Lemon bars – barrette al limone senza forno

Lemon bars - barrette al limone senza forno

Oggi è un giorno speciale!
innanzi tutto è il compleanno di Michela, la mia migliore amica, ma della sua torta di compleanno parleremo un’altra volta, è giusto giusto adesso in forno!
secondo avvenimento importante, questo è il 100esimo post del mio blog!!! non credevo che in così poco tempo (appena 3 mesi di blog, compiuti il 27 di luglio) avrei scritto così tanto, non lo avevo davvero previsto, ma le cose sono andate così, mi sono lasciata trasportare dal momento e dalla passione e ho scritto un mare di parole e cucinato un mare di dolci! è incredibile se paragono le foto che ho fatto all’inizio con quelle che faccio adesso, beh sicuramente non sono una professionista (non ho neppure i mezzi, scatto pur sempre con un cellulare, anche se con un ottima fotocamera, benedetto sia il Nokia Pureview con fotocamera da 41 megapixel) ma è vero che più ci si applica più si migliora, sia nelle foto, che nella composizione, che nella presentazione dei dolci. ho ancora moltissima (se non infinita) strada da fare davanti a me, ma l’importante è non perdere di vista lo scopo, e non dimenticarsi che non si finisce mai di imparare, che non si arriva mai, e se mi guardo intorno, vedo dei blog così professionali e curati, con foto da paura, che mi sento davvero una “formichina!” 😛
comunque riguardando i vecchi post, i primi, provo un certo imbarazzo per le foto (avevo un Nokia N70 che chiamarlo “antidiluviano” era fargli un complimento), oltretutto non avevo proprio  idea di come si facessero fotografie al cibo, nè forse ero particolarmente interessata ad imparare (alcune foto infatti le avevo fatte per me, da postare su facebook prima di aprire il blog, quindi non avevo certo l’idea che un giorno le avrei pubblicate su GZ), quindi beh il salto di qualità c’è stato, e spero di migliorare ancora in  futuro…incrociamo le dita.
ma adesso bando alle ciance (= chiacchiare) e passiamo all’argomento vero e proprio del post, ossia alla ricetta…
Queste Lemon Bars sono un po’ diverse dal solito, infatti la base non si cuoce in forno, e non sono sormontate dalla classica crema al limone fatta con le uova.  per farle ho preso spunto dal programma Twins, Gemelle in Cucina, dove Tony Brancatisano (una famosa cake designer) propone dei dolci tipici della sua terra (Australia) e quindi di conseguenza del mondo anglosassone.
le ho un po’ rivisitate, o meglio ho cambiato le proporzioni degli ingredienti. infatti secondo me le dosi che ho preso dalla trasmissione erano sbagliate (le ho controlle anche su internet per sicurezza), ho fatto solo metà dose perché non volevo fare 1000 barrette, e quando sono andata a mettere gli ingredienti umidi nei solidi erano troppo pochi, gli ingredienti asciutti rimanevano troppo secchi e non legavano, così ho aggiunto gli umidi mano mano fino a che non ho ottenuto una consistenza che ritenevo che si sarebbe compattata in frigo per formare la base delle Lemon bars.

Lemon bars - barrette al limone senza forno
Lemon bars – barrette al limone senza forno
Lemon bars - barrette al limone senza forno
Lemon bars – barrette al limone senza forno
Lemon bars - barrette al limone senza forno
Lemon bars – barrette al limone senza forno
Lemon bars - barrette al limone senza forno
Lemon bars – barrette al limone senza forno

infatti la base è simile a quella del cheesecake, biscotti secchi tritati (tipo Oro Saiwa), cocco rapè per quanto riguarda gli ingredienti solidi, burro e latte consensato per quanto riguarda gli ingredienti liquidi. poi si mette tutto in frigo a compattare.
siccome è stata una ricetta work-in-progress, ossia che ho aggiustato strada facendo, voglio precisare le quantità degli ingredienti per le barrette sono un po’ indicative, dovete ottenere una consistenza simile alla sabbia bagnata, se è troppo asciutta aggiungete un po’ di latte condensato, altrimenti se è troppo bagnata un po’ di ingredienti solidi. sono andata un po’ ad occhio, ho pesato le dosi che dava la ricetta ma poi ho aggiunto i liquidi per aggiustare dato che non la base non legava, ho cercato di calcolare il tutto a ricetta finita ma ci sta che qualche piccolo accomodamento sia da fare (roba di 10 gr qui o lì)
la copertura di queste lemon bars è davvero particolare ed è ciò che le rende davvero uniche!!!
si fa una specie di glassa con lo zucchero al velo, ma invece che usare l’acqua per scioglierlo si usa il succo di limone. il contrasto tra lo zucchero dolcissimo e il succo asprissimo è DIVINO!!!
poi si versa la glassa sopra le barrette. potete decidere di fare un glassa più solida, come hanno fatto nel programma TV, o leggermente più liquida e fondente, come ho fatto io, e colarla su ogni singola barretta in modo che poi debordi e scenda giù (a questo punto dovete servirla come un dolcetto al piatto con cucchiaio e tutto).
potete inoltre decidere di tagliarle a quadretti o a rettangoli, non so, io ho provato a tagliarle in entrambe i modi (si vede nelle foto) e forse mi piacciono più a quadretti. inoltre potete lasciarle così oppure guarnirle con delle scorzette di limone.
hanno riscosso un successone, sono piaciute a tutti, perché sono freschissime, un sapore davvero estivo, rinfrescante, dissetante. se amate il limone non dovete perdervele!
e poi sono ultra-facili e ultra-veloci, e non si accende neppure il forno. più estive di cosi!

Ingredienti per le Lemon bars:

Per le barrette:

  • 120 gr biscotti secchi tritati tipo Oro Saiwa
  • 150 gr latte condensato
  • 130 gr burro fuso
  • 120 gr cocco rapè
  • scorza di 1 limone

Per la glassa:

  • 25o gr di zucchero a velo
  • succo di 1 limone
  • 1 cucchiaio di burro fuso
  • scorza di limone per guarnire

Procedimento:

Tritare finemente i biscotti secchi con il mixer.
Aggiungere il cocco, il latte condensato, il burro fuso e la scorza grattata di un limone. Mescolare tutto fino ad amalgamare bene. Il composto deve avere la consistenza della sabbia bagnata, se è troppo asciutto aggiungete un altro poco di latte condensato, altrimenti se è troppo umido un po’ di cocco.
In una teglia rettangolare da 26×18 cm rivestita di carta forno rovesciare le briciole e compattarle bene usando le mani (le nocche delle dita e pressare).
Mettere in frigo a compattare e nel frattempo preparare la glassa.
Per la glassa prendere lo zucchero, 1 cucchiaio di burro fuso e il succo di 1 limone e mescolare fino a che lo zucchero non si è sciolto alla perfezione. Consiglio di aggiungere il succo di limone poco alla volta, controllando la consistenza della glassa e fermarsi quando si è ottenuta la consistenza gradita.
Se fate una glassa molto densa potete versarla direttamente nella teglia, metterla in frigo e poi quando ha riposato (circa mezz’ora) estrarre tutto aiutandosi con la carta da forno e tagliare le barrette.
Altrimenti se fate una glassa più liquida come ho fatto io tagliate le barrette singolarmente, le disponete su un piatto e le glassate una ad una.
Poi guarnire se di gradimento con scorzette di limone grattugiate.

cliccate qua se volete leggere TRUCCHI E SUGGERIMENTI PER DOLCI PERFETTI

 

3 Comment

  1. Lisa says:

    Invitanti!!!! 🙂
    Se ti va passa a trovarmi e lascia un commento http://blog.giallozafferano.it/magnaetas/
    A presto,
    Lisa

    1. undolcealgiorno says:

      ciao, mi faccio volentieri un giro sul tuo blog, e se ti va puoi iscriverti al contest con una ricetta FRIGOLOSA, buona giornata!!!

  2. undolcealgiorno says:

    ops scusa…ma ero un po’ in modalità pilota automatico stamani, avevo mille cose da fare al lavoro, e dovevo per forza ricavarmi 5 minuti per mettere online le ricette del contest e ho risposto anche a te, ma un po’ di fretta!
    queste lemon bars sono davvero una figata!!! (almeno per me ;P) si saltano tutte le complicazioni delle lemon bars classiche (forno, fornelli), si fa tutto a freddo, ma il gusto non ne risente affatto, anzi!!! sono leggerissime, vanno giù che è una meraviglia!

I commenti sono stati chiusi.