Tortelli con gli strigoli

Strigoli o Stridoli è un’erba spontanea che, nella stagione calda, cresce in tutta Italia. Il suo nome scientifico è “silene vulgaris”  ed è conosciuta sin dai tempi antichi per il suo gusto intenso.

Si pensa che si chiami così perché gli steli strisciando fra le dita “stridono”; è oggetto anche di un giochino divertente: la pianta, quando fiorisce, forma dei piccoli fiori bianchi e bombati che quando vengono schiacciati emettono uno scoppiettio.

In Romagna, penso che le tagliatelle con il sugo di strigoli siano il piatto classico con gli strigoli; sono buonissime, con o senza il pomodoro.

In questa ricetta invece li uso in modo un po’ insolito, come ripieno dei tortelli con gli strigoli.

 

  • DifficoltàMedio
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione1 Ora
  • Tempo di cottura5 Minuti
  • Porzioni4 persone
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 4uova di sfoglia fresca
  • 200 gstrigoli (già cotti)
  • 250 gRicotta vaccina (ben scolata)
  • 80 gParmigiano reggiano (stagionato 36 mesi)
  • 1 spicchioAglio
  • q.b.Sale
  • q.b.Noce moscata (solo se vi piace)
  • q.b.Burro

Preparazione

  1. Per il ripieno:

    Ripassate in padella gli strigoli con un pochino di olio e di aglio, finché non sono ben ammorbiditi.

    Tagliuzzateli finemente e quando sono diventati freddi mescolateli con ricotta e parmigiano, aggiungendo eventualmente un po’ di sale e noce moscata grattugiata; dovete avere un composto sodo e ben amalgamato.

  2. Per la pasta sfoglia fate riferimento a questa ricetta

    Ricavate dalla sfoglia tanti cerchietti di diametro 7/8 cm oppure dei quadrati di lato 7/8 cm; nel primo caso otterrete dei tortelli a mezzaluna, nel secondo caso dei tortelli a triangolo o rettangolari.

    Mettete il ripieno in una sac a poche e mettete un mucchietto per ogni pezzettino di sfoglia.

  3. Ripiegate i tortelli a metà per ottenere mezzelune, oppure triangolini o rettangoli.

    Verificate che i lembi siano bel chiusi per evitare che i tortelli si aprano in cottura; eventualmente spennellate i bordi con un pochino di tuorlo d’uovo o anche solo con acqua.

    Quando chiudete i tortelli, fate in modo che non rimanga aria all’interno: in cottura si gonfierebbe rischiando di rompere i tortelli.

    Mettete i tortelli su una spianatoia in legno, oppure sugli appositi vassoi in cartone o sulle reticelle per alimenti in modo che non si appiccichino tra di loro.

  4. Mettete un po’ di burro nei piatti, cuocete i tortelli in abbondante acqua bollente e salata per qualche minuto, scolateli e metteteli nei piatti aggiungendo un po’ di parmigiano.

Note

Gli strigoli hanno un sapore molto intenso, per cui, se volete un gusto più delicato, invece di ripassarli in padella, li potete sbollentare in acqua salata per un minuto al massimo e poi strizzare bene.

Questi tortelli sono buoni anche conditi con un sugo di pomodoro fresco e scalogno.

3,0 / 5
Grazie per aver votato!

3 Risposte a “Tortelli con gli strigoli”

  1. Sono buonissimi anche sconditi!!!!
    Con un po’ di parmigiano (ma non troppo) e una noce di burro sciolta sono eccezionali!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.