Cenci di carnevale ricetta toscana

Dopo aver provato la ricetta dei cenci di Carnevale dell’Artusi (la trovate qui) ho deciso di provare anche quella di un’altra autorevole firma nel campo della gastronomia toscana: Paolo Petroni. E’ anche vero comunque che le ricette dei cenci (detti anche chiacchiere, galane, frappe, bugie e chi più ne ha più ne metta … ) si assomigliano un po’ tutte e gli ingredienti sono più o meno gli stessi: uova, zucchero, farina e aromi vari. Oltre alla scorza di arancia o di limone grattugiata c’è chi aggiunge della grappa, chi del vino bianco e chi, come in questa ricetta, del Vin Santo. Alcuni aggiungono anche un cucchiaio di aceto che pare serva a far venire i cenci più bollosi. A casa mia sono piaciuti molto; leggeri e croccanti, dal gusto molto delicato. Provateli anche voi e sappiatemi dire. Sono ottimi accompagnati da un buon bicchierino di Vin Santo ma se come me siete degli irriducibili golosi gustateli insieme ad una bella tazza di sanguinaccio dolce.

Prima di passare alla ricetta un paio di precisazioni:

Olio o burro? La ricetta tradizionale prevede entrambe le versioni. Io ho utilizzato il burro ma se volete provarli con l’olio ricordate la proporzione: 100 g di burro corrispondono a 80 ml di olio.

Lievito sì o no? La ricetta del Petroni non lo prevede. Io nel dubbio ne ho messo un cucchiaino raso.

Olio per friggere: il miglior olio per friggere rimane l’olio di oliva ma anche l’olio di semi di arachide è una valida alternativa. Rispetto a quello di mais ha un punto di fumo più alto: 180° ca. contro i 160° di quello di mais. Sempre a proposito di frittura: se volete tenere d’occhio la temperatura dell’olio procuratevi un termometro a sonda, utilissimo anche per gli arrosti. Io ne ho uno a doppia sonda acquistato su Amazon: lo trovate qui

Dove friggere: oggi si trovano in commercio delle ottime friggitrici ma anche la buona vecchia padella di ferro è un’ottima alternativa. Ricordatevi sempre che le padelle in ferro non vanno mai lavate: una volta terminata la frittura, togliere l’olio e asciugarle con carta cucina, quindi riporle avvolte in carta di giornale e conservate dentro ad un sacchetto di carta gialla. Esteticamente non sono il massimo ma per la frittura non c’è padella migliore.

Fonte ricetta: Il libro della vera Cucina Fiorentina di Paolo Petroni Edizioni Giunti Demetra

Leggi anche: Frittelle facili e veloci con la ricottaFrittelle di risoSfinci di San Giuseppe ripieni di crema

Vi piace il mio piano cottura? Bello vero? E’ un prodotto De’Longhi Cookers, per la precisione il modello della Linea Slim Vetro 60 cm – SLF 460 LT2. E’ disponibile in tre colori: bianco, nero e tortora e lo si può abbinare al forno avente la porta dello stesso colore. Il piano cottura in vetro, oltre ad essere bello da vedere, è molto facile da tenere pulito; basta una spugna umida, un panno in microfibra per l’asciugatura e torna come nuovo in un attimo. Questo modello dispone di 4 bruciatori incluso uno molto potente a tripla corona, le griglie in ghisa (la ghisa è un ottimo conduttore di calore) e le manopole in metallo spazzolato. Oltre al modello classico 60 cm è disponibile anche il modello 75 cm a cinque fuochi.

L’azienda De’ Longhi Cookers ha sede a Borso del Grappa e dal 1950 si occupa di forni, cappe, piani cottura e cucine FREESTANDING (monoblocco)  a produzione interamente italiana. In Italia ci sono oltre 800 negozi. Qui la lista per trovare il punto vendita più vicino a casa propria: Punti vendita De’Longhi Cookers

Sponsorizzato da De' Longhi Cookers

  • Difficoltà:Media
  • Preparazione:1 ora + riposo 30 minuti
  • Cottura:30 minuti
  • Porzioni:6/8 persone
  • Costo:Basso

Ingredienti

  • 300 g Farina 00
  • 50 g Zucchero
  • 50 g Burro
  • 2 Uova
  • 1 bicchierino Vin santo (dolce)
  • 1 arancia
  • 1 pizzico Sale
  • 1 l Olio di semi di arachide
  • q.b. Zucchero a velo
  • 1 cucchiaino Lievito in polvere per dolci (facoltativo)

Preparazione

  1. Fondere il burro a bagnomaria e tenerlo da parte.

  2. cenci carnevale ricetta toscana passo passo

    Setacciare la farina e impastarla insieme alle uova, lo zucchero, il burro fuso ormai freddo, il vinsanto, il pizzico di sale e la buccia dell’arancia grattugiata. Lavorare bene il tutto per una decina di minuti; una volta ottenuto un impasto liscio e omogeneo formare una palla e metterla in frigo a riposare per circa mezz’ora.

  3. cenci carnevale ricetta toscana passo passo taglio

    Trascorso questo tempo riprendere la pasta dal frigo e dividerla in tanti piccoli panetti. Stendere la sfoglia utilizzando il mattarello oppure la macchina della pasta. Si dovranno ottenere delle strisce dello spessore di ca. 2/3 mm e lunghe 10/15 cm.; si possono tagliare anche a losanghe o a pezzi irregolari. Con la rotella praticare un taglio al centro lasciando intere le estremità.

  4. cenci carnevale ricetta toscana passo passo frittura

    Versare l’olio in una padella preferibilmente di ferro oppure nella friggitrice; quando l’olio sarà ben caldo cominciare a friggere i cenci, pochi per volta, in modo da non far abbassare troppo la temperatura dell’olio.

  5. A mano a mano che i cenci sono pronti lasciarli asciugare per qualche minuto in un piatto coperto da carta da cucina quindi trasferirli in un vassoio e cospargerli con abbondante zucchero a velo.

  6. cenci carnevale ricetta toscana paolo petroni

Seguimi sui social!

Se ti piacciono le mie ricette ATTIVA LE NOTIFICHE oppure seguimi su FacebookTwitter Instagram Telegram; puoi anche iscriverti alla mia Newsletter

Torna alla Home

Precedente Biscotti alla granella di nocciole Successivo Torta mimosa con crema e ananas

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.