• secondi piatti
  • Tacchino allo zenzero e mandorle

    Tacchino allo zenzero e mandorle – da un’idea della Parodi. esatto. da un’idea. perché nella sua ricetta si parla di pollo allo zenzero. e il pollo non ce l’avevo. poi implicava l’uso della salsa di soia. che era scaduta. poi prevedeva di tostare le mandorle. e io non le ho tostate. infine dovevo aggiungere la […]

  • 50 sfumature di…mela
  • “50 sfumature di…mela – Crumble di mele speziati”

    Con i crumble di mele speziati faccio una cosa che mi piace tanto….ottimizzo il mio lavoro!!!!
    innanzitutto è la mia terza ricetta per il progetto “50 sfumature di…mela” che se per caso ve lo siete perso basta che seguiate il link. in pratica un interessante progetto di collaborazione tra 12 blog che seguono il fil rouge della mela.
    e come seconda cosa è una ricetta natalizia.
    quindi i classici 2 piccioni con 1 fava XD.
    se avete letto i miei Pretzelini – I panini a forma di pretzel, saprete che non ho un repertorio di ricette natalizie vero e proprio, così ho deciso di proporvi ciò che secondo me è Natale.
    quei sapori, odori, sensazioni, colori che mi riportano a questa festa.
    del resto il Natale è una festa molto personale, che ognuno festeggia come vuole, e credo sia bello mostrare anche una certa diversità (ricette curiose per blogger curiosa, non fa una piega, no? XD)
    come le spezie, la cannella ad esempio, lo zucchero muscovado e l’uvetta presenti in questo crumble. e così le mele, che sono un frutto tipicamente invernale.
    anche l’avena per me è un ingrediente natalizio, infatti è molto usata nei paesi nordici per fare il porridge, una specie di crema/budino/zuppetta/pappetta dolce davvero buona se fatta a regola d’arte.
    l’avena mi ricorda il Natale soprattutto per le migliaia di favole e fiabe che ho letto, amo la cultura nordica, e soprattutto quella dei paesi scandinavi.
    dovete sapere che in Svezia si ha la credenza che esistano dei piccoli folletti che abitano le fattorie chiamati Tomte o Nisse, in pratica quelli che noi ci figuriamo come gli gnomi dai cappelli a punta, spesso sono vestiti di grigio con un cappello rosso.

  • 50 sfumature di…mela
  • “50 sfumature di…mela” – Tortine alle mele con cuore al caramello salato

    Quella che presento oggi è la mia seconda ricetta per il progetto “50 sfumature di…mela” che vede coinvolti numerosi blog alle prese con ricette a base di mele.
    In questa ricetta la mela non è la sola protagonista ma bensì una delle attrici principali che rendono queste tortine uniche.

    Le tortine alle mele con cuore al caramello salato sono un’intuizione che avuto mentre facevo il caramello salato.
    perchè ovviamente quando stai facendo una ricetta, mica ti puoi concentrare solo su quella? XD
    no! devi già essere con la testa a quella successiva.
    problemi che forse solo un blogger può comprendere XD
    stavo preparando questo caramello al burro salato, ne avrete assolutamente bisogno per fare questa ricetta perchè è un caramello molto denso, e mi sono chiesta “e se invece che liquido liquido, lo facessi più compatto? di modo che poi potrei infilarlo dentro il tortino?”
    e così ho tentato. l’ho fatto, l’ho riposto in frigo, e ho atteso il giorno dopo, incrociando le dita.
    perché qui si va un po’ di esperimenti, e il risultato non è mai certo fino a che il dolce non è sul cucchiaio, e poi subito dopo nella mia bocca.
    ma voglio rassicurarvi, le ricette che troverete sul blog hanno passato tutte le mia ferrea e rigidissima selezione. XD
    il giorno dopo è infine giunto, e con un po’ di trepidazione ho sfoderato le mie magnifiche cocottine preferite, e mi sono accinta a fare le tortine alle mele.
    che altro non sono che dei semplicissimi tortini quattro quarti (ossia stesso peso di uova, farina, burro e zucchero) alle mele e aromatizzati allo zenzero.

  • dolci soffici
  • Apple gingerbread – Pan di zenzero alle mele

    Apple gingerbread - Pan di zenzero alle mele

    Stamani mi sveglio con l’ispirazione di fare il pan di zenzero.
    so che non è Natale, neppure lontanamente, ma l’abbassamento delle temperature mi ha ricordato che l’inverno sta arrivando, tipo nel Trono di spade.
    così me ne vado tutta bella felice al lavoro, bella felice un corno, avevo un torcicollo di quelli epocali, complice il freddo e il vento degli ultimi giorni….ma parlo di quella felicità, impazienza e frizzicore nelle mani che un nuovo progetto o idea ti infonde.
    se non che arrivo all’hotel, mi prepararo tutti i miei begli ingredientini e quando vado a cercare lo zenzero candito, che avevo letto essere necessario per il pane di zenzero, non lo trovo.
    chiedo in giro, e nessuno sapeva dove questo zenzero birichino si fosse nascosto.
    dopo mezz’ora di indagini spunta mia mamma che con candore e naturalezza fa
    “ah? lo zenzero? beh l’ho mangiato io!”
    dopo i primi istanti di incredulità, se avete mai mangiato lo zenzero candito così, senza niente di accompagnamento, sapete di che sto parlando , le chiedo se l’avesse finito proprio tutto tutto, una confezione da 50 gr.
    la triste risposta era un “sì”
    in un attimo ho visto sfumare i miei sogni di gloria…
    ma siccome non è da me perdermi d’animo ho studiato qualcos’altro.

  • muffin e dolcetti
  • Mini torrette alla nutella e zenzero

    Mini torrette alla nutella e zenzero

    Oggi finalmente mi rimetto a cucinareeeeeeeee!!!!!! e riparto con una strana creazione, le Mini torrette alla nutella e zenzero.
    perchè, vi starete chiedendo?
    ma perchè non te ne stai buona lì e non combini casini? XD
    beh…ogni tanto me lo chiedo anche io.
    anche perchè oggi volevo provare degli stampi nuovi. e quando metto queste parole nella stessa frase “provare” e “nuovi” mi faccio un po’ paura da sola, perchè il risultato può essere molto vario. dal successo imprevisto alla disfatta totale!
    avevo comprato dei piccoli stampi singoli in un minuscolo megastore della mia città (minuscolo megastore per minuscola città, mi sembra logico!), che vende da roba tecnologica a roba per cucina.
    mi avevano subito “chiamato” lì dallo scaffale per 3 motivi….

  • biscotti e barrette
  • Cornish fairings – biscotti speziati della Cornovaglia

    Cornish fairings - biscotti speziati della Cornovaglia

    Il delirio all’hotel sembra oramai non avere fine.
    Oltre all’invasione del parendato ci s’è messa anche la caldaia bruciata.
    E’ tipo una settimana che siamo senza acqua calda, per la gioia nostra e dei clienti, che tanto in questo periodo latitano.
    Quindi anche lavare i piatti, e le ciotole post-dolce si trasforma in una tortura inenarrabile.
    Perchè la nostra acqua non ha mezzi termini. O scende a bollore, o congelata.
    Non sapete le maledizioni in aramaico antico che ci lanciamo quando qualcuno usa l’ acqua bollente e poi dimentica di fare scorrere l’acqua fredda per rimportarla a temperatura “umana”, quello che arriva dopo e apre il rubinetto si becca un’ustione di 3° grado assicurata. matematico.
    Lo stesso per l’acqua fredda.
    Frigorifero?
    Ma a che serve l’acqua in frigo d’estate quando hai un collegamento diretto con i ghiacciai perenni dell’antartide?
    Un giorno o l’altro non mi meraviglierei se uscisse pure un pinguino dallo scarico.
    Quindi tra caos e acqua fredda mi sono trovata una ricettina proprio easy da fare, che impiegassi poco tempo e sporcassi davvero il minimo!
    Ed è così, che sfogliando il libro di Pam Corbin, che si intola Dolci, ho trovato i Cornish Fairings, dei biscottini semplici semplici che si potevano fare a mano o con il mixer.
    Ho optato per il mixer, tanto o ciotola o mixer qualcosa dovevo pur sporcare, così mi sono lasciata prendere dalla pigrizia 😛
    I cornish fairings, come racconta Pam : “…Tipici della Cornovaglia, questi biscotti sono speziati e croccanti, di colore scuro e con profonde crepe in superficie. Il nome deriva dalle antiche fiere di paese che animavano la regione, occasioni di festa e di commercio durante le quali queste delizie erano vendute ai visitatori come souvenir da portar a casa”.
    inutile dire che quando ho letto “Cornovaglia” “antiche fiere” e “profonde crepe” mi sono subito esaltata e li ho voluti provare!!!!