seconda della temperatura esterna.
  5. Nel caso di lievito madre aumentano i tempi.
  6. A lievitazione staccate dei pezzi dall’impasto di circa 30-40 grammi e formate dei filonicini larghi quanto un dito, poi chiudeteli da anello e sistemateli sulla placca del forno rivestita dalla carta a lievitare una ventina di minuti.
  7. A questo punto potete decidere di cuocerli subito in forno e resteranno morbidi e soffici, ma i veri tarali sono duri, quindi procedete come segue.
  8. Riscaldate dell’acqua sul fornello e tuffatevi i taralli un po’ alla volta per qualche minuto, finchè non vengono a galla, poi scolateli per bene e lasciateli asciugare su un cannovaccio pulito.
  9. per una migliore riuscita lasciateli riposare fino al giorno dopo e poi procedete con la cottura in forno.
  10. Riscaldate il forno a 180° e cuoceteli per 15 minuti circa devono colorire, controllate la consistenza se non sono croccanti prolungate per altri 15 minuti, poi lasciateli raffreddare.
  11. Ho preferito realizzare una glassa zuccherata a freddo, più veloce anzichè fare il naspro, vi indicherò come fare in entrambi i casi, la ricetta originale prevede il naspro.
  12. Per la glassa bianca, mettete in un mixer lo zucchero a velo, 1 albume e qualche goccia di succo di limone, frullate tutto velocemente, finchè non vedete che è ben amalgamato, versate sui taralli e lasciate asciugare.
  13. Per il naspro:
  14. Cuocete lo zucchero con l’acqua, appena incomincia a diventare di un colore ambrato e lo zucchero fa le bollicine, potete spegnere.
  15. Versate le ciambelline nella pentola del naspro e giratele con delicatezza, a questo punto vi consiglio di fare un’altra cosa, preparate un piatto con dello zucchero a velo, ripassateci dentro i biscotti e metteteli su una gratella.
  16. La glassa dei taralli è bianchissima.
  17. CON IL BIMBY:
  18. Versate la farina con il lievito nel robot vel 1 8 sec
  19. Aggiungete la farina, zucchero e vanillina e lo strutto tasto spiga 3 minuti
  20. Bon appétit

Precedente Panzanella toscana ricca facile e veloce Successivo Treccia di patate farcita al forno ricetta facile

2 commenti su “Taralli di Castellammare ricetta napoletana originale

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.