Variabilicontaminazioni.blog

Monoflora o millefiori…Storie di api e di miele…

Laura Gavello…Il miele di Laura

Fin da bambina Laura ha fatto amicizia con le api…Insieme al suo papà per conoscere un mondo parallelo.

Come facevano le api a inventarsi il miele?

Il lavoro delle api

Nelle arnie in fila indiana le api immagazzinano il miele…Dopo aver volato fino a tre km lontani dalla base alla ricerca di nettare, le api con le zampette intrise tornano a deporre il loro bottino. Le api Laura le accompagna in montagna per farle allegramente bottinare essenze montane…E poi uno splendido millefiori che parla di pascoli e aria pura!

Laura e il miele…C’ero anche io

C’è un tempo per seminare, uno per raccogliere…Un tempo per smielare.

Nel mese di luglio/agosto avviene la smielatura dei favi

Laura con dignitoso rispetto si avvicina alle arnie armata di fumigatore

per non disturbare il loro lavoro frenetico…

Avete mai aperto un alveare?

Le fasi dell’apertura delle arnie

I telai colmi di miele vengono trasportati in un locale apposito e viene eliminata la cera che ricopre le cellette…Successivamente con la centrifuga viene estratto il miele.

Viene poi lasciato decantare in contenitori appositi per dividere la parte acquosa dal miele. Il miele in vendita non può avere una umidità superiore al 18%

Successivamente viene poi travasato in contenitori più piccoli per il deposito e la maturazione.

Seduta all’ombra del tiglio

Seduta all’ombra del tiglio

Seduta all'ombra del tiglio in fiore 
Ti osservo nel tuo frenetico volare 
Ne esci vittoriosa 
Le zampette intrise come pennelli 
Di giallo e odoroso bottino 
Di nettare prelibato 
Svelta e impavida nell'aria 
Voli a colmar le ceste del prezioso contenuto 
Di miele ambrato e come d'incanto
Si riempie la tua dimora
E passa soave il giorno a completar la magia 
E finalmente il tramonto atteso
Per riposare le ali stremate e felici per l'opera compiuta
 E. Squillacioti
Verso tratto da...Mille nuovi germogli A spasso tra gli ostacoli e il pensiero












Un paese ci vuole…Portacomato Asti

Il paese di Portacomaro si estende verso il nord/est astigiano colline del Monferrato. Verso Casale Monferrato

Paese tra campi e colline caratterizzate dalle colture a vitigni.

In seguito una lista dei vitigni coltivati. Il centro si apre su una caratteristica piazza dove si concentra la vita del paese e le botteghe.

Barbera d’Asti DOCG
Barbera del Monferrato DOC
Barbera del Monferrato Superiore DOCG
Freisa d’Asti DOC
Grignolino d’Asti DOC
Monferrato DOC
Piemonte DOC
Fonte Quattrocalici

Dunque: Prima cosa andate a Portacomaro paese…Fermatevi da Laura e le sue api…Se avete fame vi fermate a mangiare alla Locanda Antico Ricetto

3,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da Enza Squillacioti

Enza amante della vita all’aria aperta e della natura da cui trae ispirazione per i suoi hobby Da pochi anni ha smesso di cucinare, pur restando con la testa e il cuore nel mondo del cibo. Specializzata nella cucina tipica piemontese, rustica. Ha collaborato come coach organizzando corsi di cucina. Appassionata di erbe spontanee mangerecce che utilizza e risalta nelle sue preparazioni La passione e la ricerca del buon cibo fanno da base. Coltiva il suo orto, con una particolare attenzione alle erbe aromatiche, alleva le sue ”polle” per avere uova fresche. Insieme al marito ha trasmesso la stessa passione ai figli che conducono le proprie aziende agricole, con allevamento ovino e caprino e produzione di formaggi e carni. Nasce o meglio rinasce come autrice, in tempo di “clausura” dovuti a molteplici fattori. Scrive e descrive con passione; le sue poesie raccontano stati d’animo e sensazioni. Non sempre elaborati sulla propria persona, ma come riflesso della nostra società. Un gioco di parole, consapevole a volte ripetitivo, poiché innamorata delle parole stesse. Riporta ciò che la circonda, nella quotidianità, tra la folla o semplicemente nelle sue peregrinazioni nella natura. Solitaria seppur estroversa, poliedrica nei suoi interessi, che mette in risalto in momenti alterni; tutti legati da un filo conduttore, il legame con la terra e le emozioni; che interagiscono con il plasmare forme ceramiche o legnose oppure circondarsi di sassi e forme naturali. Confluisce la stessa passione nel rapporto con le erbe, le piante e la cucina, passando per la musica i libri e la curiosità… Nel tempo libero si occupa di trascrivere il suo mondo sul blog Variabilicontaminazioni.blog

Translate »