Crea sito

Caipirinha e Caipifruta

Durante un viaggio sono molti gli aspetti che puoi conoscere del paese che stai visitando e puoi farlo in molti modi diversi. Questo blog, come sapete, racconta i viaggi attraverso i suoi sapori, ma i sapori non sono solo legati al cibo, ma anche alle bevande. Molti paesi sono cioò che bevono. Provate a pensare ad esempio a Cuba, cosa vi viene in mete oltre alle sue spiagge dorate e alla sua storai controversa? Il Mojito! E se pensate Messico? E’ Margarita. E se pensate al Brasile??? E’ Caipirinha. Tà!
Così in questo nuovo modulo di ricette chiamato “Cocktails e liquori“, racconterò le usanze di un paese attraverso ciò che il suo popolo beve. E non potevo che iniziare con il copcktail brasiliano per eccellenza: la Caipirinha, appunto.

Nei miei due mesi trascorsi a Jeri, nonostante io non sia una granmde bevitrice, ho assaggiato diverse Caipirinhe. La più strong? Quella al Boteco Jericoacoara, in realtà una Caipifruta (una variante della Caiprinha classica a cui viene aggiunta la frutta o simili), in questo caso gengibre (zenzero) e hortela (menta).
La più originale? Quella assaggiata nelle baracche che al tramonto animano il fondo della rua Principal: Caipifruta com siringuela.
La migliore? Quella classica bevuta durante la notte teascorsa a San Paolo, all’hotel Hampton By Hilton Guarulhos.

Qui trovate la ricetta “classica” . In Brasile la shakerano direttamente nel bicchiere (con un Boston Shaker), rompendo così il ghiaccio, nel resto del mondo pestano il ghiacchio prima e miscelano tutto nel bicchiere.

Mi raccomando…. va utilizzato lo zucchero bianco e NON quello di canna!

Ingrediente pricipale: la cachaça, ovvero un distillato della canna da zucchero, che i brasiliani bevono anche pura (un po’ come in Italia si fa con la grappa).

  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura1 Minuto
  • Porzioni1 persona
  • CucinaBrasiliana

Ingredienti

Se volete provare la versione shakerata brasiliana utlizzando il Boston Shaker potrete inserire tutti gli ingredienti nel bicchiere (ghiaccio intero) e poi shakerare con vigore.
  • 1/2Lime
  • 3 cucchiainiZucchero bianco
  • Ghiaccio

Strumenti

  • 1 Pestello
  • 1 Bicchiere higball o old fashioned
  • 2 Cannucce corte
  • 1 Cucchiaio Mixing spoon

Preparazione

  1. Tagliare il lime a metà e poi in 4 pezzetti tutti di ugual misura; sistemarli nel bicchiere.

    Aggiungere lo zucchero e con il pestello esercitare una leggera pressione sulla polpa del lime; è utile eseguire movimenti rotatori per far uscire il succo, ponendo attenzione a non comprimere troppo la buccia amara.

  2. Si aggiungono i cubetti di ghiaccio spaccati e infine la cachaça.

    Si mischiano gli ingredienti con il mixing spoon.

  3. Come guarnizione aggiungere una fetta di lime (tagliata sottile) inserendola sul bordo del bicchiere.

    Servire la caipirinha con due cannucce corte.

Perchè si chiama Caipirinha?

Il suo nome deriva dal diminutivo della parola brasiliana caipira, che viene usato per designare gli abitanti delle zone rurali e remote dello stato.

Se a vida lhe der um limão, faça dele uma caipirinha

“Se la vita ti dà un limone, fanne una caipirinha”

(proverbio brasiliano)

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato da viaggiandomangiando

Classe 1980, ligure, ha pubblicato tre romanzi e altrettante raccolte di poesia, diplomata al Centro Sperimentabile di Cinematografia in sceneggiatura e produzione fiction televisiva, si occupa dell'organizzazione degli eventi artistico/culturali dell'associazione di cui è presidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.