• antipasti e stuzzichini
  • Bruschetta estiva ai 3 peperoni

    Bruschetta estiva ai 3 peperoni… estiva perchè come potete vedere racchiude tutti i colori dell’estate, il giallo, l’arancione, il viola, il verde, il rosso. colori solari, luminosi, vivaci. estiva perchè è un concentrato di allegria, vitamine ed energia. estiva perchè fresca, croccante, dissetante, completamente a base di verdure, quindi light. certo che… non dovete avere […]

  • secondi piatti
  • Tacchino allo zenzero e mandorle

    Tacchino allo zenzero e mandorle – da un’idea della Parodi. esatto. da un’idea. perché nella sua ricetta si parla di pollo allo zenzero. e il pollo non ce l’avevo. poi implicava l’uso della salsa di soia. che era scaduta. poi prevedeva di tostare le mandorle. e io non le ho tostate. infine dovevo aggiungere la […]

  • primi piatti
  • Risotto cremoso alla zucca

    Vi ricordate gli gnocchi alla zucca?
    vi avevo promesso anche un risotto cremoso alla zucca, con lo stesso pezzo di zucca.
    eccolo qua. fosforescente come non mai, inforcarte gli occhiali da sole! XD
    la mia piccola sezione salati per caso, che è nata appunto per caso, con la Maionese fatta in casa che non impazzisce mai!, si sta piano piano espandendo, e i piatti si stanno moltiplicando tipo gremlins annacquati dopo la mezzanotte, e tutto questo contro ogni previsione, perfino la mia! figuratevi!
    credevo che l’avrei abbandonata lì, derelitta, dopo un paio di post, e invece piano piano sto aggiungendo piatti su piatti. con mia stessa sorpresa.
    perchè devo dirvelo.
    questo blog è nato un giorno, per caso, come i salati per caso.
    è un po’ un esperimento.
    sempre work-in-progress.
    non sapevo come sarebbe andata…
    perchè di blog di fatto non ne capivo niente.
    mi ci sono buttata a capofitto, in un momento d’impeto, dicendomi “o la va o la spacca!”
    e spaccare le ho spaccate, e tanto, a chi mi circonda, con domande e domandine, quando non sapevo come fare e dove sbattere la testa…

  • primi piatti
  • Vellutata di piselli con crostini dorati

    Vellutata di piselli con crostini dorati

    Stamani si va di nuovo di piatti salati. Ogni tanto mi prende l’ispirazione per il salato e devo confessarvi che oggi mi sentivo cubista 😛
    sì perchè la vellutata è per eccellenza un piatto morbido, rotondo, armonico, così ho voluto creare questo contrasto netto tra il suo sapore e il suo aspetto cremoso e la presentazione che presenta solo spigoli e angoli.
    sì lo so…sono un po’ scema.
    ma mi piaceva l’idea XD
    dato che una cara amica blogger, la zia Consu, mi aveva fatto scherzosamente notare che solo io potevo servire un qualcosa di rustico e cremoso in cocotte monoporzione ( la Farinata di cavolo nero e la Vellutata di zucca super-piccante) così io, sempre per gioco, ho voluto smentirla e smentirmi soprattutto, e farci su due risate.
    così ecco la mia velluta cubista, in cocotte quadrate, con crostini appuntiti e tovaglietta rettangolare e astratta.
    un tripudio di angoli e spigoli XD
    credo che alla fine la presentazione sia venuta carina, nonostante non sia assolutamente un genio dei set e delle presentazioni, ma soprattutto prendetela per quello che è, un gioco e un divertimento!
    divertimento che non deve mancare mai, soprattutto in cucina!

  • piatti salati toscani
  • Farinata di cavolo nero – piatto della tradizione toscana

    Farinata di cavolo nero - piatto della tradizione toscana

    Dopo lo sfacelo culirario di Gnocchi alla romana, mi sono dedicata ad un piatto della tradizione toscana, La Farinata di cavolo nero.
    peggio che con gli gnocchi d’altronde non poteva andare…
    non era umanamente possibile creare un piatto più brutto e sgraziato!
    quindi, siccome son testarda, siccome non mi arrendo, siccome voglio capire se sono in grado, non tanto di cucinare, perchè quello so che sono in grado, ma per lo meno di presentare decentemente anche i piatti salati, ho voluto ritentare….lo dice anche il detto “ritenta, sai più fortunata!”
    beh… ho capito una cosa.
    che forse forse le cose liquide mi vengono meglio XD
    ho preparato questa farinata che brutta brutta non è, e pure una Vellutata di zucca super piccante che è un chicchino.
    quindi va da sè…gnocchi sfigati, liquidi fortunati!
    alla fine anche l’occhio vuole la sua parte e un gran ruolo lo ha la forma e il colore del cibo stesso, e pure come si decide di servire la pietanza (vedasi appunto gli gnocchi smorti su piatto smorto)
    se questa farinata avessi deciso di servirla nell’orribile piatto degli gnocchi, beh…credo che avrebbe fatto la stessa tremenda fine. derelitta e infamata.
    e invece se ne sta lì bellina, che sembra una farinatina tutta rustica e sistemata.
    e non ho fatto altro che metterla dentro 3 cocottine, semplici ma eleganti (vorrei vedere, linea country chic di Emil Henry).

  • feste & co
  • Vellutata di zucca super piccante – piatto per Halloween

    Vellutata di zucca super piccante - piatto per Halloween

    Stamani per caso guardo il calendario e oh cavolo è il 30. sì perchè quando hai un lavoro come il mio, in un hotel, e lavori sabato, domenica, feste rosse e blue e arancioni, perdi un po’ la concezione del tempo, tutti i giorni diventano uguali.
    2-3 pensieri passano rapidi nella mia mente:
    1. cavolo! blogger cialtrona che non sono altro mi sono mancata la data dei 6 mesi di blog, che era tipo ieri l’altro di là…cioè il 27. ma noi facciamo finta di niente e la festeggiamo oggi.
    2. cavolo! domani è halloween e devo presentare un qualche piatto zuccoso.
    3. cavolo! oggi inizia Lucca Games, a cui non potrò sicuramente andare, ma a cui spedirò il mio ragazzo alla ricerca di trollini norvegesi che colleziono. “a cui spedirò”….sì beh, non che di sua iniziativa non ci andrebbe, intendiamoci.
    bene…l’unica cosa a cui posso porre rimedio in questo preciso istante è presentarvi il piatto zuccoso per halloween, un piatto semplice, facile e veloce, e anche simpatico, per il colore accesso che ha.
    ve lo presento oggi, anche se halloween è domani, così potete organizzarvi e mettervi tutto in casa, nel caso vi vada di farlo.
    sto parlando della vellutata di zucca!
    a chi non piacciono le vellutate?
    credo a nessuno. con il loro accarezzare il palato, la loro cremosità e scioglievolezza.
    se ben fatte, credetemi, sono quasi pannose.

  • antipasti e stuzzichini
  • Fastfood? no grazie! l’hamburger me lo preparo io!

    Fastfood? no grazie! l'hamburger me lo preparo io!

    Non so se avete mai visto Supersize me, un film documentario dove un tipo (un tipo…no aspè…non un tipo qualunque, il regista del documentario stesso) decide quasi di suicidarsi mangiando 3 volte al giorno per un mese da Mcdonalds.
    gli effetti sul suo fisico a fine mese sono devastanti. ingrassa tipo 10 kg, analisi sballatissime, mal di testa, crisi di astinenza, bhe insomma, non ve li sto ad elencare tutti, se vi ho messo curiosità guardatevi il film 😛
    non sono una fan del cibo spazzatura, come avrete capito, ma non è detto che una certa cosa che si compra al fastfood non si possa preparare in casa, con ingredienti freschi e genuini (ehi…non ho detto dietetici, avete sbagliato post voi a dieta!)
    il vantaggio primario sarà essere sicuri al 100% della qualità degli ingredienti, sapere cosa c’è dentro, in che olio è cotto, che salse usiamo, ma sopratuttto CHE CARNE adoperiamo!
    ovviamente non avremo mai un panino “doctor-approved” nel senso che sarà sempre e comunque una “ciccionata”, uno di quei panini che è meglio che mangi una volta a settimana, se non al mese.
    insomma….guardate queste belle fotine…Mcdonalds….ci fai un baffo!
    sì CI fai, perchè il panino è in gentile collaborazione con il mio ragazzo, è lui lo scofanatore honoris causa di hamburger. e non c’è modo che almeno una volta a settimana non sia in menù.
    no ma dico. avete mai comprato un panino al Mac? io sì!

  • piatti salati toscani
  • Panzanella di mia mamma (alla viareggina)

    Panzanella di mia mamma (alla viareggina)

    No… non la ricetta, proprio la panzanella è di mia mamma. Nel senso che l’ha fatta lei, con le sue mani!
    oggi sono arrivata all’hotel dove lavoriamo entrambi e l’ho trovata bella e pronta, già di mattina. proprio ideale per uno spuntino mattutino con tutta quella cipolla fresca XD
    comunque, bischerate a parte, mi sono detta “perchè non inserirla nel blog?” tecnicamente non l’ho fatta io, ma è una ricetta di famiglia, che da mia nonna è passata a mia mamma, e prima o poi passerà a me.
    quindi l’ho fotografata e la tramando a voi, così com’è!
    la panzanella è un piatto toscano a base di pane ammollato. è un piatto molto povero perchè la base è appunto di pane, e solitamente si usa quello raffermo. quindi concetto di fondo è questo: che fare con il pane vecchio, duro, avanzato di qualche giorno?
    il pane era sacro e non si poteva buttare, quindi bisognava trovare un modo, e buono possibilmente, per riciclarlo.
    i 3 modi più alternativi che furono trovati sono: il pancotto (più conosciuto con il nome di pappa col pomodoro), la ribollita e la panzanella.
    nella panzella si fa un breve ammollo di un tozzo di pane raffermo in acqua e poi si sbriciola il suddetto pane in una ciotola e si condisce come se fosse una specie di insalata.
    ci sono centinaia di varianti sugli ingredienti da aggiungere, dalla panzanella poverissima che usava fare mia nonna quando c’era la “miseria nera” come la chiamava lei, ossia solo pomodoro, cipolle, capperi, basilico, a quelle più ricche con aggiunta di tonno (come fa mia mamma), o anche cetrioli, olive e altri condimenti.