• l'angolo dei consigli
  • Zucchero di canna – Colore, grana e tipologie

    Fino a poco tempo fa,  intendo fino a qualche anno fa, conoscevo solo lo zucchero bianco, semolato, raffinato, che in inglese viene chiamato CASTER SUGAR. bisogna che cominci ad introdurre qualche termine inglese perché in questo articolo ne troverete un paio XD. il comunissimo zucchero da cucina che tutti quanti usiamo per fare i dolci, zuccherare il caffè. […]

  • muffin e dolcetti
  • Corn muffins – Muffin alla farina di mais

    Corn bread….ehm no…volevo dire Corn muffins. sì perchè i corn muffin prendono spunto da questa ricetta qui, il corn bread, ossia il pane al mais, tipico della cucina statunitense del sud. dopo averlo assaggiato ed essermene innamorata, ho voluto trasformarlo in un dolcetto. impresa piuttosto semplice devo ammetterlo. niente strani incroci, niente voli pindarici, niente […]

  • pane e lievitati
  • Cornbread – Pane al mais veloce senza lievitazione

    Volevo fare un primo piatto americano e sono finita sul Cornbread – Pane di mais veloce. immagino che adesso vi starete chiedendo il perché…e non a torto. non conoscendo la cucina americana proprio come le mie tasche faccio la cuochina giudiziosa, apro Google e digito “first course” ossia “primo piatto”. ecco…non l’avessi mai fatto. =_= è uscito tutto e il contrario […]

  • ricette base
  • Caramello al burro salato – denso per farciture

    Prima di parlarvi del caramello al burro salato vorrei spendere due parole su questo burro, il Lurpak.
    tempo fa assaggiai il burro Peppino Occelli, burro famosissimo per la sua bontà, ha addirittura vinto il premio come burro più buono del mondo.
    siccome non mi fido generalmente dell’opinione comune (sono una da “se non vedo non credo” o meglio “se non assaggio non credo”) l’ho voluto assaporare e sperimentare con le mie papille gustative.
    ne rimasi ammaliata perchè in effetti è stra-buono, ottenuto da panne centrifugate e non da affioramento, che non si capisce bene che differenza ci sia in termini di risultato finale (burro è e burro rimane in entrambi i casi) ma sembra essere una garanzia di qualità.
    lo bollai subito come “il burro più buono che avrei mai potuto incontrare” e io sono ghiotta di burro.
    fino a quando non mi sono imbattuta nel Lurpak , un burro danese.
    ora non so se siete mai stati in Danimarca. io sì.
    lì le mucche le trattano meglio dei cristiani. va a provare a non essere buono il burro!
    innanzitutto la densità delle mucche, almeno nello Jutland, ossia la penisola danese, è assai superiore a quella delle persone (sono quasi tutti paesini-ini di campagna e le strade disseminate di stupende fattorie), secondo dettaglio se ne vivono libere e indisturbate nei campi, all’aria aperta, brucando l’erbetta fresca.