Paccheri con patate e calamari

I paccheri con patate e calamari sono un primo piatto davvero completo, tanto da poter tranquillamente essere considerato un piatto unico; basterà farli precedere da una bella insalata mista, come ad esempio quella di insalata con salmone e crostini di pane, e per finire un bel dolce dal sapore fresco, magari al gusto di limone come le delizie al limone, altro piatto tipicamente partenopeo. 

Paccheri con patate e calamari

paccheri con patate e calamari
paccheri con patate e calamari

Ho preparato questo piatto davvero delizioso domenica a pranzo; è stato apprezzato da tutti, anche da mia figlia che non ama molto il pesce. Le patate fritte contenute all’interno, rese ancora più saporite dal profumo del pesce e dal mix di aromi, fanno sì che questo primo piatto sia solitamente molto apprezzato anche dai piccoli di casa.

Vino consigliato: Chardonnay dell’Azienda Vitivinicola Settesoli, un vino bianco adatto a primi di pesce.

Paccheri con patate e calamari
Recipe Type: Primi piatti di mare
Cuisine: Italiana
Author: Uovazuccheroefarina
Prep time:
Total time:
Serves: 4 persone
I paccheri con patate e calamari sono un ottimo piatto unico.
Ingredients
  • 500 g di paccheri
  • 500 g di calamari di medie dimensioni
  • 500 g di patate
  • vino bianco
  • un mazzetto di prezzemolo
  • 3 spicchi di aglio
  • un limone non trattato
  • olio extravergine d’oliva
  • sale, pepe
Instructions
  1. Sbucciare le patate e tagliarle a tocchetti.
  2. Pulire i calamari togliendo loro la sacca interna e l’osso cartilagineo. Eliminare anche la pellicina esterna.Togliere anche l’occhio interno che si trova al centro del ciuffetto superiore dei calamari e tenere questi ultimi da parte. Lavare i calamari sotto l’acqua corrente avendo cura di sciacquare bene la sacca anche all’interno. Una volta puliti tagliarli in due o tre pezzi a seconda della grandezza del calamaro.
  3. Preparare un trito di prezzemolo e due spicchi d’aglio e tenerlo da parte.
  4. Mettere sul fuoco una pentola contenente l’acqua che servirà per lessare la pasta; appena raggiunge l’ebollizione salarla e versare le patate. Farle scottare per qualche minuto.
  5. In una larga padella che possa contenere poi anche la pasta versare dell’olio extravergine d’oliva e a mano a mano che le patate sono pronte trasferirle utilizzando una schiumarola; a fiamma vivace farle colorire da tutte le parti mescolando di continuo fino a quando saranno tenere. Regolare di sale e appena pronte toglierle dalla padella e tenerle al caldo.
  6. Nella stessa padella mettere lo spicchio d’aglio schiacciato e farlo rosolare aggiungendo eventualmente un pochino di vino bianco; aggiungere i calamari (prima le sacche e poi i ciuffetti), sfumare con il vino e farli cuocere pochi minuti. Regolare di sale e di pepe.
  7. Nel frattempo lessare i paccheri nella stessa acqua di cottura delle patate. Quando saranno pronti trasferirli, sempre usando la schiumarola, nella padella contenente i calamari e mescolare bene per farli insaporire. Aggiungere anche le patate e amalgamarle al resto degli ingredienti. Versare anche il trito di aglio e prezzemolo e completare il piatto con la scorza di limone grattugiata.
  8. Servire i paccheri con patate e calamari caldissimi.
Notes
I paccheri con patate e calamari, un piatto di origine partenopea, reos ancora più fresco dall’utilizzo della buccia di limone grattugiata.[br][br][url href=”undefined”][img src=”https://blog.giallozafferano.it/uovazuccheroefarina/wp-content/uploads/2016/01/paccheri-con-patate-e-calamari-01.jpg” width=”800″ height=”533″ class=”alignnone size-full” title=”paccheri con patate e calamari 01″ alt=”paccheri con patate e calamari”][/url]

Se ti piacciono le mie ricette seguimi anche su Facebook oppure iscriviti alla mia Newsletter per riceverle direttamente in posta!

Precedente Tazze di pasta frolla con cioccolata calda Successivo Finocchi rifatti o finocchi in umido

2 commenti su “Paccheri con patate e calamari

  1. mariarosaria il said:

    Mamma che buoni questi paccheri!!! Li ho preparati ieri a pranzo senza farli nè precedere nè seguire da niente, visto che a casa mia siamo sempre un po’ tutti a dieta… è un piatto eccezionale, io sono di Napoli ma non lo conoscevo, vorrà dire che entrerà nella mia tradizione di famiglia!! Un bacio e buon anno (in ritardo) da Ro.

    • beh … che dire … ogni volta che preparo un piatto tipico di una regione non mia mi avvicino sempre in punta di piedi, con doveroso rispetto; le tradizioni sono importanti e non sempre nei libri le ricette vengono rispettate nella loro originalità. Leggere un commento come il tuo mi riempie il cuore di gioia sono davvero contenta!
      Un abbraccio
      Lu

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.