Variabilicontaminazioni.blog

Scarola imbottita…O maritata…

Ricetta Scarola imbottita…O maritata…Tipico contorno napoletano

Una ricetta che non poteva mancare nel mio blog…Sono quarant’anni che a Natale preparo questo contorno…

Io parto anche da lontano…Nel senso che già nel mese di luglio metto a dimora i semi per la scarola di Natale

La semina, il trapianto…Il raccolto. Le più belle sono destinate all’imbottitura le altre le preparo sposate.

La differenza? La scarola imbottita resta intera e gli ingredienti vengono messi tra le foglie e poi legata e stufata a fuoco lento. Mentre quella maritata viene stufata senza averla legata, con le foglie divise.

E una ricetta napoletana e non può mancare sulla tavola delle feste natalizie…Un contorno con un gusto delicato e squisito. E un connubio di sapori dolci e amari che si sposano con equilibrio.

Per un risultato ottimale, se potete usate un tegame di terracotta, e stufate a fuoco lento.

Il procedimento è molto semplice…Le foto per entrambe…

Scarola maritata
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Tempo di cottura1 Ora
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaCottura lenta
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàAutunno, Inverno

Ingredienti

Il peso non ve lo scrivo …io vado a manciate…La quantità del ripieno è soggettiva per cui regolatevi. In famiglia piace ben carica di aromi, quindi proseguo con questa filosofia

Cosa occorre per la scarola…

2 cespi scarola liscia
8 acciughe sotto sale
1 vasetto uvetta (Vasetto dello yogurt o una manciata)
1 vasetto olive nere in salamoia
1/3 pinoli
1 noce burro
1 spicchio aglio (Se vi piace anche due)
1/2 vasetto capperi sotto sale

Strumenti

Vi consiglio la terracotta…Una pentola qualsiasi va benissimo. Importante il coperchio per cuocere lentamente con pochi liquidi.

Passaggi

Prepariamo la scarola imbottita…

Fate sbollentare la scarola in poca (Questo vale solo per la maritata) Altrimenti aprite bene il cespo

Aggiungete tutti gli ingredienti insieme e procedete con la cottura, aggiungendo poca acqua di cottura della scarola stessa, se serve. Verso la fine controllate il sale, poiché essendoci le acciughe e i capperi potrebbe non aver bisogno di aggiunte.

Proseguite la cottura lentamente e servite. Ottima anche il giorno successivo

Riempite i cespi di scarola con gli ingredienti e legateli a mo’ di salame

Fate cuocere a fiamma bassa per almeno un’ora. Ho aggiunto anche altro condimento all’interno della pentola, come si può dedurre dalle immagini

Scarola pronta!

La scarola imbottita…O maritata si conserva…

Per qualche giorno in frigo (2/3) Eventualmente si può congelare già pronta! La cottura potete anche farla in forno, ma preferisco il fornello.

/ 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Enza Squillacioti

Enza amante della vita all’aria aperta e della natura da cui trae ispirazione per i suoi hobby Da pochi anni ha smesso di cucinare, pur restando con la testa e il cuore nel mondo del cibo. Specializzata nella cucina tipica piemontese, rustica. Ha collaborato come coach organizzando corsi di cucina. Appassionata di erbe spontanee mangerecce che utilizza e risalta nelle sue preparazioni La passione e la ricerca del buon cibo fanno da base. Coltiva il suo orto, con una particolare attenzione alle erbe aromatiche, alleva le sue ”polle” per avere uova fresche. Insieme al marito ha trasmesso la stessa passione ai figli che conducono le proprie aziende agricole, con allevamento ovino e caprino e produzione di formaggi e carni. Nasce o meglio rinasce come autrice, in tempo di “clausura” dovuti a molteplici fattori. Scrive e descrive con passione; le sue poesie raccontano stati d’animo e sensazioni. Non sempre elaborati sulla propria persona, ma come riflesso della nostra società. Un gioco di parole, consapevole a volte ripetitivo, poiché innamorata delle parole stesse. Riporta ciò che la circonda, nella quotidianità, tra la folla o semplicemente nelle sue peregrinazioni nella natura. Solitaria seppur estroversa, poliedrica nei suoi interessi, che mette in risalto in momenti alterni; tutti legati da un filo conduttore, il legame con la terra e le emozioni; che interagiscono con il plasmare forme ceramiche o legnose oppure circondarsi di sassi e forme naturali. Confluisce la stessa passione nel rapporto con le erbe, le piante e la cucina, passando per la musica i libri e la curiosità… Nel tempo libero si occupa di trascrivere il suo mondo sul blog Variabilicontaminazioni.blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »