Variabilicontaminazioni.blog

Pane brioche, ricetta facile

Ricetta pane brioche, ricetta facile per preparare un soffice pane brioche.

Da utilizzare per ogni occasione, sia dolce che salata.

Aperitivi sfiziosi, torte tramezzino, panettone gastronomico, mini-panini e pane per hamburger…

Potete sbizzarrirvi a cercare nuovi abbinamenti.

Morbidissimo e gustoso, facile da preparare.

Il tempo che abbiamo a disposizione è tiranno così si cercano alternative gustose che non ci costringono a dover rinunciare al gusto e alla soddisfazione di una nostra preparazione. Con qualche ricetta giusta di base combiniamo tante portate.

Ho fatto dei mini panettoni da regalare con il mio intruglio natalizio che trovate nel link di seguito.

Potete aggiungere all’impasto anche altri ingredienti, tipo, uvetta, pinoli, cioccolato in gocce.

Pane briosce
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione30 Minuti
  • Tempo di riposo3 Ore
  • Tempo di cottura20 Minuti
  • Porzioni12/20 pezzi, per la preparazione in foto.
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Per preparare il pane brioche, ricetta facile e con pochi passaggi

750 g farina 0
120 ml latte
6 uova
240 g burro
120 g zucchero (Più lo zucchero da mettere sopra per la glassatura.)
50 g crema spalmabile alle nocciole
1 scorza di limone (O arancio, io ho usato il mio intruglio magico natalizio. 1 limone se desiderate usarlo per dolci. Altrimenti sostituite con aromi per arrosto.)
15 g lievito di birra compresso
q.b. mandorle in scaglie

Passaggi

In poche mosse otterrete un pane brioche buonissimo

Pane briosce

Nella planetaria o in una scodella capiente mettete la farina, il latte tiepido con il lievito, lo zucchero e cominciate a impastare. Unite poi le uova uno per volta e impastate bene. Terminato questo passaggio unite gli aromi e il burro ammorbidito e tagliato a piccoli pezzi. Impastate finché non viene assorbito tutto e non si attacca più alle mani. Se invece fate in planetaria vedrete che si staccherà dalle pareti. Mettete a lievitare, io utilizzo il forno con un pentolino di acqua bollente per creare umidità e calore. Lasciate raddoppiare di volume, circa due ore. Se volete potete fare una lunga lievitazione, lasciando l’impasto una notte in frigorifero. Vi assicuro che il risultato sarà ancora meglio.

A lievitazione terminata, dividete l’impasto in porzioni. Io ho fatto dei mini-panettoni, alcuni con crema nocciola all’interno

Imburrate gli stampini se volete una forma a panettoncino oppure altre a vostra scelta. La quantità di pasta nello stampino non deve superare la metà della superficie altrimenti potrebbe restarvi crudo all’interno. Dopo la prima volta che mi è capitato, ho trovato la giusta quantità. Questo problema non si pone se non è racchiuso in uno stampo.

Bagnate la superficie con latte e spargete di zucchero e mandorle, fate lievitare ancora un’ora.

Scaldate il forno a 200 gradi e mettete a cuocere il vostro pane brioche. Fate dorare bene.

Sfornate e fate raffreddare!

Conservare il pane brioche…

Si conserva a temperatura ambiente, tende naturalmente ad asciugare, chiudetelo in un sacchetto del pane. resta ottimo per due giorni e poi perde in morbidezza, pur mantenendo il gusto.

Stesso impasto…Imbevuta di bagna al rum e servita con panna!

3,5 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Enza Squillacioti

Enza amante della vita all’aria aperta e della natura da cui trae ispirazione per i suoi hobby Da pochi anni ha smesso di cucinare, pur restando con la testa e il cuore nel mondo del cibo. Specializzata nella cucina tipica piemontese, rustica. Ha collaborato come coach organizzando corsi di cucina. Appassionata di erbe spontanee mangerecce che utilizza e risalta nelle sue preparazioni La passione e la ricerca del buon cibo fanno da base. Coltiva il suo orto, con una particolare attenzione alle erbe aromatiche, alleva le sue ”polle” per avere uova fresche. Insieme al marito ha trasmesso la stessa passione ai figli che conducono le proprie aziende agricole, con allevamento ovino e caprino e produzione di formaggi e carni. Nasce o meglio rinasce come autrice, in tempo di “clausura” dovuti a molteplici fattori. Scrive e descrive con passione; le sue poesie raccontano stati d’animo e sensazioni. Non sempre elaborati sulla propria persona, ma come riflesso della nostra società. Un gioco di parole, consapevole a volte ripetitivo, poiché innamorata delle parole stesse. Riporta ciò che la circonda, nella quotidianità, tra la folla o semplicemente nelle sue peregrinazioni nella natura. Solitaria seppur estroversa, poliedrica nei suoi interessi, che mette in risalto in momenti alterni; tutti legati da un filo conduttore, il legame con la terra e le emozioni; che interagiscono con il plasmare forme ceramiche o legnose oppure circondarsi di sassi e forme naturali. Confluisce la stessa passione nel rapporto con le erbe, le piante e la cucina, passando per la musica i libri e la curiosità… Nel tempo libero si occupa di trascrivere il suo mondo sul blog Variabilicontaminazioni.blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »