Crea sito

Panadine

imageLe panade sono deliziosi scrigni di pasta ripieni.La farcia varia a seconda della zona e delle usanze familiari che si tramandano di madre in figlia.Io ho ricevuto in dono questa ricetta da una zia di mio marito che era solita preparare questa bontà per le occasioni speciali,con passione e maestria.

Ingredienti :

  • 500 g di farina di grano duro
  • 250 g di burro
  • 125 g di acqua fredda

Per il ripieno:

  • 2 cespi di scarola
  • 4 uova sode
  • 200 g di prosciutto crudo
  • 20 olive verdi
  • 1 uovo
  • 2cucchiai di latte

Preparazione :

Versate sulla spianatoia la farina e unirvi il burro,a temperatura ambiente, ridotto a pezzetti.

Lavorare gli ingredienti velocemente finché non avranno assunto l’aspetto di tante briciole.

Unire l’acqua fredda e leggermente salata,lavorare velocemente, formare una palla,avvolgerla nella pellicola è farla riposare in frigo per 30 minuti.

Nel frattempo preparare la farcia : lavare accuratamente la scarola e metterla in un tegame,dove avrete messo due cucchiai di olio extravergine,salate coprite e cuocete la verdura(non occorrerà aggiungere acqua).

Lasciate intiepidire dopodiché tritate la scarola,denocciolate le olive,tagliate le uova a rondelle,con l’apposito attrezzo.

Prendete l’impasto e stendetelo allo spessore di 3 mm.

Ricavate dei dischi della misura desiderata(io ho utilizzato un coppa pasta da 8 cm di diametro)mettete su ogni base : un pezzetto di prosciutto,un cucchiaino da te di scarola ,una rondella di uovo e un oliva.

Sigillate bene i bordi e procedete con la chiusura a cordoncino.

Spennellate le Panadine con uovo sbattuto e latte e cuocete in forno preriscaldato a 180°per 30 minuti o fino a doratura.

Buon lavoro

Vannisa

Consigli : potete farcire le vostre Panadine con agnello e carciofi o carne di maiale messa a marinare ,dalla sera precedente,con pomodoro secco,vino bianco,olive denocciolate,sale ,pepe e semi di finocchio o ancora piselli ,patate anguille e chi più ne ha più ne metta!

La tradizione suggerisce l’utilizzo di strutto nell’impasto e di lardo nel ripieno, a voi la scelta.

image