Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

I Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio sono dei morbidi biscottoni perfetti da pucciare nel tè (o nel latte) caldo, composti di sole farine naturali e senza glutine. Sono perfetti anche da mangiare così come sono, oppure con della confettura di mirtilli, more oppure frutti rossi.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio
  • DifficoltàFacile
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni15 biscotti
  • Metodo di cotturaForno
  • CucinaItaliana

Ingredienti

3 uova (medie)
60 farina di quinoa
40 g farina di teff (integrale)
1/2 bustina lievito vanigliato
1 pizzico sale
70 g zucchero
q.b. gocce di cioccolato fondente (facoltative)

Strumenti

Passaggi

1. Per preparare i Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio per prima cosa monta le uova intere con uno sbattitore elettrico, aggiungendo lo zucchero un poco per volta dopo i primi 30 secondi. Lavora l’impasto per almeno 3 minuti, dovrà risultare molto spumoso.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

2. Adesso aggiungi un po’ per volta la farina di quinoa setacciata.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

3. Continuando con lo sbattitore elettrico, incorpora anche la farina di teff, il pizzico di sale ed il lievito vanigliato.

4. Copri una teglia delle dimensioni di circa 35×24 cm con della carta da forno. Falla aderire bene alla base, in caso inumidisci la teglia prima di poggiarci la carta da forno.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

5. Versa il composto nella teglia e distribuiscilo uniformemente su tutta la superficie con l’aiuto di una spatola da cucina (non sbattere la teglia!).

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

6. Se ti piace, a questo punto, puoi aggiungere sulla superficie dell’impasto delle gocce di cioccolato fondente. Io ho fatto metà con le gocce e metà senza.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

7. Cuoci nel forno già caldo a 180° in modalità ventilata, nel ripiano intermedio, per circa 15 minuti.

8. Passato il tempo di cottura fai la prova stecchino, se risulta asciutto, spegni il forno e fai riposare i Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio per 5 minuti con l’anta aperta.

Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio

9. Completa il raffreddamento fuori dl forno. Una volta raffreddati, ricava circa 15 pezzi (dipende dalla grandezza della formina!) con una formina da biscotto (in alternativa puoi usare un bicchiere).

Ti piacciono i biscotti morbidi senza glutine e senza lattosio? Guarda anche questi:

Biscotti morbidi al grano saraceno

Biscotti del mattino al teff senza glutine

Ti è piaciuta la ricetta e l’hai rifatta? Mandami una foto qui o per messaggio privato su Facebook , sarò felice di aggiungerla all’album delle Ricette rifatte da voi!

In questa ricetta sono presenti dei link di affiliazione

Suggerimento di accompagnamento

Ti consiglio di accompagnare i Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio con della confettura di mirtilli, more oppure frutti rossi. Sono perfetti da pucciare nel tè caldo.

Conservazione

I Biscotti morbidi quinoa e teff senza glutine senza lattosio si mantengono morbidi se conservati “all’aria” per circa 36 ore. Se vuoi mantenerli morbidi più a lungo ti consiglio di riporli in un contenitore ermetico, in questo modo si conservano per un tempo più lungo.

Stay tuned!

Metti “mi piace” alla Fanpage di Facebook o seguimi su Instagram oppure su Twitter per essere sempre aggiornato sulle nuove ricette!

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da unesplosionedibonta

Mi chiamo Consuelo, nel 2009 ho scoperto di essere celiaca ed intollerante al lattosio. Sono molto esigente in cucina ed essendo insoddisfatta di alcuni prodotti preconfezionati sto imparando a farli da sola, ritrovando il gusto di un tempo che ancora non ho dimenticato. La mia missione è rendere felici le persone con la mia cucina e soprattutto far venire il sorriso ai celiaci che ricercano il gusto di un tempo, perché intolleranza non vuol dire rinuncia ai buoni sapori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.