Tomahawk e Jacket potatos (Stati Uniti)

Il Tomahawk fa parte della categoria “bistecca”, nello specifico la costata chiamata Lomo alto o Bife de ancho in Argentina e Contrafile de costela in Brasile.

La categoria porta una serie di confuzione…
In Italia si ricavano le costate dalle sezioni americane chiamate rib e short loin.
Nello specifico la Ribey è la costata di lombata senza osso divisa in bistecche.
Il taglio intero disossato, ma non diviso, è chiamato cube roll o scotch filet.
Short loin e sirloin formano invece la lombata da cui si ricava la Fiorentina.

Se la sezione del rib non viene separata dal plate e si divide il taglio in due costate, si ricava la Tomahawak steak, una bistecca a cui viene lasciato un lungo, e molto coreografico, osso di 30 cm circa il cui nome è dovuto alla somiglianza alle lunghe asce indiane.

Il tempo di frollatura per questa carne è di circa un mese conferendo alla carne un gusto deciso, ma piacevole.

Infine se si sezione l’osso della costata al limite del muscolo, ma senza invcludere il plate, si ha la cowboy steak.

Ho mangiato molti Tomahawk dopo che qualche anno fa è scoppiata una sorta di moda, ricordo che il primo, proveniente dalla Polonia, fu al ristorante “Nino’s” ad Albenga, e l’ultimo l’ho grigliato io in occasione dell’Indepence Day, in una diretta ViaggiandoMangiando on air (foto sotto, peso 1,7 kg).
Potete recuperare il video della diretta del 4 luglio 2021, QUI.

La ricetta per grigliare un Tomahawk non esiste, esistono diversi modi, questo è il più semplice.

A seguire le Jacket Potatos (patate con la giacchetta, intesa come alluminio che le avvolge nella cottura) belle ricche di cheddar e bacon e cipollotti, tradizionale ricetta anglosassassone ricca di gusto.
Qui nella sua versione Halloween – Skulls Jacket Potatos –

  • DifficoltàBassa
  • CostoMolto costoso
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Porzioni2 persone
  • Metodo di cotturaGriglia
  • CucinaAmericana

Ingredienti

  • 1Bistecca Tomahawk
  • q.b.sale fino e grosso
  • q.b.olio

Ingredienti Jacket potatos Halloween:

  • 6patate
  • 50 gcheddar
  • 24pezzi di bacon (dadini)
  • q.b.sale
  • q.b.olio di oliva

Preparazione per grigliare il Tomahawk:

  1. Nella foto il tomahawak mangiato al ristorante “Quarto di bue” a Finalborgo (SV).

    Sistemare il tomahawk su un tagliere e massaggiare con un filo d’olio entrambi i lati aggiungere un pizzico di sale e di pepe.

    Preparate la griglia per una cottura diretta con brace molto ardente e temperatura molto elevata.

    Cuocete da entrambi i lati per circa 7 minuti.

    Il tomahawk sarà pronto quando raggiungerà i 50° al cuore

    Tolta dalla brace lasciatelo riposare per 5 minuti avvolto nella carta stagnola

    Tagliatela lungo l’osso e poi affettate la carne perpendicolare, potete aggiungere del sale in fiocchi o del sale a grana grossa.

  2. Per le jacket potatos:

    Dopo averle accuratamente le patate, passate un filo di olio e di sale sulla buccia epoi avvolgetele nella carta stagnola.

    Cuocete in forno a 200 C° per circa 1 ora e mezza.

    Tagliatele a metà.

    Tagliare il formaggio cheddar in strisce larghe e adagiatelo sulle patate, lasciando un’estremità della patata aperta in modo che la patate sia visibile.

    Infilate le estremità del formaggio intorno alle patate appena dentro le bucce, in stile mummia.

    Cuocete per altri 2 minuti o fino a quando il formaggio si sarà sciolto.

    Aggiungete i pezzo di bacon, fatto saltare in padella, per gli “occhi”.

Tomahawak e brownies per l’Independence Day:

Link affiliato #adv

Pronti per festeggiare Halloween? Scoprite l’origine della festa.

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.