Variabilicontaminazioni.blog

Rustiche con fave e coppa di Parma

Rustiche con fave e coppa di Parma.

Dopo molti anni ho deciso di seminare le fave, il mio orto non è molto grande, se volessi mettere tutto, avrei bisogno di un campo…Ma posso permettermi di mangiare continuamente verdure di stagione, la quantità che produco di alcune di loro non mi permette di conservare.

E come già scritto altre volte sono una patita della pasta fresca…Con le fave si abbinavano bene le rustiche.

Detto fatto! Ho impastato la semola, con le uova delle mie polle e dato forma alla pasta.

Mentre asciugavano ho raccolto le fave nell’orto e sgusciate, siamo in due per cui non ci vuole molto tempo.

Vi posso assicurare che è una grande soddisfazione poter mangiare ciò che produco, soprattutto perché ha un sapore genuino e completo!

Torniamo alla pasta…Avevo già acquistato la Coppa di Parma che con il suo sapore delicato non mi appesantiva molto il mio primo, non sono amante delle pietanze grasse per cui cerco gli alimenti giusti.

Non mi restava che completare il piatto!

Potrebbero anche interessarti queste ricette, con i legumi…

Video ricetta del giorno

  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione2 Ore
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate

Ingredienti

Fave pasta e…

Dall’orto alla tavola…

300 g pasta all’uovo, secca (Le rustiche si trovano in commercio, ma potete cimentarvi a farle, sarà una soddisfazione in più. Troverete il video sul mio account Instagram)
400 g fave, fresche, cotte, in padella (Insaporite con un trito di cipolla )
6 fette coppa di maiale (Ho utilizzato la coppa di Parma, vanno bene anche le altre)
q.b. sale
q.b. olio di oliva
q.b. pecorino

Strumenti

Per preparare questo primo, serve il tegame per cuocere le fave, la padella per la coppa e per far saltare la pasta una volta cotta, pentola per far cuocere la pasta. Potete trovare suggerimenti per gli acquisti cliccando Qui

Passaggi

In verità è un primo veloce, le fave fresche si cuociono in fretta; se volete fare la pasta fresca per quattro persone in un’ora avete finito! Per comodità potete preparare la pasta e poi surgelare da utilizzare all’occorrenza…Io preparo sempre le scorte, proprio per avere tutto sotto controllo e non trovarmi impreparata.

Impasta Cuoci Mangia Rustiche con fave e coppa di Parma

Impastate la semola e le uova e formate la pasta…Lasciatela riposare fino al suo utilizzo. Nel frattempo ho raccolto e raccolto le fave, se le avete acquistate, le sgusciate e pulite bene; non buttate le bucce, dopo la ricetta vi consiglio come utilizzarle.

Fate soffriggere una mezza cipolla tritata fine e aggiungete del brodo vegetale o acqua, aggiustate di sale e portate a cottura.

Nel frattempo, dopo aver messo la pentola con l’acqua e il sale sul fornello tagliate a listarelle la coppa e fatela tostare in una padella antiaderente, il grasso si scioglierà e darà aroma alla pasta

Quando l’acqua bolle versate la pasta e fate cuocere al dente…

Nella padella con la coppa e il fornello acceso unite le fave la pasta e il pecorino

Insaporite bene e servite ben calda con un pizzico di pepe nero!

Se non avete molto tempo, la pasta potete prepararla in anticipo e poi surgelare; le fave cuociono in fretta, per cui è una ricetta veloce. Il giorno successivo fatta saltare in padella e strepitosa, il formaggio si arrostisce e crea un sapore unico!

Con le bucce delle fave, se sono in buone condizioni, potete farle sbollentare dopo aver tolto i filamenti e tagliato le estremità, asciugate bene e impanate con uovo e farina di ceci; friggete e servite come stuzzichino. Se integre potete farcire con un trito di prosciutto e formaggio, impanate e fritte!


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

/ 5
Grazie per aver votato!

Hai voglia di aiutarmi a migliorare la ricetta, rispondendo a qualche domanda? Grazie!

* Domanda obbligatoria

Pubblicato da Enza Squillacioti

Bio Enza da cuoca a fonte di ispirazione nella cucina e nella vita La passione per la vita all’aria aperta e la natura ha sempre caratterizzato la sua vita che, pur avendo lasciato il mondo professionale della cucina alcuni anni fa, non ha mai smesso di nutrire l’amore per il cibo, specializzata nella tradizionale cucina piemontese e italiana rustica. La sua dedizione la porta ad essere non solo un’apprezzata cuoca ma anche una stimata coach di cucina, organizzando corsi per turisti desiderosi di scoprire i segreti di piatti genuini arricchiti da erbe spontanee edibili, le cui virtù sa valorizzare nelle sue preparazioni. La decisione di coltivare un proprio orto, ponendo particolare enfasi sulle erbe aromatiche, e l’allevamento di galline, le sue “polle” per avere sempre a disposizione uova fresche, manifesta il suo profondo legame con la terra. Questa stessa passione è stata trasmessa ai suoi figli, i quali hanno abbracciato la vita agricola, dedicandosi all’allevamento di pecore e capre e alla produzione di formaggi e carni di qualità. Nel corso degli anni, ha scoperto la poesia come forma di espressione personale, nella quale riflette non solo su se stessa ma anche sulla società, condividendo poi queste riflessioni attraverso il suo blog Variabilicontaminazioni.blog che diventa punto di incontro tra la passione per la natura, l’amore per il cibo e la creatività artistica e il benessere. La sua vita è un chiaro esempio di come le passioni possano tessere assieme gli aspetti più disparati dell'esistenza, creando un tessuto ricco di esperienze e condivisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »