Crea sito

Pastiera napoletana con grano saraceno senza glutine

Buongiorno! Che ne dite di un bel pezzo di pastiera napoletana con grano saraceno senza glutine? buonissima! niente da invidiare alla classica pastiera! E’ anche più leggera!

Un classico della pasticceria napoletana, uno dei dolci di Pasqua regionali per eccellenza, anche se ormai la si trova tutto l’anno. “E’ un dolce legato soprattutto alla Pasqua e anticamente la Pentecoste era l’ultima Pasqua e ultimo giorno in cui si consumava la pastiera perché il caldo, quando non c’erano i frigoriferi, non avrebbe permesso di conservarla a lungo”. (wikipedia)

Siamo entrati nel periodo della Pasqua incominciamo con ricette a tema e volevo realizzare una pastiera appunto che non fosse diversa a causa del glutine per cui ho cercato di rispettare la ricetta originale e adattarla.. ottima!

Una base di pasta frolla morbida e croccante allo stesso tempo che si scioglie in bocca, una crema profumata e buona, vi consiglio di provare la pastiera napoletana con il grano saraceno!

E’ un dei dolci che mangiavo raramente perchè non la digerivo, forse perchè intollerante e non lo sapevo, questa versione invece non mi ha dato alcun problema ne’ di digeribilità ne’ di altro!

“Narra la leggenda che la sirena Partenope, simbolo della città di Napoli, dimorasse nel Golfo disteso tra Posillipo ed il Vesuvio, e che da qui ogni primavera emergesse per salutare le genti felici che lo popolavano, allietandole con canti di gioia. Una volta la sua voce fu così melodiosa e soave che tutti gli abitanti ne rimasero affascinati e rapiti, accorsero verso il mare commossi dalla dolcezza del canto e delle parole d’amore che la sirena aveva loro dedicato e, per ringraziarla, sette fra le più belle fanciulle dei villaggi furono incaricate di consegnarle i doni della natura: la farina, la ricotta, le uova, il grano tenero, l’acqua di fiori d’arancio, le spezie e lo zucchero. La sirena depose le offerte preziose ai piedi degli dei, questi riunirono e mescolarono con arti divine tutti gli ingredienti, trasformandoli nella prima Pastiera, che superava in dolcezza il canto della stessa sirena”

In particolare la leggenda è probabilmente legata al culto di Cerere le cui sacerdotesse portavano in processione l’uovo, simbolo di rinascita che passò nella tradizione cristiana. La ricetta attuale fu perfezionata proprio nei conventi e divennero celebri quelle delle suore del convento di San Gregorio Armeno(Wikipedia)

La ricetta della pastiera napoletana con grano saraceno di seguito è per due pastiere piccole di circa 10 cm poichè ho ridotto le dosi della ricetta originale, andando anche un po’ ad occhio, mi sono ritrovata con l’impasto della frolla perfetto per una porzione mentre la crema era sufficiente per due pastiere piccoline.

Per comodità vi ho indicato le dosi dunque di due piccole pastiere o se vogliamo uno di circa18-20 cm

Per i celiaci: controllate che i canditi e gli aromi siano senza glutine, in commercio si trovano tranquillamente al supermercato

farina senza glutine, canditi senza glutine, aroma senza glutine.

Per la versione glutinosa, tradizionale, consiglio farina per dolci e sfoglia Rosignoli Molini

Cassia in polvere della ditta Ferri sponsorizzato da I Gusti Vegetali

La mia è una monoporzione cioè con uno stampo da 10 cm.

Per la ricetta di oggi uno stampo per crostata in ceramica di Gioie della casa circa 10 cm

Segui su Facebook – http://www.facebook.com/gioiadellacasa

Segui su Twitter – http://www.twitter.com/gioiadellacasa

Seguitemi in cucina oggi c’è la pastiera napoletana con grano saraceno!

Ricetta: Pastiera napoletana con grano saraceno senza glutine

QUI ALTRE RICETTE

Segui le ricette di Arte in Cucina anche su Telegram sul canale telegram.me/arteincucina

QUI SE VUOI SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK

Ingredienti

  • Per la frolla:
  • 200 grammi di farina senza glutine (io ho usato la schar per pasta e pane)
  • 1 uovo
  • 50 grammi di burro
  • 50 grammi di zucchero
  • Per il ripieno:
  • 2 cucchiai di grano saraceno
  • 2 cucchiai di ricotta vaccina
  • 1 cucchiaIo di zucchero
  • 30 grammi di latte
  • 15 grammi di burro
  • 1 uovo
  • 1 limone
  • 1 arancia
  • 1 pizzico di vaniglia
  • 1 cucchiaino di fiori d’arancio
  • 1 pizzico di cassia o cannella
  • cedro e arancia candita

pastiera napoletana con grano saracenosenza glutine ricetta arte in cucina

Procedimento

  1. Preparate la frolla amalgamando gli ingredienti.
  2. Si otterrà un impasto morbido e liscio.
  3. Cuocere il grano circa 10 minuti in acqua.
  4. Scolare.
  5. Mettere il grano in un pentolino con il latte, burro, scorza grattugiata di limone e arancia, cuocere 10 minuti.
  6. A parte amalgamare ricotta, zucchero, uova, canditi e cassia o cannella, vaniglia, fiori d’arancio.
  7. Lavorate bene deve diventare un composto liscio.
  8. Aggiungete i canditi e il composto con il grano.
  9. Stendere la sfoglia in uno stampo da 18-20 cm o 2 stampi piccolini da 10 cm come la mia in foto, trattenendo 1/3 per le striscioline, in uno spessore di 1/2 cm, versare la crema, ripiegare i bordi della frolla all’interno e chiudere con le strisce di impasto.
  10. Infornate a 180° per circa 40 minuti.
  11. Sfornare e spolverare con zucchero a velo..
  12. Bon appétit..

Preparation time: 1 hour(s)

Cooking time: 40 minute(s)

Diet tags: Gluten free

Number of servings (yield): 2

Voto 5 Stelle:  ★★★★★ 1 review(s)

Copyright © Vickyart.

La ricetta è presa da qui: La pastiera

La pastiera napoletana senza glutine per 12 persone:

1 kg di pasta frolla

400 grammi di grano

700 grammi di ricotta di pecora

600 grammi di zucchero

1 limone

50 grammi di cedro candito

50 grammi di zucca candita (cucuzzata)

50 grammi di arancia candita

un tuorlo per spennellare

100 grammi di latte

30 grammi di burro

5 uova intere+ 2 tuorli

una bustina di vaniglia

1 cucchiaio di acqua di fiori d’arancio

1 pizzico di cannella

Con questa ricetta partecipo ai contest di:

Saporidivini ricette inverno

e di Nuvole di farina Piccole delizie

e al contest di Laura in cucina

28 Risposte a “Pastiera napoletana con grano saraceno senza glutine”

  1. favolosa!!!! io l’ho fatta settimana scorsa(devo ancora pubblicarla) ma classica…tu sai sempre stupire!!! un bacioneeeeeeeeeeeeeeeee

    1. de gus gustibus 🙂 anche io non l’amavo molto ma così mi è più digeribile e l’ho apprezzata molto

  2. non ho mai avuto il piacere di assaggiarla, ma immagino quanto sia buona!! 😉 interessante anche la leggenda, non immaginavo che gli dei potessero anche fare gli chef!! 😀 😀 un bacione, buona serata Vicky!! 🙂

  3. La pastiera…quanti ricordi! E’ uno dei coldi che rpeferisco in assoluto, se la pasqua ricadeva nelle vicinanze del mio compleanno la mia amica rosanna, casertana doc, la preparava per me è stato così per ogni anno di università, poi ci si sono messi troppi km e la pastiera è diventata solo un ricordo telefonico. non sai che piacere avere questo dolce per il mio contest, grazie e bellissima rielaborazione. Un abbraccio

  4. o mamma mia quanto mi piace!!la adoro!!!quando la faccio ne tengo sempre una in congelatore a fettine quando mi vien voglia ne scongelo una fetta..mangerei sempre e solo questa come dolci..è fantastica la tua complimenti!!

  5. Ciao cara Vicky! e auguri per l’8 marzo! Fantastica questa torta e anche più leggera! Devo proporla alla mia mamma che via via si diletta…io non l’ho mai provata! E bella anche la leggenda….!! Bravissima! ciaoooo, Cri

  6. Che meraviglia, la mia ex collega, nonché testimone di nozze è maestra di pastiera …. E non mi vuole svelare la ricetta….potrei stupirla riproducendo la tua…ahahah

  7. Fantastica questa pastiera, non abbiamo mai provato a farla, ma ti confessiamo che questa tua versione leggera ci piace proprio tanto e vogliamo assolutamente provarla, poi se ce la consigli è perchè è davvero buona!
    Grazie per questo regalo
    Sabrina&Luca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.