Variabilicontaminazioni.blog

Risotto con zucchini e Roccaverano Dop

Risotto con zucchini e Roccaverano Dop

Un sabato mattina di giugno a cucinare in un campo di zucchini; non avevo ancora fatto questa esperienza.

Si è piazzato il dehor, fili elettrici e tutto il necessario per cucinare, abbiamo preparato la linea con gli ingredienti, già pronti all’uso, ma…

Non avevamo previsto il vento che insolente ha soffiato forte per tutta la mattinata lasciando poco spazio all’improvvisazione; era necessario tenere ben saldo al tavolo, ogni cosa, poiché volava via tutto: carte, fiori, tovaglioli e tutto ciò che lo stesso potesse sollevare scombinando ogni cosa continuamente.

Certo ci siamo fatte anche molte risate, abbiamo avuto modo di chiacchierare e scherzare, per cui alla fine resta una giornata speciale.

Sono stata ospitata da Zucchino De.Co di Rivalta Bormida, per promuovere il loro prodotto, appunto gli zucchini coltivati in pieno campo e creare una collaborazione.

In questa occasione ho preparato i sobric di verdure con protagonista appunto gli zucchini, come antipasto e un aromatico risotto mantecato con la Roccaverano Dop

Video ricetta del giorno

  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di cottura30 Minuti
  • Porzioni4
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana
  • StagionalitàPrimavera, Estate e Autunno

Ingredienti

Zucchini, riso e Roccaverano Dop. Un risotto semplice, in purezza per apprezzare le verdure e la robiola da sfondo

6 zucchine
1 tazza da caffè misto per soffritto
8 tazze da caffè riso Carnaroli
q.b. olio di oliva
q.b. sale
2 l brodo vegetale

Strumenti

Pentola per il brodo vegetale, pentola per il risotto, mandolina o coltello per tagliare a rondelle gli zucchini…piatti per servire

Passaggi

Il risotto lo sanno fare tutti, ognuno ha le proprie caratteristiche, esperienze e trucchi; molti storgono in naso a veder gli zucchini aggiunti a crudo, ma vi garantisco che il risultato è ottimo, gli zucchini restano croccanti e saporiti, la robiola regala aroma e cremosità.

In pochi passaggi un piatto leggero e fresco

In un tegame per risotto fate rosolare il misto per soffritto in poco olio di oliva

Aggiungete poi il riso e fate tostare mescolando bene per non farlo attaccare al fondo

Dopo una prima sfumatura con brodo vegetale unite gli zucchini tagliati a rondelle, e continuate la cottura aggiungendo il brodo quando necessario

A cottura ultimata e dopo aver aggiustato di sale unite la Roccaverano e mantecate i vostro risotto.

Impiattate e servite. In questo caso ho preferito non lasciarlo troppo all’onda, se preferite aggiungete ancora brodo.

Il risotto si conserva in frigorifero e non mantiene ne la cottura, e neppure la stessa consistenza. Eventualmente potete aggiungere brodo prima di farlo scaldare oppure creare delle polpettine, passarle nel pan grattato e friggerle. Un’altra idea è creare un tortino di riso aggiungendo due uova, facendolo poi cuocere in forno.


In questa pagina sono presenti link di affiliazione che garantiscono a questo sito una piccola quota di ricavi, senza variazione del prezzo per l’acquirente.

/ 5
Grazie per aver votato!

Hai voglia di aiutarmi a migliorare la ricetta, rispondendo a qualche domanda? Grazie!

* Domanda obbligatoria

Pubblicato da Enza Squillacioti

Bio Enza da cuoca a fonte di ispirazione nella cucina e nella vita La passione per la vita all’aria aperta e la natura ha sempre caratterizzato la sua vita che, pur avendo lasciato il mondo professionale della cucina alcuni anni fa, non ha mai smesso di nutrire l’amore per il cibo, specializzata nella tradizionale cucina piemontese e italiana rustica. La sua dedizione la porta ad essere non solo un’apprezzata cuoca ma anche una stimata coach di cucina, organizzando corsi per turisti desiderosi di scoprire i segreti di piatti genuini arricchiti da erbe spontanee edibili, le cui virtù sa valorizzare nelle sue preparazioni. La decisione di coltivare un proprio orto, ponendo particolare enfasi sulle erbe aromatiche, e l’allevamento di galline, le sue “polle” per avere sempre a disposizione uova fresche, manifesta il suo profondo legame con la terra. Questa stessa passione è stata trasmessa ai suoi figli, i quali hanno abbracciato la vita agricola, dedicandosi all’allevamento di pecore e capre e alla produzione di formaggi e carni di qualità. Nel corso degli anni, ha scoperto la poesia come forma di espressione personale, nella quale riflette non solo su se stessa ma anche sulla società, condividendo poi queste riflessioni attraverso il suo blog Variabilicontaminazioni.blog che diventa punto di incontro tra la passione per la natura, l’amore per il cibo e la creatività artistica e il benessere. La sua vita è un chiaro esempio di come le passioni possano tessere assieme gli aspetti più disparati dell'esistenza, creando un tessuto ricco di esperienze e condivisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »