Torta langarola in tazza

La torta langarola, o torta Cortemilia, o torta alle nocciole, ha origini contadine e veniva preparata per Natale usando le nocciole avanzate dal raccolto estivo e poteva contenere rum e farina.

Fino a qualche anno fa la si poteva trovare con l’aggiunta di ingredienti diversi, come farina cacao, rum e/o lievito.

Di rencente i pasticceri piemontesi la posero sotto un disciplinare stabilendo che il dolce dovesse nominarsi torta Cortemilia e che dovesse contenere una percentuale di nocciole Piemonte IGP , qualità Tonda gentile, pari al 35%, uova, zucchero e burro.

Uniche varianti concesse: un’aggiunta di farina di grano tenero o di lievito vanigliato. Esclusi additivi e altri ingredienti.

La versione che vi propongo è “in tazza”, ovevro una sorta di mugcake langarola, come esordi per la rubrica di Natale nel mondo.

  • DifficoltàFacile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura2 Minuti
  • Porzioni1 tazza
  • Metodo di cotturaMicroonde
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàTutte le stagioni

Ingredienti Torta langarola in tazza:

80 g nocciole (Tonda gentile del Piemonte)
45 g zucchero
50 g burro
1 uovo

Strumenti

Passaggi

Mischiare il burro con lo zucchero.

Aggiungere l’uovo, continuando a mescolare.

Tritare le nocciole in un mixer da cucina e unirle al composto.

Imburrare e infarinare una tazza del diametro di circa 9 cm, cuocere al microonde a 800 Watt per 2 minuti.

Capovolgerla e servirla con una spruzzata dei zucchero a velo.

Spesso viene servita con il tradizionale zabaione caldo (fatto con Moscato, Barolo o Barberasco) o accompagnata da Moscato d’Asti o Bracchetto d’Acqui

5,0 / 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da viaggiandomangiando

Classe 1980, ligure, ha pubblicato tre romanzi e altrettante raccolte di poesia, diplomata al Centro Sperimentabile di Cinematografia in sceneggiatura e produzione fiction televisiva, si occupa dell'organizzazione degli eventi artistico/culturali dell'associazione di cui è presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *