Torta di carote inglese (carrot cake) con crema al formaggio

vi ricordate le camille del Mulino Bianco?
beh dimenticatele!!!!
se si pensa alla torta di carote l’immaginario comune, almeno di chi come me è cresciuto con i biscotti e le merendine del mulino bianco va subito lì.  piccole merendine soffici a cupoletta, ma diciamocelo, un po’ insipide.
questa carrot cake inglese mi tentava parecchio, avevo visto un po’ di foto online, il suo colore bruno dato dallo zucchero muscovado e dalle spezie sembrava sussurrarmi all’orecchio “provami! provami!”
carrot cake

e così ho fatto, ho provato varie ricette, ma nessuna mi convinceva al 100%, così ho fatto come al solito, cioè di testa mia, e ho fatto un mix di tutto ciò che ho trovato in qua e in là, costruendo una ricetta a mia immagine e somiglianza. e indovinate un po’? il cocco non poteva mancare! forse non è proprio la ricetta originale, okey lo ammetto…. ma originale è il sapore e la morbidezza che si crea, una sofficezza che però è anche dotata di un certo crunch (diciamo masticabilità) che la struttura del cocco e delle carote tagliate non troppo sottili assicurano.

e sopresa delle sorprese, in questa ricetta manca il burro!! (vi avevo promesso che un paio di ricette senza burro le avrei postate).  non la definirei proprio light, visto la quantità d’olio, ma è comunque indicata per chi ha delle intolleranze ai latticini ad esempio, perchè non ve n’è traccia (ovviamente chi ha l’intolleranza deve poi oliare la teglia invece che imburrarla,  e certamente non deve aggiungere la crema al formaggio, ma credo che siano cose ovvie, la torta è buona comunque anche senza glassa perchè molto soffice e saporita )
le dosi come vedrete solo mooolto abbondanti, se ne ricavano due torte del diametro di circa 25 cm  (nessuno vieta di dimezzare la dose e farne solo una!).
lo zucchero muscovado per me è stata un scoperta ( di nuovo grazie Nigella!!!), è difficile da trovare nella mia città, lo trovo solo alla  COOP e ogni volta ne faccio scorte apocalittiche perchè va via come il pane nella mia cucina.
lo zucchero muscovado è uno zucchero di canna grezzo, scuro, il suo sapore è simile a quello della melassa, è molto umido, infatti spesso nella confezione fa grumi e si appiccica, ma è buonissimo, assaggiarlo per la prima volta con il cucchiaio, così al naturale, è una sorpresa, perchè non ti aspetti che sia così poco dolce e invece così speziato. ed è quello che rende questa torta (assieme alle altre spezie)  veramente  speciale.
ma passiamo alle cose importanti…

Ingredienti:

Per la torta

–          350 GR ZUCCHERO MUSCOVADO
–          400  GR OLIO ARACHIDI
–          5 UOVA
–          400  GR CAROTE
–          200  GR COCCO
–          400 GR FARINA
–          1 + 1/2 BUSTINA DI LIEVITO
–          LIMONE
–          2 CUCCHIAINI CANNELLA
–          1 CUCCHIAINI NOCE MOSCATA (facoltativo, se piace)

Per la crema al formaggio:

– 500 GR PHILADELPHIA
– 2 LIMONI
– 100/200 GR ZUCCHERO A VELO VANIGLIATO
– NOCI PER GUARNIRE

Preparazione.
Pulire e lavare 400 gr (al netto) di carote, poi col il mixer tritarle ma non troppo finemente,  tritate ma non in poltiglia.
Unire l’olio allo zucchero e montare con le fruste o la planetaria per 5 minuti.
Unire le uova una alla volta e continuare a montare per altri 5 minuti, il composto deve venire bello denso e montato.
Quindi unire  alternati un po’ di cocco, un po’ di carote fino a finire i due ingredienti, sempre mescolando con la planetaria o con le fruste.
Aggiungere la scorza del limone grattata.
In una ciotola unire farina e lievito e per ultime unirle al resto degli ingredienti, mescolando a minima velocità e poco a lungo.
Aggiungere infine cannella e noce moscata mescolando a mano, e partendo da dosi minori e mano mano aggiungendo in modo da aggiustare secondo il proprio gusto (a volte 2 cucchiaini di cannella per alcuni posso risultare troppi).  la noce moscata ha un sapore particolare che non tutti possono gradire, è leggermente pungente, quindi se non la amate evitate di aggiungerla.

Versare l’impasto in due teglie da 25 cm precedentemente imburrate e infarinate, mettere in forno preriscaldato a 180° per circa 35/40 minuti o finchè la superficie non sarà ambrata (usare lo stecchino per controllare, perchè la cottura varia molto da forno a forno) .

Preparazione crema al formaggio:

In una ciotola mettere il Philadelphia e circa 100 gr di zucchero a velo.  Grattate la scorza di due limoni e mescolate con le fruste per circa 3-4 minuti finchè il philadelphia non cambia di consistenza e non monta come la panna montata. Ve ne accorgerete perchè fa delle “grinze” quando lo mescolate con le fruste.
Consiglio di partire con 100 gr di zucchero a velo, poi assaggiare, se ritenete che sia ancora troppo aspra (cioè che sappia ancora troppo di formaggio e poco di dessert), aggiungere altro zucchero a velo fino ad arrivare fino a 200 gr o finchè non vi aggrada. un minimo aspretta la crema deve  comunque rimanere, perchè deve fare da contrasto con il dolce della torta, quindi non esagerate con lo zucchero!

La crema potrà essere usata per glassare la superficie della torta (come in foto). Oppure potrete decidere di servirla a lato, o se siete molto bravi tagliare a metà la torta e farcirla.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI