• dolci soffici
  • Ciambella bianca agli albumi con crema pasticcera – ricetta antispreco

    Ciambella bianca agli albumi con crema pasticcera - ricetta antispreco

    Ciambella bianca agli albumi con crema pasticcera – ricetta antispreco. Io sono malfidata, in partenza. Quando vedo un dolce dove manca qualcosa mi trovo a dubitare fortemente. Tutta questa invasione di dolci senza burro, senza uova, senza latte, senza zucchero. Dolci senza dolci. Privi dell’essenza stessa del dolce. Il peccato di gola. E non solo, […]

  • piatti salati toscani
  • Panzanella di mia mamma (alla viareggina)

    Panzanella di mia mamma (alla viareggina)

    No… non la ricetta, proprio la panzanella è di mia mamma. Nel senso che l’ha fatta lei, con le sue mani!
    oggi sono arrivata all’hotel dove lavoriamo entrambi e l’ho trovata bella e pronta, già di mattina. proprio ideale per uno spuntino mattutino con tutta quella cipolla fresca XD
    comunque, bischerate a parte, mi sono detta “perchè non inserirla nel blog?” tecnicamente non l’ho fatta io, ma è una ricetta di famiglia, che da mia nonna è passata a mia mamma, e prima o poi passerà a me.
    quindi l’ho fotografata e la tramando a voi, così com’è!
    la panzanella è un piatto toscano a base di pane ammollato. è un piatto molto povero perchè la base è appunto di pane, e solitamente si usa quello raffermo. quindi concetto di fondo è questo: che fare con il pane vecchio, duro, avanzato di qualche giorno?
    il pane era sacro e non si poteva buttare, quindi bisognava trovare un modo, e buono possibilmente, per riciclarlo.
    i 3 modi più alternativi che furono trovati sono: il pancotto (più conosciuto con il nome di pappa col pomodoro), la ribollita e la panzanella.
    nella panzella si fa un breve ammollo di un tozzo di pane raffermo in acqua e poi si sbriciola il suddetto pane in una ciotola e si condisce come se fosse una specie di insalata.
    ci sono centinaia di varianti sugli ingredienti da aggiungere, dalla panzanella poverissima che usava fare mia nonna quando c’era la “miseria nera” come la chiamava lei, ossia solo pomodoro, cipolle, capperi, basilico, a quelle più ricche con aggiunta di tonno (come fa mia mamma), o anche cetrioli, olive e altri condimenti.

  • muffin e dolcetti
  • Muffin al cocco – ricetta semplice e buona

    muffin al cocco

    Ero quasi riuscita a liberarmi della dipendenza da cocco….quasi… ed eccomi qua che ci ricasco, preparando i muffin al cocco!
    il cocco è una di quelle cose che o le ami o le odi, e come avrete capito, io faccio parte del primo gruppo. lo adoro sia al naturale, appena aperto (amo un po’ di meno le peripezie che ci vogliono per spaccarlo e staccare la polpa dal guscio) che rapè, ossia quello essiccato e macinato, da mettere nei dolci. ah e non dimentichiamo il latte di cocco, da poco l’ho scoperto come ingrediente per i miei dolci e non posso più separarmene, cremoso, profumato, spumoso…sembra panna!
    Questi muffin al cocco sono davvero semplici e veloci da preparare, non sono particolarmente costosi, alla fine contengono solo ingredienti base come burro-farina-uova-lievito-zucchero con la sola aggiunta di cocco e yogurt per dargli maggiore cremosità e morbidezza. il limone conferirà un ottimo profumo agrumato, e i muffin avranno una consistenza tra il burroso e il croccante data la presenza del cocco rapè che assicura una certa masticabilità.