Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate

Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate.
che non è questa qui, la Vellutata di piselli con crostini dorati.
non preoccupatevi, non vi sto riproponendo la stessa ricetta aggiungendo solo le mandorle al posto dei crostini XD
è proprio un’altra ricetta. qui ci sono le patate e lo scalogno, di là carote, sedano e la cipolla.
questa è fatta con i piselli congelati, quella con i piselli secchi.
quindi la consistenza è completamente diversa, questa più morbida, quella leggermente più pastosa e farinosa.
sì insomma…in cucina non ci si annoia mai.
con un ingrediente così umile, come i piselli, si possono ottenere in poche mosse, due piatti talmente diversi al sapore e alla consistenza, anche se abbastanza simili all’aspetto.

Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate

ormai penso abbiate capito che amo le vellutate.
e anche le zuppe.
in genere tutti i piatti semplici e della tradizione, soprattutto povera e contadina.
mai visto un piatto di spaghetti su questo blog, avete notato?
c’è una strana carenza di spaghetti, penne, e simili. solo qualche sparuto risotto.
non che non ne mangi, intendiamoci.
ma sono troppo inflazionati a parer mio.
per non parlare del fatto che proprio non mi riesce a farli venire decenti alla vista. mi devo esercitare…e molto! XD
(presto un piatto di pennette al coniglio…promesso!)
spesso mi sono fermata a riflettere, mangiando una pomarola, un ragù, una carbonara, o una amatriciana, se era il caso di pubblicarla oppure no. ma poi mi sono data la mia risposta, ed era ovviamente negativa.
ci sono mille blog (e molti migliori del mio XD) che li propongono, quindi perchè dovreste proprio venire a cercarveli qua?
così ho deciso di offrirvi qualcosa che non è poi così tanto inflazionato.
beh sì…certo…sicuramente lo troverete anche molti in altri blog, non lo nego. mica ho inventato niente, o scoperto l’acqua calda?
ma forse non lo troverete in tutti questi 1000 blog….
e così magari, verrete a curiosare anche qua!

Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate

Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate
Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate

Ingredienti per la Vellutata di piselli, patate e mandorle tostate:

  • 400 gr di piselli congelati
  • 400 gr di patate
  • 1 scalogno
  • olio q.b.
  • 2 foglie di alloro
  • 1 dado classico
  • sale
  • pepe
  • 50/60 gr di mandorle intere*

*ho deciso di inserite le mandore intere, anche se tostano di meno, per avere un effetto masticativo più intenso. a me piacciono anche le mandorle crude quindi non ho problemi. se invece preferite un maggiore tostatura sostituitele con le mandorle a lamelle.

Procedimento:

Tagliare lo scalogno a fettine sottili.  Pulire anche le patate e farle a tocchetti.
In una ampia pentola a pressione (se non l’avete potete utilizzare anche una pentola normale, considerate che il tempo di cottura sarà circa il doppio) fate rosolare lo scalogno con abbondante olio.
Unire quindi i piselli, ancora congelati, le patate fatte a tocchetti, le foglie di alloro e far insaporire rosolando per circa 2-3 minuti.
Aggiungere quindi l’acqua, circa mezza pentola, l’acqua deve coprire le verdure, e il dado.
Salare, pepare e chiudere il coperchio della pentola a pressione.
Calcolare circa 10/15 minuti da quando sfiata e spengere.
Controllare se le verdure sono cotte.
Se sono cotte potete frullare il tutto, altrimenti date qualche altro minuto di cottura.
Togliere gran parte del liquido, per una vellutata densa, ma non buttarlo, potrete utilizzarlo successivamente per dosare la consistenza della vellutata come meglio credete.
Passatatela dentro un mixer o con un minipimer. Frullatela a lungo fino ad ottenere una consistenza bella cremosa.  Solo quando è stata mixata potete decidere se aggiungere un poco del liquido messo da parte.

In una pentola antiaderente mettere le mandole.
A fiamma bassa, e girandole spesso, fatele tostare senza farle bruciare (se usate le lamelle state attenti, sono molto più delicate).
Servite la vellutata in un piatto o una cocotte, versare un po’ di olio a crudo, una grattata di pepe appena macinato, e disponete un gruzzoletto di mandorle al centro.
Gustare calda.

4 Comment

  1. ADORO LE VELLUTATE, MERAVIGLIOSA LA TUA, DA PROVARE!!!!BACI SABRY

    1. undolcealgiorno says:

      grazie sabri, e grazie per passare sempre a trovarmi, so che hai mille cose da fare tra blog, lavoro e figli XD

  2. zia consu says:

    Adoro anch’io zuppe e vellutate (e sicuramente dalla frequenza con cui le pubblico si capisce ampiamente..) e questa proposta mi stuzzica parecchio..mi piace anche l’idea delle mandorle intere..slurp!!!

    1. undolcealgiorno says:

      sì so che è una nostra passione condivisa, quindi puoi capire il mio attaccamento alle vellutate.
      poi secondo me sono anche più belle, si presentano meglio, con questi colori spettacolari XD
      ho deciso di inserire le mandorle intere perchè a me il sapore della frutta secca NON tostata non dispiace.
      anhce se le ho tostate un pochetto rimangono sempre piuttosto “crude” – se crude è la parola giusta – all’interno rispetto alle lamelle tostate e non mi dispiace affatto XD

I commenti sono stati chiusi.