Ragù di casa mia

Perché ragù di casa mia?

Perché credo che ogni famiglia abbia il suo modo di fare il ragù, c’è chi usa solo carne di manzo, chi mette anche il maiale oppure la salsiccia; qualcuno mette anche il salame fresco. Poi c’è a chi piace molto rosso di pomodoro, a chi piace con poco pomodoro; poi ci sono le carote, il sedano e la cipolla: ne mettiamo poche o tante?

Questo è il ragù di casa mia, messo a punto un po’ alla volta ascoltando suggerimenti e provando; ora ve lo racconto.

ragù macinato-di-manzo passata-di-pomodoro
  • Preparazione: 30 Minuti
  • Cottura: 2.30 Ore
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Medio

Ingredienti

  • 750 g macinato di manzo
  • 250 g Passata di pomodoro
  • 150 g Sedano
  • 100 g Carote
  • 100 g Cipolle dorate
  • 100 g Vino bianco secco
  • q.b. Sale
  • q.b. Olio extravergine d'oliva
  • q.b. Sale

Preparazione

  1. Pulite e lavate le carote, le cipolle e il sedano.

    Tagliatele a pezzi piccolini e tritateli abbastanza fini. In un tegame capiente (alla fine dovrà contenere tutto il ragù) con un po’ di olio e acqua fate soffriggere il tutto per 10 minuti, rimescolate sempre e fate attenzione che non si sbruciacchi perché se no prende un sapore che rovina tutto il ragù. Se si asciuga troppo aggiungete un pochino (poca) di acqua.

     

     

  2. Aggiungete la carne e fatela rosolare rimestando spesso in modo che non rimangano pezzi troppo grossi.

    Quando la carne è rosolata aggiungete il vino bianco e fare evaporare a fiamma vivace (rimestando sempre spesso).

  3. Aggiungete la passata di pomodoro e fare bollire piano piano, semicoperto per un paio di ore o finché non ha raggiunto la consistenza giusta.

    Quasi a fine cottura aggiungete il sale.

    Rimescolate ogni tanto, se si attacca prende un pessimo sapore di bruciato.

    Ecco il ragù pronto per le tagliatelle.

Note

Nota: ragù senza grassi aggiunti

In cottura io uso tegami in acciaio con il fondo molto grosso, per cui riesco a rosolare le verdure e la carne senza aggiunta di olio e/o acqua; infatti io non aggiungo olio durante la cottura, ma lo aggiungo a crudo, se necessario quando condisco la pasta.

Il ragù che vedete nelle foto è stato cotto in questo modo; l’unico grasso presente è quello della carne.

Nota: ragù senza rosolare le verdure

Una mia vicina di casa che si chiama Anselmina mi ha insegnato un altro modo di fare il ragù, che non prevede la rosolatura delle verdure. Si fa così:

Tagliate a pezzi grossolani (4/5 cm) e metteteli a bollire in un po’ d’acqua fredda (sufficiente a coprire le verdure e a compensare l’evaporazione) e lasciate bollire piano fino a stracottura. Quando sono cotte scolate le verdure (non buttate il brodo che poi serve) e passatele al passaverdura in modo da eliminare tutta la parte filamentosa che rimane dentro il passaverdura; si userà solo la polpa.

Filtrate il brodo di verdura con un colino fine.

In un tegame abbastanza grande da contenere tutto il ragù rosolate la carne, aggiungete il vino, fate evaporare.

A questo punto aggiungete la verdura, il brodo e la passata. Poi si fa bollire sempre almeno 2 ore.

Vi assicuro che è buonissimo!

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.