Balaleet (Qatar)

Il Qatar è uno dei vari emirati sorti nel XX secolo nella penisola arabica. Dopo essere stato dominato per migliaia di anni dai persiani e, più recentemente, dal Bahrein, dagli Ottomani e dai britannici, diventò indipendente il 3 settembre 1971.

Come storia recente… Il 5 giugno 2017, con una mossa coordinata, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Egitto e altri paesi musulmani come le Maldive hanno rotto i rapporti con il Qatar, accusandolo del sostegno a gruppi integralisti come Hamas, dell’appoggio alla destabilizzazione iraniana della regione, e dei Fratelli Musulmani in Egitto. L’isolamento del Qatar prevede l’applicazione di sanzioni economiche e l’espulsione di qatarioti dai Paesi del Golfo.

La principale risorsa economica è rappresentata dal petrolio, su cui si basa la ricchezza del paese, e dal gas naturale. Secondo diverse classifiche internazionali, i cittadini del Qatar sono tra i più ricchi del pianeta grazie ai proventi che arrivano da essi.

Nel 2022 vi si svolgeranno i Campionati del Mondo di calcio.

Il Qatar offre un’ottima cucina locale, ma anche un approccio internazionale alle varie cucine del mondo. Le specialità culinarie del Qatar riprendono i tipici piatti della cucina indiana e araba, iraniana, orientale e nordafricana, sono pochi, infatti, i prodotti che potremmo definire senza ombra di dubbio qatarioti.

Io ho scelto un piatto che viene consumato durante la prima colazione, e si tratta di piccoli noodles di riso cotti con lo zucchero, il cardamomo e lo zafferano e sormontati da una leggera omelette: il balaleet.
La combinazione di dolci accompagnati da uova era popolare anche tra i primi beduini, ma l’aggiunta di vermicelli è arrivata solo con i commercianti che hanno introdotto la pasta in Medio Oriente durante il Medioevo.
Ricette di noodles dolci si possono trovare anche in India e Pakistan, come il puro khurma (tagliatelle con datteri secchi) o muzaffar (vermicelli con essenza di vite).

Il balaleet è tradizionalmente servito durante le festività di Eid , accompagnato però da ceci cotti e fagioli neri.
Al tramonto, dopo una lunga giornata di digiuno durante il Ramadan, la gente si riunisce per la rottura del digiuno noto come iftar, e molto spesso consuma anche il balaleet.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMolto economico
  • Tempo di preparazione5 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaAraba

Ingredienti

  • 250 gspaghetti di riso (piccoli)
  • 4uova
  • 2 cucchiaicardamomo
  • 1 bustinazafferano
  • q.b.acqua di rose (opzionale)
  • q.b.olio vegetale
  • 100 gzucchero

Preparazione

  1. Pestare grossolanamente i semi di cardamomo nel mortaio.

    In una padella, scaldare 2 cucchiai di olio e aggiungere metà dei vermicelli crudi. Friggere leggermente i vermicelli fino a quando diventano dorati (circa 5 minuti).

    Mescolare costantemente con un cucchiaio di legno, in modo che i vermicelli non brucino.

    Quindi aggiungere un grande volume di acqua per far bollire i vermicelli fritti. Una volta che l’acqua inizia a bollire, aggiungere il resto dei vermicelli crudi e cuocere per soli 3 minuti.

    Scolare i vermicelli in uno scolapasta. Sciogliere il burro chiarificato in una padella, aggiungere il cardamomo, lo zucchero e lo zafferano diluito in poca acqua di rose (o acqua). Mescolare e riscaldare fino a quando lo zucchero si scioglie (circa 6-8 minuti).

    Aggiungere i vermicelli nella padella, mescolare e cuocere per altri 2 minuti.

    Nel frattempo, sgusciare le uova, condirle con un pizzico di sale, sbatterle leggermente, versarle in una padella unta con un velo d’olio e cuocere un’omelette piuttosto bassa.

    Servire i vermicelli con l’omelette ripiegata sopra.

/ 5
Grazie per aver votato!
Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.