Crea sito

Lasagna asparagi e noci






Lasagna asparagi e noci, semplice e facile, pochi ingredienti e non serve aspettare la domenica. Usando la sfoglia all’uovo sottile non occorre sbollentarla prima e già questo ci toglie una bella fetta di lavoro, semplificando il lavoro in cucina, sicuramente ci invoglia a preparare sempre più manicaretti anche di… lunedì o in mezzo alla settimana. Adoro le lasagne, penso un pò come tutti, se poi sono bianche senza pomodoro io le adoro ancora di più.

  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura35 Minuti
  • Porzioni6
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 mazzettoAsparagi
  • 300 gMozzarella
  • 500 mlLatte
  • 2 cucchiaiFarina
  • 2 cucchiaiOlio extravergine d’oliva
  • 80 gParmigiano Reggiano DOP
  • 100 gNoci
  • 250 gLasagna all’uovo
  • q.b.Noce moscata
  • 250 gLasagne Sottili all’uovo

Strumenti

  • Teglia
  • Pentola (piccola)
  • Frusta

Preparazione

  1. Sbollentate gli asparagi e dopo aver tolto una decina di punte il resto passatele al mixer e riducete in purea.

  2. Per preparare la lasagna asparagi e noci, preferitene una sottile e fresca che non ha bisogno di precottura.

  3. Preparate una besciamella mettendo in una pentola piccola l’olio e appena caldo la farina, via via aggiungete poco per volta il latte, aggiustate di sale e noce moscata. Besciamella pronta. Unite la purea di asparagi alla besciamella ancora calda.

  4. Dopo aver tritato la mozzarella e grattugiato il parmigiano procedete con assemblare la lasagna. Sulla teglia iniziate con un paio di mestoli di besciamella agli asparagi, tre o quattro gherigli di noci, uno strato di sfoglia, mozzarella, parmigiano e ancora besciamella fino a concludere tutti gli ingredienti. Finite con le punte di asparagi messe da parte all’inizio.

  5. Mettete al forno per 35 minuti a 190°

  6. Pronti!

Lasagna di asparagi e noci

Potete aggiungere le mandorle al posto delle noci. Se non consumate tutta la lasagna, la potete conservare in frigo per due giorni, avendo l’accortezza di non scaldarla tutta ma soltanto la parte che consumate, gli sbalzi di temperatura accelerano il deterioramento.

5,0 / 5
Grazie per aver votato!