Trasformare il lievito madre in LICOLI

In questo articolo mi sono finalmente decisa a spiegare COME Trasformare il lievito madre in LICOLI e perché secondo me è più vantaggioso.
Intanto, vi lascio il link del mio lievito madre di partenza che mi accompagna da anni.
Prima di spiegarvi tutti gli step, vi spiego alcune cose che ho imparato in questi ultimi mesi. I LI.CO.LI (lievito in coltura liquida) si differenzia dalla pasta madre per il suo stato liquido anziché solido; ha una consistenza simile a quello dello yogurt.
I vantaggi da preferire alla pasta madre solida, secondo me, sono questi:
– non deve essere rinfrescato ogni 3/4 giorni
– il rinfresco è molto veloce perché basta una tazza e una forchetta
– ho molto meno sprechi di farina, acqua e tempo
– l’impasto del pane è meno acido

Detto questo, vi mostro come li ho trasformati partendo dal mio lievito madre solido.
Buona cucina!

  • DifficoltàMedia
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di riposo3 Giorni
  • CucinaItaliana

Ingredienti

Preparazione

  1. Per trasformare il lievito madre in LICOLI, partite da un lievito madre solido bello attivo. Quindi, se necessario, prima di partire con la trasformazione, fate qualche rinfresco il giorno prima.

  2. Ora prendete 50 gr di LIEVITO MADRE e mettetelo in una terrina.

  3. Aggiungete 50 gr di farina.

  4. Unite 30 gr di acqua. In questo primo step otterrete un’impasto idratato al 60%.

  5. Impastate e ottente una pallina più liscia che potete.

  6. Poi trasferite il lievito madre in un barattolo alto e stretto.

  7. Fatelo riposare a temperatura ambiente per 8 ore.

  8. Dopo 8-10 ore vedrete che il lievito madre si attiva e raddoppia il suo volume.

  9. Quindi prendete dal barattolo 50 gr di lievito madre.

  10. Aggiungete 50 gr di farina.

  11. Unite 35 gr di acqua.

  12. Impastate e otterrete un composto un po’ appiccicoso.

  13. Trasferitelo nel barattolo che avrete pulito con acqua calda.

    Ora il lievito madre è idratato al 70%.

  14. Dopo 8-10 ore a temperatura ambiente, il vostro lievito madre sarà raddoppiato.

  15. Ora ripetete l’operzione:

    prelevate 50 gr di lievito madre, aggiungete 50 gr di farina e 40 gr di acqua.

  16. Lavorate con le mani ottenendo un impasto sempre più appiccicoso.

  17. Ora avete un lievito madre idratato all’80%.

    Chiudete il barattolo e fate riposare per 8 ore a temperatura ambiente.

  18. Il lievito raddoppierà ancora il suo volume.

  19. Ora ripetete l’operazione:

    50 gr di lievito madre + 50 gr di farina + 45 gr di acqua.

  20. Impastate aiutandovi con un cucchiaio perché avete raggiunto il 90% di idratazione e ormai è quasi liquido.

  21. Trasferite il lievito nel vaso e lasciate riposare per altre 8 ore.

  22. Il lievito raddoppierà ancora una volta il suo volume.

  23. Ora procedete con l’ultimo rinfresco che vi porterà il 100% di idratazione:

    50gr di lievito madre + 50 gr di farina + 50 gr di acqua.

  24. Impastate sempre con un cucchiaio.

  25. Trasferite in un barattolo e dopo 8 ore avrete i vostri LICOLI idratati al 100%.

    Conservate il barattolo in frigo.

  26. I LICOLI li potete rinfrescare anche solo 1 volta al mese. L’importante è che se vedete che non ha una bella faccia, lo rinfrescate a “vuoto”, ovvero senza impastare.

  27. Potete utilizzare un elastico per segnare quanto lievitano i licoli.

  28. Per capire se il  lievito è attivo, dovrà raddoppiare il suo volume in 4 ore a temperatura ambiente.

  29. A questo punto potete procedere a impastare il pane, la pizza, la focaccia ecc.

  30. Presto uscirà un altro articolo su come rinfrescare i licoli e come usarli.

Consiglio

Usate sempre la stessa farina; io per esempio uso sempre la farina di tipo 1.

Gli impasti, a differenza della pasta madre solida, avranno bisogno di un po’ meno acqua perché i LICOLI sono già molto liquidi.

Se fate questa trasformazione d’estate, vi consiglio di accorciare i tempi di 8 ore perché è molto caldo. Oppure sfruttate il frigo.

/ 5
Grazie per aver votato!
Senza categoria
Precedente Vellutata di carote Successivo Carbonara di zucca senza uova

Lascia un commento