Crea sito

Fiocchi di neve brioche soffici napoletane

Fiocchi di neve brioche ripiene, sofficissime, nuvole morbide, crema al latte con ricotta e panna, brioche da merenda o colazione, ricetta facile congelabile

Fiocchi di neve brioche soffici napoletane

I fiocchi di neve brioche sofficissime e mignon realizzate dalla pasticceria Poppella nel quartiere Sanità a Napoli, il quartiere di Totò per chi non lo sapesse.

Sono farcite con una delicata crema al latte ricotta e panna, una vera nuvola di bontà per i golosi delle brioche!

Non a caso, i suoi concorrenti hanno creato un’altra brioche chiamandola “Nuvola” beh i primi saranno sempre i primi e i secondi solo delle copie dell’originale.

Fatto sta che la famosa pasticceria è riuscita a far tanta buona pubblicità di se e del suo prodotto, non che non fosse conosciuta prima, ma questi fiocchi di neve brioche  hanno davvero spopolato

Ovviamente la mia non è la ricetta originale nel senso che non ci è possibile conoscerla ma da quanto ho letto in giro da fonti più o meno attendibili, si tratta comunque di morbide brioche farcite.

L’impasto che utilizzo è il mio, ho aggiunto un po’ di olio perché sicuramente ci sarà lo strutto in quelle originali come in tutti i prodotti di buona pasticceria, ma personalmente non lo preferisco.

Per le dosi di crema e ricotta con panna mi sono solo affidata alle mie ricette.

Seguitemi in cucina oggi ci sono i fiocchi di neve brioche sofficissime!

Fiocchi di neve brioche soffici napoletane vickyart arte in cucina Fiocchi di neve brioche soffici napoletane vickyart arte in cucinale foto del passo passo sono state fatte in un secondo momento con le brioche fredde,

 QUI Per INFO sui fiocchi di neve e la pasticceria Poppella vedete la pagina FB

QUI ALTRE RICETTE

Segui le ricette di Arte in Cucina anche su Telegram sul canale telegram.me/arteincucina

QUI SE VUOI SEGUIRMI SULLA PAGINA FACEBOOK

SEGUI ARTE IN CUCINA SU INSTAGRAM

Fiocchi di neve brioche soffici napoletane

Ingredienti:

  • 250 g di farina
  • 100 ml di latte
  • 20 g di burro
  • 20 ml di olio o strutto
  • 1 uovo
  • 40 g di zucchero
  • 10 g di lievito di birra
  • Per la farcitura
  • 250 ml di latte
  • 1 cucchiaio di maizena
  • 30 g di zucchero
  • 1/2 baccello di vaniglia o vanillina
  • 100 g di ricotta
  • 100 ml di panna

Procedimento:

  1. N.B. la foto finale mostra una crema più morbida perchè sono state farcite quando erano ancora tiepide.
  2. Le foto del passo passo sono state fatte in un secondo momento con le brioche fredde, la crema ovviamente è rimasta soda.
  3. Con questo impasto dovreste ottenere all’incirca 18 brioche
  4. Preparate l’impasto brioche:
  5. Sciogliete il lievito nel latte versatelo nel vostro robot, aggiungete la farina, olio, burro e lo zucchero, avviate la macchina, unite l’uovo e lasciate incordare.
  6. Se necessario aggiungete un po’ di latte, l’impasto deve risultare morbido ma non appiccicoso e molliccio
  7. Prelevate l’impasto fate una palla e mettete a lievitare in una ciotola coperta da pellicola e panno da cucina per 2 ore.
  8. Trascorso il tempo, prelevate l’impasto, staccate dei pezzi di circa 25 g fate delle palline e sistematele in una teglia rivestita da carta forno.
  9. Distanziatele tra di loro e lasciate lievitare un’altra ora
  10. A lievitazione, accendete il forno a 180° portatelo a temperatura, miscelate un tuorlo con un po’ di latte, spennellate le briochine e infornatele per circa 10 minuti.
  11. Controllate che siano leggere, in questo modo sono cotte, con il mio forno a temperatura sono bastati 10 minuti.
  12. Ovviamente i tempi potrebbero cambiare di pochi minuti (attenti!) con i diversi tipi di forno, io ho un forno ventilato.
  13. Sfornate e lasciate raffreddare per bene.
  14. Preparate la crema al latte come si fa per la pasticcera solo che in questo caso non abbiamo uova.
  15. In un pentolino mettete una metà del latte con la vaniglia e portatelo quasi a bollore, in un altro pentolino versate l’altra metà del latte, lo zucchero e la maizena.
  16. Appena il latte è riscaldato, versatelo nell’altro pentolino a filo, mescolando con le fruste.
  17. Trasferitevi ora sul fornello a fiamma bassissima e con le fruste mescolate sempre finchè non rapprende, circa 20 minuti.
  18. Dovete ottenere un composto più solido, non diventa molto compatto
  19. Trasferite la crema in un contenitore in ceramica preferibilmente, coprite con pellicola a contatto e sistemate in frigo a rapprendersi ancora meglio ci vorrà al meno un oretta.
  20. Montate poi la panna con la ricotta, unitele alla crema al latte, spatolate delicatamente.
  21. Riempite una sacca da pasticcera e farcite le brioche bucando da sotto.
  22. Spolverate di zucchero a velo vanigliato (preferibilmente)
  23. Bon appétit

8 Risposte a “Fiocchi di neve brioche soffici napoletane”

  1. Sei una copiona.
    Dovresti avere almeno la decenza di aspettare qualche giorno e poi riscrivere a parole tue la ricetta di un’altra blogger.

    1. fino a prova contraria la ricetta è scritta a PAROLE MIE! le dosi della ricetta sono le mie basta farti un giro su tutti i miei lievitati, secondo metto sempre il link al blog di riferimento da cui prendo spunto una ricetta, anche se fosse solo per una foto! puoi controllare tutte le mie ricette se vuoi, sopra il “corpo ricetta” trovi il link in uscita se appunto c’è stata anche solo l’idea di qualcun altro prima di me, terzo, ho solo letto sulla pagina di Poppella come indicato nel testo, tra i vari commenti, come è fatto questo dolce, nello specifico, brioche farcita con crema al latte, e ,ho specificato che non è ovviamente la ricetta originale, quarto, sul blog di Luciano Pignataro, c’è riferimento ad un ripieno senza dosi di crema al latte ricotta e panna, ora, se vai a vedere la mia ricetta della fetta al latte o della fetta paradiso (fatta anni fa e nn ieri) troverai le dosi della crema al latte, non sono novella in cucina tra lievitati e creme per cui so come si fa una crema e un panbrioche visto che il mio blog ne è pieno sin dall’inizio, come ho specificato nel testo, non soffermarti alla ricetta, leggi tutto l’articolo, quinto posso mettere il link a chi vuoi se ti fa piacere per me non è un problema, rispetto gli altri blogger da 6 anni cosa che spesso non succede nei miei confronti… p.s. le brioche hanno più o meno lo stesso rapporto tra liquidi e polveri, cosa che probabilmente non sai, lo scarto può essere minimo data la differenza di marche delle farine, il procedimento e simile a tanti altri lievitati, prima di accusare le persone informati perchè ci sono ancora persone troppo rispettose in questo campo come me e la ricetta tra l’altro avrei dovuta farla mesi fa esattamente sotto Natale, ma per tempo non ci sono riuscita pur avendo fatto comunque le brioche più volte ma non la crema purtroppo per mancanza di tempo e ho rimandato. Sei la prima blogger ad averle fatte?… anzi ho controllato dal 18 febbraio non Natale

  2. Proverò queste nuvole. Non ho capito se la panna deve essere montata prima di aggiungerla alla ricotta. Grazie! (e non dare troppo importanza a queste polemiche….)

    1. ciao Paola grazie 🙂 allora la panna e la ricotta vanno montati insieme, appena arrivi al punto di monta, appena cioè vedi il composto gonfiare ferma tutto, non andare oltre altrimenti rischi di ottenere l’effetto contrario, cioè si smonta tutto, poi aggiungi la crema al latte con la spatola, se non ti senti sicura, monta la panna poi unisci la ricotta lavorata un po’ a mano con una forchetta per farla ammorbidire, poi la crema al latte, fammi sapere 🙂

  3. Chi ha pubblicato la foto di questo dolce, sicuramente e vergognosamente, non l’ha neanche assaggiato!
    Al taglio, non si presenta scavato a quel modo, ma sodo e spumoso…la panna va montata e unita alla ricotta.

    1. prova a leggere l’articolo.. la panna è montata e unita alla ricotta.. prima di commentare dovreste leggere, secondo, quando la brioche è calda e la farcisci purtroppo un po’ si scioglie ecco perchè ti sembra scavato in realtà non è scavato ma la farcitura un po’ sciolta perchè quando facciamo gli articoli, scriviamo, fotografiamo ecc spesso e volentieri siamo costretti a fotografare in pochi secondi o con le pietanze ancora calde o con pietanze troppo fredde il giorno dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.