Crea sito

Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio

Il Parrozzo è un dolce tipico abruzzese. La torta di base è composta principalmente da uova, mandorle e farina di mais, ed è coperto da uno strato di cioccolato fondente. Si narra che il primo ad assaggiare il Parrozzo creato nel 1919 da Luigi D’Amico fu Gabriele D’Annunzio, che rimanendo sorpreso dalla bontà del dolce, gli dedicò il seguente madrigale:

“È tante ‘bbone stu parrozze nove che pare na pazzie de San Ciattè, c’avesse messe a su gran forne tè la terre lavorata da lu bbove, la terre grasse e lustre che se coce… e che dovente a poche a poche chiù doce de qualunque cosa doce…”

La mia versione, come sempre, è senza glutine e senza lattosio. Non trovando facilmente le mandorle armelline nei supermercati, ho deciso di usare solo la farina di mandorle (certificata senza glutine, ovviamente!) in modo da venire incontro anche a chi non riesce a procurarsi gli ingredienti più rari. Vi assicuro che farà il suo figurone nelle vostre tavole natalizie!

Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio

Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio

Ingredienti:

  • 5 uova medie
  • 120 gr di farina di mandorle
  • 100 gr di zucchero
  • 70 gr di farina di mais
  • 30 gr di maizena (amido di mais)
  • 50 gr di farina (io ho usato la Farina Schaer)
  • 80 gr di margarina
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 200 gr di cioccolato fondente
  • 1 cucchiaino di margarina

Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio

Procedimento:

  1. Per preparare il Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio per prima cosa porta le uova a temperatura ambiente e separa i tuorli dagli albumi facendo attenzione a non sporcare gli albumi. Monta i bianchi a neve ben ferma e metti da parte.
  2. Adesso monta i tuorli aggiungendo piano piano lo zucchero, finché il composto non sarà diventato giallo più chiaro e spumoso. Aggiungi la farina di mandole poco per volta e continua a sbattere il composto.
  3. Ora aggiungi la margarina che avrai precedentemente sciolto, deve essere liquida e non calda (25 secondi a 450 W al microonde).
  4. Dopo aver mescolato insieme la farina di mais, la farina, la maizena e il cucchiaino di lievito, aggiungili al composto, continuandolo a lavorare con le fruste.
  5. Aggiungi poco per volta gli albumi, mescolando a mano dal basso verso l’alto per non far smontare gli albumi. Continua ad incorporare i restanti albumi e mescola delicatamente finchè il composto non sarà omogeneo, spumoso e molto morbido. Ci vorranno circa 4 minuti ancora.Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio
  6. Ricopri una teglia a cupola con un leggero strato di margarina e versa il composto, livellandolo con una spatola.Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio
  7. Cuoci in forno statico a 180° per 70 minuti e fai la prova stecchino prima di spegnere il forno e lasciar raffreddare il Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio nel forno spento semi aperto.
  8. Una volta che si sarà raffreddato, livella la base tagliando le eventuali parti in rilievo con un coltello.
  9. Adesso prepara la glassa al cioccolato. Taglia il cioccolato fondente in piccoli pezzettini, aggiungi 1 cucchiaino di margarina e scioglilo a bagnomaria o al microonde.
  10. Ricopri il Parrozzo con la glassa al cioccolato  fai raffreddare.

Parrozzo abruzzese senza glutine e senza lattosio

Sei alla ricerca di altre idee per Natale? Ecco i dolci a tema che puoi trovare sul blog:

Mostaccioli senza glutine vegani

-Panettone senza glutine

-Nacatole senza glutine e senza lattosio

-Struffoli o Pignolata senza glutine e senza lattosio

-Cantucci al cioccolato senza glutine e senza lattosio

-San martini senza glutine

-Cantucci al cioccolato senza glutine e senza lattosio n°2

– Pan di zenzero senza glutine e senza lattosio

Metti ‘mi piace’ alla Fanpage di Facebook o seguimi su Twitter per essere sempre aggiornato sulle nuove ricette!

Pubblicato da unesplosionedibonta

Mi chiamo Consuelo, nel 2009 ho scoperto di essere celiaca ed intollerante al lattosio. Sono molto esigente in cucina ed essendo insoddisfatta di alcuni prodotti preconfezionati sto imparando a farli da sola, ritrovando il gusto di un tempo che ancora non ho dimenticato. La mia missione è rendere felici le persone con la mia cucina e soprattutto far venire il sorriso ai celiaci che ricercano il gusto di un tempo, perché intolleranza non vuol dire rinuncia ai buoni sapori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.